LE NOSTRE RECENSIONI


Novità in Libreria


Torna in libreria l’ormai introvabile romanzo vincitore del Premio Scerbanenco 2005. 

In una nuova edizione rivista – e in parte riscritta – dall’autore
L'angelo del fango di Leonardo Gori  

Pagine: 348 - Prezzo: €14,00 In libreria dal 15 ottobre 2015 

TRAMA
Firenze, 1966: il capitano Arcieri indaga nella catastrofe dell'alluvione.   Novembre 1966. Firenze è in ginocchio, sventrata dalla furia dell'Arno e sommersa dal fango. I fiorentini però sono subito al lavoro, aiutati da un'incredibile ondata di solidarietà che ha portato in città gli «angeli del fango», tanti giovani da tutta Italia. Lo Stato non può mancare e, nonostante le condizioni proibitive, il presidente della Repubblica Saragat decide di visitare la città. Incaricato della sicurezza, il colonnello dei Carabinieri Bruno Arcieri si trova davanti un compito impossibile. La situazione convulsa offre infatti l'occasione perfetta per chi volesse colpire in alto, e anche per chi volesse invece saldare vecchi conti aperti. Il ritrovamento di un cadavere misterioso, un giornalista ambiguo, una donna che cerca protezione, dossier dimenticati: a poco a poco Arcieri si addentra in un'indagine carica di passato e di sangue, in fondo alla quale lo attende una sconvolgente rivelazione. Sullo sfondo di una ricostruzione meticolosa e avvincente, Leonardo Gori accompagna il suo personaggio e i suoi lettori lungo una pista che serpeggia dai depositi distrutti della Biblioteca Nazionale, al primo dopoguerra, alla Repubblica di Salò e ancora più indietro nelle tenebre della nostra storia. 

«Un giorno cupo si era levato su Firenze, lordata di fango. Anna Gianfalco era in piedi, sulla spalletta del lungarno, stretta accanto ad altra gente. Guardava la facciata della Biblioteca Nazionale. I Vigili del Fuoco agganciarono le catene alle sbarre della finestra, il motore dell’anfibio iniziò a urlare, finché Anna udì uno strappo e le catene ricaddero sonoramente sulla melma. Il fango schizzò tutto intorno, finendo sugli stivali di gomma della gente stanca e impaurita. Il cadavere saltò dal varco come un grande pupazzo a molla, seguito da un potente getto d’acqua giallastra, striata di rosso. Per un istante, ad Anna sembrò quasi vivo.» 

Nota dell’autore. La storia più recente del colonnello Arcieri inizia nella Firenze alluvionata del novembre 1966 e prosegue con Musica Nera, Fantasmi del passato e Il ritorno del colonnello Arcieri. L’angelo del fango è stato pubblicato nel 2005. Nei dieci anni trascorsi, la vicenda di Bruno Arcieri ha preso strade nuove e piene di sorprese. È cambiato anche l’animo dell’autore, che ha deciso di togliere un velo dal cuore del suo personaggio. La semplice revisione immaginata all’inizio si è trasformata in qualcosa di più complesso, e alcuni cambiamenti hanno riguardato il nucleo profondo della storia. Alla fine il romanzo è stato in parte riscritto. I fatti raccontati, naturalmente, sono gli stessi. 

AUTORE
Leonardo Gori vive a Firenze. È autore del ciclo dei romanzi di Bruno Arcieri: prima capitano dei Carabinieri nell’Italia degli anni Trenta, poi ufficiale dei Servizi segreti nella seconda guerra mondiale e infine inquieto senior citizen negli anni Sessanta del Novecento. Il primo romanzo della serie è Nero di maggio, ambientato a Firenze nel 1938, cui sono seguiti Il passaggio, La finale, L’angelo del fango (Premio Scerbanenco 2005), Musica nera, Lo specchio nero, Il fiore d’oro (questi ultimi due scritti con Franco Cardini) e Il ritorno del colonnello Arcieri (2015). La serie di romanzi è in corso di riedizione in TEA. È anche autore di fortunati thriller storici e co-autore di importanti saggi sul fumetto e forme espressive correlate (illustrazione, cinema, disegno animato). leonardogori.com 

«Leonardo Gori è un vero scrittore: ha grandi doti narrative, i suoi romanzi suscitano emozioni e creano immagini, riuscendo a far viaggiare il lettore nella recente storia del nostro Paese. Il suo personaggio, Bruno Arcieri, è un integerrimo colonnello dei carabinieri che ci racconta con grande realismo gli aspetti più negativi dell’Italia. Una figura di grande umanità, che resta nella nostra memoria come un persona realmente conosciuta.» 
Marco Vichi




La resa dei conti di Andrew Pyper
Disponibile in eBook da Giovedì 8 Ottobre 2015 a € 4,99

Un thriller che s’intreccia al paranormale, una storia che scava in un passato incancellabile da cui l’unica via di fuga è affrontare il mistero più oscuro e minaccioso.  

TRAMA
I gemelli Danny e Ashleigh Orchard hanno condiviso fin dalla nascita un legame oscuro e inquietante, un vincolo indissolubile che si spezza nel momento in cui Danny è l’unico che sopravvive a un terribile incendio. Dopo quel giorno, Danny non avrà più una seconda possibilità. Il libro che scrive in seguito a quell’esperienza drammatica, nonostante gli procuri fama e ricchezza, non riuscirà mai a liberarlo da ciò che lo tormenta. Ashleigh era una ragazza seducente e allo stesso tempo conturbante, capace di dare segni di squilibrio mentale e di terrorizzare la sua famiglia tra le mura domestiche. Ora è tornata dalla morte per far pagare a suo fratello il prezzo per essere scampato a quel maledetto incendio nel momento in cui lui sembra aver finalmente raggiunto la serenità con la donna che ha sposato. Ma Danny sa cosa Ashleigh vuole realmente, e pur di salvare se stesso e coloro che ama è disposto ad affrontarla nel luogo dove ora risiede, anche se questo può significare rimanervi per sempre. 

AUTORE
Andrew Pyper è nato a Stratford, Ontario, nel 1968. Laureato in letteratura inglese e in legge, è il pluripremiato autore di cinque romanzi bestseller a livello internazionale. Il suo primo romanzo, Le ragazze scomparse (Garzanti, 2005), ha vinto il premio Arthur Ellis ed è apparso nelle classifiche dei libri più venduti del New York Times e del Times. The Killing Circle, il suo quarto lavoro, è stato inserito nella lista dei migliori crime del 2008 del New York Times. Per Fanucci Editore ha già pubblicato Il paradiso perduto (2013).




 DarkLand di Paolo Grugni  
Il male cerca l'oscurità e odia la luce 
Melville Edizioni 
In libreria e in versione ebook dal 22 ottobre 2015

Pagine: 256 - Prezzo cartaceo: € 16,50 -  Prezzo ebook: € 8,90 

L'ATTUALITA' DEL MALE. DA NORIMBERGA AI GIORNI NOSTRI. UN THRILLER RICCO DI RIVELAZIONI 

IL LIBRO
Con 'Darkland' (Melville Edizioni, in libreria ed ebook dal 22 ottobre 2015), Paolo Grugni si conferma autore di grande talento narrativo, nonché acuto osservatore della storia, della società, e della natura umana, oltre che sottile conoscitore dell'aspetto irrazionale inscindibilmente legato ad essa. Per lo scrittore milanese, la letteratura è sempre espressione di impegno etico e politico. Lo conferma la sua nuova opera: un thriller a sfondo storico che affonda le radici nell'atmosfera grigia, cupa e piovosa della Foresta Nera. Da qui il titolo 'Darkland' - terra oscura - che è non solo un rimando alla Foresta Nera, ma anche al passato notoriamente oscuro e fosco della Germania. Karl Jerzyck, un professore di criminologia di Monaco, scopre in maniera del tutto casuale delle ossa in un bosco vicino a Karlsruhe. I resti appartengono a persone scomparse 25 anni prima in circostanze mai chiarite. Il criminologo e Arno Schulze, l'ispettore della Kripo che aveva seguito il caso all'epoca, decidono di riprendere le ricerche. I due si trovano presto coinvolti nelle trame di gruppi neonazisti collegati a sette esoteriche e occulte. Un percorso che li farà tornare indietro nel tempo ai campi di sterminio nazisti. La ripresa delle indagini coincide però con una serie di nuove sparizioni, questa volta nella città di Friburgo. Che cosa sta succedendo nella Foresta Nera? Perché è stata scelta proprio questa zona della Germania? Jerzyck e Schulze scopriranno che qualcuno ha deciso di riprendere gli esperimenti iniziati da Joseph Mengele, l'angelo della morte, ad Auschwitz e mai conclusi. A quale scopo? Perché il mondo del neonazismo è in fermento? Chi si nasconde dietro agli omicidi? E qual è l'annuncio che una potente organizzazione neonazista si accinge a lanciare il 20 novembre 2015 proprio in occasione del 70° anniversario del processo di Norimberga? Paolo Grugni in 'Darkland' - frutto di una lunga, approfondita, dettagliata ricerca storiografica - propone al lettore una sconvolgente chiave di lettura dell'ideologia nazista e della sua visione del mondo. Fino allo stupefacente, inedito finale: come sarebbe stata l'Europa se Hitler avesse vinto la guerra. 

AUTORE
Paolo Grugni (Milano, 1962), germanista, oltre a Darkland, ha pubblicato sette romanzi: Let It Be (Mondadori, 2004), Mondoserpente (Alacrán, 2006), Aiutami (Barbera, 2009), Italian Sharia (Perdisa Pop, 2010), L’odore acido di quei giorni (Laurana, 2012), La geografia delle piogge (Laurana, 2013), L'Antiesorcista (Novecento, 2015). Ghiaccio nove: collana di narrativa contemporanea italiana e straniera 

Commenti

  1. La resa dei conti secondo me e un libro che merita, mi piace moltissimo

    RispondiElimina
  2. Nessuno di questi titoli fa al caso mio :(

    RispondiElimina
  3. DarkLand è un libro che mi incuriosisce :)

    RispondiElimina
  4. "La resa dei conti" mi incuriosisce molto :)

    RispondiElimina

Posta un commento