martedì 7 giugno 2016

Recensione: La prima volta per sempre di Sarah Morgan


Prezzo: € 14,90
E-book: € 3,99
Pagine: 353
Editore: Harper Collins Italia
Genere: Romance

In seguito alla morte della sorella Lana, una nota attrice hollywoodiana, Emily si ritrova a far da tutrice alla nipotina, di cui non sa nulla e che in seguito alla morte della madre è perseguitata dai giornalisti...
Emily chiede aiuto alle sue amiche di sempre e insieme alla piccola Lizzy si rifugia su Puffin Island, dove incontrerà il bellissimo Ryan Cooper.
Riuscirà Emily a trovare il giusto equilibrio con la nipote, a dimenticare il suo doloroso passato e a guardare verso il futuro, anche grazie a Ryan?

Mi sono innamorata di Sarah Morgan con la serie dedicata ai fratelli O'Neil e quando ho saputo che sarebbe arrivata in Italia anche la serie di Puffin Island mi son detta che non potevo farmela sfuggire! Purtroppo per impegni vari l'ho trascurata a lungo, ma nei prossimi giorni uscirà il secondo volume e così ho colto la palla al balzo per recuperare questa fantastica lettura!

Una delle caratteristiche che più mi piace di questa autrice è che introduce la storia lentamente, iniziando a far conoscere i vari personaggi e la loro vita passata in modo che al lettore non sfugga nulla o non rimangano dubbi e domande, inoltre così facendo chi legge si sente maggiormente coinvolto.
Anche in questa trilogia i protagonisti dei vari libri vengono introdotti tutti nel primo libro, anche se non vengono approfonditi e vengono fornite poche informazioni essenziali a far nascere subito la voglia di leggere anche i prossimi libri.
Sarah Morgan non si limita mai a scrivere la solita storia d'amore, ma per ogni suo protagonista crea una storia complessa, un passato non sempre roseo che influenza spesso il presente e porta i vari personaggi a fare determinate scelte durante la loro vita. In La prima volta per sempre si parla poi anche di amicizia, quella vera che lega più del sangue e da speranza!
Emily è la protagonista femminile di questo primo volume, un personaggio molto freddo, insicuro e spaventato, che vediamo crescere piano piano fino a sbocciare e rinascere diversa, più forte e determinata, meno fredda e soprattutto pronta ad aprirsi agli altri e all'amore. Un personaggio che si ama fin dalle prime pagine e che quando svelerà i suoi segreti e il dolore che si porta dentro vi conquisterà definitivamente facendovi sognare insieme  lei.
Ryan è fantastico e il vostro cuore perderà parecchi battiti ad ogni sua battuta: non è solo il classico bello e impossibile, è un uomo che nella vita ha saputo metter da parte se stesso per amore della famiglia.
La famiglia è uno dei grandi protagonisti di questo libro, pagina dopo pagina ci imbatteremo in vari tipi di famiglia: quella inesistente, fatta solo di abbandoni e dolori, quella amorevole e premurosa, quella che nelle difficoltà resta unita e infine quella composta dagli amici, che nel momento del bisogno diventano uno scudo protettivo e difendono le persone care e questa è la famiglia che trova Emily a Puffin Island, dove tutti si conoscono e sanno tutto di tutti e non permettono a nessuno di ferire chi fa parte della comunità.
Naturalmente non mancano momenti un po' più piccanti, ma come sempre non sono esagerati e creano un giusto equilibrio all'interno della storia, che si sviluppa piano piano e avviluppa il lettore, lo tiene stretto e lo emoziona senza mai cadere nel banale.
Una lettura veloce, che non annoia mai, una storia romantica, a volte triste e difficile, che tocca più temi e che mostra la crescita interiore dei suoi protagonisti.
La Morgan ancora una volta si conferma una delle migliori autrici di romance degli ultimi tempi, che con il suo stile semplice, ma curato sa come incuriosire il lettore e come mantenerne sempre alta l'attenzione.
La prima volta per sempre è un libro perfetto per l'inizio della stagione balneare, adatto per rilassarsi sotto l'ombrellone e sognare ad occhi aperti!






2 commenti:

  1. Carinissima la cover, cosi come il libro in se *-*

    RispondiElimina
  2. Molto carino anche se non sono un amante del genere

    RispondiElimina