venerdì 18 dicembre 2015

Incontro con l'Autore: Barbara Fabbroni



Data: 3 dicembre 2015
Autore: Barbara Fabbroni
Libro: “L’amore forse”
Luogo: Concept Store Maryling - Milano

 
Cari Esserini Libracei,
chiedo umilmente venia per il ritardo col quale vi arriva questo resoconto ma oltre a faccende di varia natura è stato difficile per me decidere di scrivere questo post perché questo evento è stato mondano più che letterario e devo ammettere di non averlo gradito.
Preciso subito una cosa: un mio difetto (o pregio, dipende con chi parlate) è che io dico sempre ciò che penso.
Se un libro non mi è piaciuto o a un evento non mi sono trovata bene lo dico senza mezzi termini perché ritengo conti molto di più l’onestà anzichè glassare di bava i glutei degli addetti alle case editrici (che brutta immagine ma l’ho detta con classe, no?) :P

L
a presentazione si è tenuta al Maryling, un concept store (quindi fondamentalmente uno spazio enorme dove sono sparpagliati oggetti che non c’entrano nulla gli uni con gli altri) e già qui avrei dovuto avere dei sospetti ma quando mi sono ritrovata seduta in platea con Alessia Fabiani, Margherita Zanatta e Raffaello Tonon ho capito di aver sbagliato ad accettare l’invito.

Grazie al cielo Marco è venuto con me perché altrimenti non avrei resistito, scusatemi ma io aborro tutto ciò che è show televisivo :P
La casa editrice deve aver pensato che invitare personaggi famosi avrebbe attirato molto pubblico, in sala c’era persino Jo Squillo e l’evento era presentato da Camila Raznovich e Roberto Alessi…il problema è che la qualità della presentazione è stata compromessa e la stessa autrice ha fatto sorrisi forzati ed era chiaramente a disagio.

 

Roberto Alessi ha tenuto un quasi monologo durante il quale ha parlato del tradimento avvenuto nella storia e dei gusti sessuali della protagonista, ridicolizzandone il personaggio e concludendo con una dedica a Parigi che ha voluto forzatamente adattare per l’occasione in seguito agli attacchi terroristici di quei giorni (dato che il libro è ambientato lì).
Camila Raznovich ha tentato di fare qualche domanda ma l’autrice veniva spesso interrotta da Alessi i cui interventi hanno decisamente guastato la già precaria atmosfera pseudo-letteraria che si respirava.
E vi dirò che è un vero peccato perché Barbara Fabbroni è una donna molto gentile, posata, discreta che stava a questi personaggi come la marmellata sta alla maionese.
E’ una donna intelligente, con cose interessanti da dire sull’amore e i rapporti di coppia e, da quel poco che ha potuto dire, si notava la scintilla di psicoterapeuta che brillava col suo acume e che premeva per venir fuori tra un ammiccamento della Raznovich e uno sproloquio di Alessi.
E’ stata così carina da scrivere per noi del blog una dedica personale senza che le dicessimo nulla:
 

 

Il momento migliore dell’evento? Quando io e Marco siamo usciti e ci siamo goduti Piazza Gae Aulenti:



 
Del resto è davvero particolare e bellissima :-)
Comunque non temete perché la nostra Eva presto farà una recensione del libro e potrete leggere ciò che conta davvero e cioè la trama e cosa può trasmettere.
Ora che mi sono sfogata (e credetemi, mi sono tenuta…parecchio) non mi resta che salutarvi e augurare a tutti voi delle serene festività e lo faccio con la mia solita faccia da idiota e quella sicuramente più gradevole ed intelligente di Marco:

 


 

 


 

3 commenti:

  1. Concordo su tutto quello che hai scritto meno una cosa: la faccina gradevole è la tua !! :)
    L'evento è stato pubblicizzato su Radio Novella2000, ed anche i personaggi citati fanno parte di quel palinsesto. Ne consegue un abbinamento libro rosa=gossip+sesso partorito da personaggi abituati a surfare sulla cresta di onde di carta patinata.
    Come hai notato tu, anche io ho percepito una certa irritazione da parte dell'autrice, che inutilmente cercava di riportare il discorso sul tema del libro, cioè di come gli eventi della vita possano influire su determinate scelte apparentemente sbagliate. In definitiva, non è così che si presenta un libro, e credo che tu dicendolo apertamente stia facendo un favore alla casa editrice e all'autrice stessa :)

    RispondiElimina
  2. Bene mi fa piacere che per una volta le cose si dicono con schiettezza, l' evento sembra organizzato per persone di spettacolo e non per gli amanti della lettura, trovo che le persone invitate a quest'incontro sono di un ignoranza totale, si vede che in vita loro non hanno mai aperto un libro, e soprattutto capito i sentimenti che la scrittrice voleva trasmettere. Aspetto la tua recensione del libro.

    RispondiElimina
  3. Oddio che esperienza orribile: non capisco perchè certa gente venga invitata e perché lasciano la presentazione a un megalomane egocentrico come Alessi. Povera autrice!!!

    RispondiElimina