martedì 12 luglio 2016

Books & Babies [Recensione]: Eyre - Le tre isole #3 di A. Gatti e M. Menozzi


Prezzo: € 17,00
E-book: € 4,99
Pagine: 306
Editore: Mondadori Ragazzi
Genere: Fantasy
Età: 12 Anni +


La guerra tra Albion e Caledonya continua e mentre Loran e Reel combattono a fianco della principessa Aishlin per difendere il fronte caledone, Ysall è in viaggio con i pirati, i cercamaghi e il professore Jormus in cerca di una magica pietra che potrebbe porre fine ai combattimenti...
Ysal e i suoi compagni di viaggio approderanno a Eyre, dove si dice vivano le fate e qui il suo destino si compirà!


Non è sempre facile recensire i vari volumi di una serie, soprattutto quando si tratta di una serie che mi ha appassionata tanto e di cui ho atteso ogni singolo volume.
Il bello di questa serie è che sa stupire ad ogni singolo volume, il lettore ogni volta non riesce mai a farsi un'idea di quello che potrebbe succedere e ogni singolo libro è una nuova entusiasmante scoperta.
Eyre riprende più o meno da dove era finito Albion e fin dalle prime pagine si entra subito nel vivo della storia, si ritrovano vecchi amici e si scopre come si sta evolvendo la guerra tra Albion e Caledonya.
In un  battito di ciglia il lettore è nuovamente nel fantastico mondo dei maghi e figure fantastiche, in viaggio con Ysall e contemporaneamente al fronte con Loran.
Il racconto del viaggio di Ysall con Joram e i pirati verso Eyre si alterna agli aggiornamenti sulla situazione della guerra che avanza, ci si ritrova a "spiare" Lord Coven e ci si sente parte della storia, riuscendo a seguire al meglio tutti gli intrighi, i complotti e le strategie.
Alcuni capitoli si concludono lasciando il lettore sospeso e incuriosito e che deve attendere prima di sapere cosa succederà, perchè l'alternanza dei racconti spesso crea un blocco, aumentando così curiosità e suspense.
I protagonisti sono maturati molto rispetto al volume precedente, provati dalla guerra e dal tradimento di alcuni Maghi han dovuto metter da parte la loro fanciullezza e diventare adulti pronto a sacrificarsi per la patria. Ysall è senza ombra di dubbio il personaggio che cambia di più, che attraversa varie faci della propria vita ed alla fine sboccia.
Mi è piaciuta moltissimo l'interpretazione che i due autori hanno dato alle Fate, spiegando con cura anche la loro storia e colmando così le molte lacune del lettore.
Come già mi era capitato in Albion anche qui ho trovato moltissimi riferimenti ai libri di Tolkien, cosa che ho apprezzato moltissimo e che li ha strappato più di un sorriso e che non vi svelo perché vi assicuro che vi divertirete moltissimo a scoprirli da soli!
I colpi di scena sono molti, il ritmo del racconto è sempre molto incalzante e ci sono momenti carichi di pathos: il lettore non ha il tempo di riprendersi dall'ultima scoperta che ecco arrivare una nuova sorpresa, che lo travolge e lo fa impazzire, portandolo a divorare il libro velocemente.
In Eyre troverete Maghi, fate, creature fantastiche e leggendarie, battaglie, complotti e anche un pizzico di amore, che non guasta e che rende un po' più dolce quest'ultimo capitolo incentrato soprattutto sulla guerra e il desiderio di riportare la pace.
Eyre è la giusta conclusione di questa trilogia che sa ammaliare ad ogni volume, incantando il lettore, facendolo viaggiare lontano e regalandogli un sogno ad occhi aperti!











2 commenti:

  1. Questa serie sembra davvero carina, mi ha incuriosito fin dalla copertina :) Prima o poi devo rimediare a questa lacuna :)

    RispondiElimina
  2. Fantastico anche quest' ultimo capitolo, tutta la trilogia è già nella mia WL 😄 Complimeni per la recensione

    RispondiElimina