venerdì 24 giugno 2016

Recensione : Malerva di Enza Emira Festa



Prezzo: € 16,00
E-book: € 7,99
Pagine: 156
Editore: Piemme Freeway
Genere: Young Adult
Data pubblicazione : Gennaio 2016


Imma vive a Napoli, in uno di quei quartieri tutti casermoni scrostati e rifiuti, dove la Camorra fa paura ma è anche un’aspirazione sociale. La sua vita è come quella di tante ragazze: scuola (poca), famiglia (complessa), amici (e nemici)… Finché un giorno, sulla via di casa, non viene notata dal fratello maggiore di un suo compagno, che oltre a essere più grande e bellissimo, è anche il figlio maggiore del boss della zona. Inaspettatamente inizia il corteggiamento, e dopo qualche tempo Imma diventa la sua fidanzata ufficiale. Le tocca crescere rapidamente, acquisendo una serie di privilegi ma anche di doveri. Così, quando il padre di Imma viene catturato durante una retata e comincia a parlare, lei non ha dubbi: rinnega la famiglia di origine e si rifugia a casa del boss. Lei viene risparmiata e perdonata ma a farne le spese sarà il fratello minore di Imma, ucciso senza pietà per il tradimento.

Malerva è la visione spietata e realistica di come la maggior parte delle ragazze di oggi diano più importanza alle cose materiali e superficiali a discapito di emozioni e sentimenti. 
L'aridità morale che regna in Imma è palpabile come nelle sue amiche. 
L'essere oggetto del desiderio del bello e pericoloso Pepè la catapulta nel mondo dorato e malato del boss di quartiere per la gioia della mamma e il sollievo del padre che non sanno come sbarcare il lunario.
All'inizio ne beneficeranno pure loro ma poi qualcosa va storto e ciò che prima era considerato lusso e benessere diventerà una gabbia, dorata ma sempre gabbia da cui Imma non potrà andarsene senza pagarne le conseguenze. 
Il fratello minore Gennaro sarà l'unico personaggio controcorrente. 
Lui condanna e diffida i guadagni facili, lo spaccio, i traffici di persone e crede fermamente che tutta la sua famiglia si metterà nei guai. 
Purtroppo il suo sperticato impegno a far capire chi è in realtà il boss, e cosa stia combinando, gli costerà la vita.
L'autrice riesce a descrivere brillantemente un'istantanea verosimile e cruda di come vadano le cose in certi ambienti, in certi quartieri e di come le persone si abituino anche alle cose peggiori 
Il libro scorre velocissimo e fa male capire che quanto descritto è talmente aderente alla realtà da lasciare quasi senza fiato.
Non è un libro che contiene un messaggio positivo, o dove tutto si risolve con un amore passionale o travolgente o dove i buoni vincono. Niente di tutto ciò.
La realtà fa più paura della finzione.
Il finale lascia dedurre che potrebbe esserci un seguito e sinceramente non vedo l'ora di avere notizie in merito.









3 commenti:

  1. Una bella trama, hai fatto una bellissima recensione. La protagonista mi sembra molto contorta, un libro che leggerei.

    RispondiElimina
  2. Bellissima recensione sicuramente lo metto in lista (interminabile!!) :)

    RispondiElimina
  3. Boh non so se prenderlo la trama non mi ispira tanto ma non sia mai forse me lo faccio regalare ;)

    RispondiElimina