venerdì 10 giugno 2016

Novità da Baldini&Castoldi per ravvivare la vostra estate

 «L’uomo è la specie più folle: venera un invisibile Dio e distrugge una Natura visibile. Senza rendersi conto che la Natura che sta distruggendo è quel Dio che sta venerando.»

 

Dopo L'universo spiegato ai miei nipoti, l'astrofisico Hubert Reeves torna a raccontare la scienza ai più giovani

Il mare è essenziale per la nostra vita. Ciò che la scienza ci ha insegnato sulle origini del mare, la sua natura fisica, i suoi movimenti, il suo ruolo nel cambiamento climatico ci obbliga a guardarlo come si guarderebbe il cuore di un sistema globale dal quale dipende l’equilibrio dell’intero pianeta. Per raccontarvi la complessità di questo sistema abbiamo unito le nostre conoscenze e i nostri occhi: quelli dell’astrofisico per raccontare il ruolo del mare nel sistema solare nell’Universo, quelli dell’oceanografo per osservarlo dalla Terra, tuffandosi nelle sue profondità estreme. Lasceremo ai nostri nipoti questo pianeta in uno stato precario; sappiamo che dovranno prendersene cura. Per questo vorremmo solleticare la loro curiosità. E mantenere intatto il senso di meraviglia che ci piace vedere brillare nei loro occhi quando lo osservano…
---

«Un attacco inaudito allo sport e a tutto quello che significa per noi.» Thomas Bach

Forse lo sport è stato la più grande perdita di tempo della storia dell’uomo: secoli e secoli passati a saltare, correre e arrampicarsi senza accorgersi che la vita nel frattempo scorreva altrove, e che la felicità umana consiste in altro.


Dal 5 al 21 agosto si svolgeranno le Olimpiadi di Rio de Janeiro. Si tratta della nuova edizione di un evento che si ripete da secoli, per il quale, addirittura, si deponevano le armi e si interrompevano le guerre. Lo sport, insomma, ha sempre costituito, nella storia umana, un fattore fondamentale e spesso inspiegabile di fratellanza nella competizione. Ma poi le guerre si son sempre riprese, gli uomini hanno continuato a cadere sotto i colpi delle armi, e lo sport s’è dimostrato essere soltanto un’inutile divagazione, con in più la capacità di dividere animi che, altrimenti, non si sarebbero mai contrapposti. Ora l’ossessione salutista ha fatto sì che lo sport sia la nuova e unica religione universale del nostro tempo, ma come ogni religione ha i suoi non praticanti e i suoi adepti infedeli: perché, ad esempio, alleniamo il nostro corpo e contemporaneamente lo avveleniamo fumando e mangiando male? E perché tentare di allungare la propria vita tenendosi in forma, quando è stato, invece, lo sviluppo della farmacopea a garantirci l’esistenza fino a un’età media sempre crescente?
---

«Imbatterti nel cadavere galleggiante dell’amante di tuo marito può rovinarti la nuotata mattutina. Ma diventare la principale sospettata del delitto può rovinarti l’intera vita.» 

Caso editoriale negli Stati Uniti.

Finalista del Golden Heart Prize nel 2014

È il 1974 e la vita di Ellison Russell ruota intorno a sua figlia e alla sua inclinazione verso l’arte. Da tempo ha smesso di badare al suo infedele marito, Henry, e alle donne con le quali si intrattiene. Tutto vero, fino a quando non diventa la principale sospettata per la morte di Madeline Harper. L’omicidio costringerà Ellison a confrontarsi con le deviazioni e i piccoli crimini del marito – sesso fetish, meschine crudeltà e vili ricatti. Man mano che il conto dei corpi sale sino ad assomigliare al par della buca 7, conto che toccherà a lei darsi da fare per catturare l’assassino. Ma con una madre impicciona, un padre adorante, una figlia adolescente, e una squadra di amici animati dalle migliori intenzioni, ma che richiedono costantemente la sua attenzione, riuscirà Ellison a trovare l’assassino prima che lui trovi lei?
---

«Leggendo Monaldi & Sorti si capisce il potere della loro lingua, insieme a quel malefizio di cui sono capaci solo i grandi giallisti: inchiodare il lettore alla pagina. E oltre a ciò rimane non poco divertimento d’erudizione.» la Repubblica

Uno scrittore, un omicidio e un’isola meravigliosa, raccontata nel suo momento di maggior splendore: ecco gli ingredienti perfetti per un giallo intricato e glamour

Isola di Capri, agosto 1939. L’Italia è nella morsa del fascismo, la seconda guerra mondiale è alle porte. Durante uno scintillante party sotto le stelle, zeppo di aristocratici, ufficiali nazisti e miliardari americani, il celebre scrittore Curzio Malaparte, gran rubacuori ed enfant terrible del fascismo, viene accostato dalla polizia segreta di Mussolini: qualcuno lo accusa dell’omicidio di una giovane poetessa inglese, misteriosamente precipitata da una scogliera quattro anni prima – un evento realmente accaduto. Malaparte decide di darsi alla macchia. Chi sta cercando di incastrarlo? Lo scrittore dovrà fare appello a tutte le sue doti, a un’incantevole fanciulla dai talenti insospettabili e a un geniale deus ex machina: un giornalista americano, futuro capo dello spionaggio militare USA in Europa. Da scenario fanno il paesaggio di Capri e la villa che Malaparte si sta costruendo su una delle scogliere più spettacolari dell’isola, mentre tra champagne e orchestrine la high society europea attende rassegnata la sua ultima ora. Malaparte invece non ci sta: è ben deciso a salvarsi la pelle e ha ancora fresche nell'animo le ferite riportate da eroe nella prima guerra mondiale.
---

 «Era una situazione piena di fermenti: comuni, teatro d'avanguardia, arte, riviste... e ovviamente musica... musica sì, ma mai leggera.» Franco Battiato

Da Franco Battiato ai Goblin, da Ennio Morricone a Lucio Battisti, da Luciano Berio agli Area, da John Cage a Giorgio Moroder: ecco la storia di come l'Italia, senza saperlo, ha inventato la musica del futuro

Fuori dalla consueta diatriba Cantautori vs. Sanremo e Rock italiano vs. Musica leggera, Superonda è il racconto di quelle musiche che tra 1964 e 1976 riuscirono a sviluppare linguaggi originali e in grado per una volta di proiettare la musica italiana all’estero, esercitando una sotterranea influenza sul mondo dell’elettronica, del rock alternativo, e delle musiche sperimentali. Un percorso accidentato in cui le vicende di future icone nazionali come Ennio Morricone, Franco Battiato e Area si mescolano a quelle di artisti convertiti al rock come Mario Schifano, in cui l’avanguardia di Berio e Maderna dialoga a distanza con la musica su commissione dei Goblin e delle sonorizzazioni Rai, e in cui i fermenti della cultura underground fanno da sponda a colonne sonore per film di serie B, revivalismi folk e free jazz militante, per arrivare al Lucio Battisti di «Anima latina». Sullo sfondo, la nascita di un immaginario italiano fatto di spaghetti western e bottiglie molotov, gialli alla Dario Argento e avanguardie radicali, riviste di controcultura e sceneggiati di fantascienza, comuni freak ed espropri proletari.
---

2 commenti:

  1. Un salto nel buoi sembra interessantissimo😀

    RispondiElimina
  2. Di questi non so, non mi attirano molto.. :O

    RispondiElimina