[BlogTour] Fuga da Villa del Lieto Tramonto di Minna Lindgren: Recensione in Anteprima - 5° Tappa


Buongiorno Lettori Meravigliosi e ben trovati!
Ebbene sì, è tempo di un nuovo bellissimo BlogTour :) Siamo ormai arrivati alla conclusione di questo meraviglioso percorso che vi ha portato all'interno del nuovo romanzo di Minna Lindgren, ossia Fuga da Villa del Lieto Tramonto, il secondo capitolo della Trilogia di Helsinki, in uscita domani, che vede come protagoniste le tre irriverenti vecchiette che ho adorato fin da subito nel primo libro, Mistero a Villa del Lieto Tramonto di cui trovate la recensione sul blog.

E parlando di recensioni io direi di non perderci in altre chiacchiere e di venire subito alla mia Tappa, il cui contenuto sarà appunto la Recensione in Anteprima di questo romanzo!

Il Libro

Prezzo: € 17,50
Ebook: € 9,99
Pagine: 320
Genere: Giallo
Editore: Sonzogno
Data di pubblicazione: 14 Aprile 2016

TRAMA
Pareti abbattute, tubature divelte e trapani che spaccano i timpani. Villa del Lieto Tramonto, la tranquilla residenza per anziani nella periferia di Helsinki, è sottosopra per massicci lavori di ristrutturazione, e alle inseparabili Siiri e Irma non resta che cercare un modo per fuggire. E alla svelta: loschi individui – sono davvero muratori? – si aggirano nell’edificio, e il portagioie della loro compagna Anna-Liisa è scomparso. Tutto sotto gli occhi della direzione della struttura. Perché allora non affittare un appartamento in centro, lontano da disagi, furti e calcinacci? Meglio però allargare l’invito agli amici della canasta: la puntigliosa, cara Anna-Liisa e l’ambasciatore, il suo distinto consorte, oltre all’infelice Margit alle prese con la grave malattia del marito. La convivenza nello stravagante alloggio – raso rosso alle pareti, un letto rotondo e un improbabile palo da lap-dance in soggiorno – in uno dei palazzi più antichi della capitale finlandese, è per il gruppo di anziani un avventuroso nuovo inizio: la spesa al pittoresco mercato coperto, il bucato, i pasti da cucinare, amicizie inaspettate e giri in tram tra vecchi ricordi e scoperte entusiasmanti. Eppure, qualcosa non quadra. Per il fiuto investigativo di Siiri e Irma, la ristrutturazione nasconde ben altre, criminose attività, e quando il mistero comincerà a dipanarsi tra comici passi falsi, inattesi colpi di scena e irriverenti quanto umane opinioni sulla morte, le ostinate vecchiette toccheranno con mano quanto sia facile lasciarsi ingannare dalle apparenze. Anche alla loro non più tenera età. Il nuovo episodio della Trilogia di Helsinki, irresistibile commedia gialla che mescola sapientemente suspense, umorismo e acute riflessioni su temi sociali di rilevante attualità.


La Recensione

Vi siete mai chiesti se esistano libri davvero in grado di chiamare a gran voce un lettore? Vi siete mai sentiti attratti, magari senza un motivo, da un libro che pochi minuti prima non conoscevate neanche o da un libro di cui siete totalmente all'oscuro? Per rispondere alla prima domanda, io credo di sì, sono convinta che i libri siano in grado di parlarci, di capirci, di conoscere i nostri bisogni, e rispondendo alla seconda rischierei di ripetermi, ma la risposta non può che essere ancora sì ed è quello che è stata per me Minna Lindgren: fin dal primo momento in cui ne ho sentito nominare il titolo mi sono sentita incredibilmente presa in ostaggio dal libro e così come mi è accaduto per il primo, una volta aperta la prima pagina di Fuga da Villa del Lieto Tramonto sono stata risucchiata in un vortice di parole, emozioni, mistero e risate che mi hanno fatto sentire viva.

La residenza per anziani Villa del Lieto Tramonto è autentico disastro: i lavori di ristrutturazione sono ormai iniziati e tra pareti crollate più o meno accidentalmente, polveri sottili, tubature rotte e rumori assordanti è divenuta quasi invivibile. Chi ha potuto trovare un altro posto in cui passare i mesi successivi è già scappato, e le nostre tre irriverenti vecchiette, Siiri, Irma e Anna-Liisa, e pochi altri sfortunati, non sono certamente intenzionate a sopportare tutto questo, se non fosse però che non dispongono di un altro luogo in cui rifugiarsi fino alla fine dei lavori. La situazione non può che peggiorare e quando Anna-Liisa, lasciata alla residenza dal marito Onni, subisce un tracollo e si vede portata via in ambulanza, Irma e Siiri si rendono conto che è necessario trovare una soluzione a tutto questo ed incredibilmente un consueto viaggio in tram ed una chiacchierata con una ragazza portano a Siiri la risposta perfetta: perché non fondare una comune? Che male ci sarebbe a prendere un appartamento tutto per loro e stabilircisi per i restanti mesi? Comincia così la loro ricerca che si concluderà, fortunatamente, grazie all'aiuto di Onni, proprietario di un appartamento in uno dei palazzi più antichi di Helsinki, e quando, una volta sistemate, la loro mente sarà libera di vagare i dubbi cominceranno a riaffiorare, l'intuito investigativo di Siiri ed Irma sta dicendo loro qualcosa, sta lanciando indizi su quello che sta accadendo veramente a Villa del Lieto Tramonto: e se gli operai non fossero davvero operai? Se dietro i loro elmetti e le loro tute si nascondessero dei truffatori? E poi, che fine ha fatto il portagioie di Anna-Liisa? Strani avvenimenti e bizzarre coincidenze si verificheranno e tra una partita a canasta e l'altra le tre arzille vecchiette cominceranno ad indagare, ma siete sicuri che scopriranno davvero qualcosa?

Cominciamo con il dire che ho cominciato ad aspettare questo libro fin dal momento in cui ho terminato quello che lo precede, fare a meno di Siiri, Irma ed Anna-Liisa è assolutamente impossibile! Fuga da Villa del Lieto Tramonto, tra l'altro, non ha minimamente disatteso le mie aspettative: fin dalle prime pagine ho ritrovato tre protagoniste decisamente non convenzionali e forse proprio per questo molto più interessanti rispetto ad altri, ho potuto nuovamente saggiare la loro voglia di vivere, il loro voler essere sempre attive, il loro non stancarsi mai, la loro simpatia e soprattutto quell'istinto investigativo che anche a novantanni le fa sembrare più giovani che mai.

Le novità che Minna Lindgren ha voluto inserire all'interno di questo secondo capitolo sono molteplici partendo dai protagonisti stessi: sicuramente il personaggio di Onni acquista, qui, un ruolo più solido ed un'importanza, soprattutto dopo il matrimonio ormai consolidato con Anna-Liisa, maggiore, elemento questo che non mi è affatto dispiaciuto, ho apprezzato molto il fatto che l'autrice abbia voluto farci conoscere meglio l'ambasciatore, cosa che le ha permesso di arricchire la storia; incontriamo poi Margit, una donna affranta e teneramente triste per la condizione del marito, colpito da una grave malattia che lo vede vegetare a letto senza la possibilità di lasciare in libertà questo mondo, così come la moglie stessa vorrebbe. Con questo personaggio l'autrice ha avuto la possibilità di inserire all'interno del romanzo tematiche molto importanti, quali l'eutanasia e la condizione finlandese, e tuttora fortemente dibattute che hanno dato un tono meno frivolo al tutto, seppur sia stata in grado, molto abilmente, di non rendere la storia troppo pesante. Le tre vecchiette, e noi attraverso loro, faranno poi la conoscenza di una nuova donna, anche lei residente a Villa del Lieto Tramonto, Ritva Lahtinen, un medico legale ormai in pensione molto particolare che, nel suo piccolo, porterà scompiglio nella vita della residenza. Altri piccoli personaggi, poi, coloreranno la Helsinki di Siiri, Irma e Anna-Liisa, come i due ragazzi nigeriani che faranno rinascere nelle prime due l'amore per la cucina.

A livello di ambientazione, poi, ovviamente la città che fa da sfondo rimane la capitale finlandese, ma i luoghi che ammireremo con gli occhi delle tre protagoniste saranno differenti ed esattamente come nel primo libro l'autrice ci farà fare un piccolo tour turistico di Helsinki, arricchendo le descrizioni con particolari architettonici particolarmente interessanti. Inoltre, all'inizio del libro troverete una cartina di una parte della città così che vi sarà più facile ritrovare tutti i luoghi menzionati. Altro elemento che irromperà nelle vite delle tre donne è la Tecnologia e vi posso assicurare che le risate non mancheranno: quella più tecnologica si dimostrerà essere Irma, super indaffarata con la sua personale tavoletta e le sue magnifiche appe, ed in generale le tre si ritroveranno completamente immerse in una casa altamente tecnologica, dove anche le tende ormai si possono chiudere ed aprire con un telecomando. Ho apprezzato molto l'idea dell'autrice di far abituare in qualche modo Siiri, Irma ed Anna-Liisa alla modernità rendendole ancora più amabili e regalandoci così più di un sorriso immenso.

Infine, non è certo mancato il lato investigativo del romanzo, che prenderà piede a poco a poco nel corso della lettura e che ci farà ritrovare il lato suggestionabile delle tre protagoniste e quello avventuriero, due aspetti assolutamente caratteristici ed adorabili che le rendono uniche ed inimitabili. Questa volta però dovranno fare i conti con le apparenze, ciò che credono essere la verità verrà messo a confronto con quella che è la verità stessa, le coincidenze e tutto ciò che appartiene ad esse. Il dubbio, a volte, si insinuerà in voi e con facilità vi ritroverete pronti all'azione, completamente immersi e travolti da una storia che divorerete in pochissimo tempo, esattamente com'è successo a me!

Lo stile si conferma ancora una volta molto scorrevole, ironico al punto giusto ed in ugual modo colorito.
Una volta chiuso il libro un senso di malinconia si è impossessato di me e mi ha fatto desiderare più che mai il terzo libro, quello conclusivo della Trilogia, per poter tornare a vivere qualche ora di spensieratezza ed in assoluto divertimento con Siiri, Irma ed Anna-Liisa, le tre inseparabili amiche che sono entrate ormai a far parte della mia vita.




Veniamo ora alla parte più succulenta della Tappa e quella che probabilmente tutti state aspettando: come sapete una copia di FUGA DA VILLA DEL LIETO TRAMONTO sta cercando casa e quello che dovete fare è, molto semplicemente, compilare il form che vi metto qua, sotto al calendario delle varie Tappe! Pronti? :)




Come sempre spero che la recensione vi sia piaciuta, che abbiate seguito il BlogTour con interesse e auguro ad ognuno di voi Buona Fortuna!

Commenti

  1. Queste anziane "signorine" mi stanno davvero simpatiche e questo romanzo si sta scavando un angolino tra quelli che desidero leggere. Diciamo che sta scalando la lista ^______^
    Bella recensione!!!!

    RispondiElimina
  2. Dopo aver letto questa recensione come posso resistere ancora?
    Ultima tappa! Ho fatto tutto e per sicurezza ti lascio nuovamente l'email :)
    ramonad1994@gmail.com
    Complimenti a tutte per l'organizzazione e per questo bellissimo lavoro!

    RispondiElimina
  3. grazie per questa splendida opportunità
    complimenti per la recensione

    RispondiElimina
  4. Simpatiche le nonnine. ...
    Grazie x l opportunità e complimenti
    francydesiderio@gmail.com

    RispondiElimina
  5. Simpatiche le nonnine. ...
    Grazie x l opportunità e complimenti
    francydesiderio@gmail.com

    RispondiElimina
  6. E siamo arrrivati alla fine..bellissimo tour ..e per finire bellissima recensione...incollo qui il link della condivione su Twitter perchè nel reflecooper non ci sono riuscita..mannaggia a me :-)
    https://twitter.com/bebatag/status/720230450749378561
    Ricordo la mia email bebatag@gmail.com...grazie

    RispondiElimina
  7. Purtroppo siamo arrivati all'ultima tappa.mi ha fatto molto piacere partecipazione! Anche quest'ultima recensione è davvero bella e interessante!

    RispondiElimina
  8. Aggiungo qui il link di condivisione perché nel form non riesco https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=990142897701476&id=100001173250930

    RispondiElimina
  9. Sto già ridendo al solo pensiero di cosa faranno queste tre adorabili vecchiette! xD
    Soprattutto sono impaziente di arrivare alla parte sulla tecnologia.
    Riscrivo la mia mail per promemoria (lonely_dreamer@hotmail.it) e questa è la mia condivisione di oggi su Twitter.

    RispondiElimina
  10. questo libro mi ispira molto!
    spero di essere fortunato ;)

    RispondiElimina
  11. Più sento parlare di questo libro, più lo voglio leggere! :)

    RispondiElimina

Posta un commento