venerdì 1 luglio 2016

Recensione: Apocalypse Nerd (Episodi 1 - 4) di Roberto Gerilli


Prezzo: Gratis (Link d'acquisto)
Pagine: 32
Genere: Fantasy
Editore: Plesio Editore
Data di pubblicazione: 13 Gennaio 2016

Giulia, Ryan, Yumiko e Samuel: quattro ragazzi uniti da una missione comune, scelti e addestrati per portare a termine il loro obiettivo. Ma qualcosa è andato storto e Giulia ora vuole la sua vendetta. Seguita dal suo mentore, un vecchio onnisciente affetto da disturbi della personalità, e dal gatto che lei stessa ha resuscitato, cercherà i suoi ex-compagni per distruggerli uno a uno. Una storia in quattro puntate che parla di amicizia ed eroismo. Un romanzo che vi poterà sull’orlo dell’Apocalisse… Nerd

Dopo aver sperimentato la lettura di un romanzo diviso ad episodi, sempre grazie alla Plesio Editore, ed esserne rimasta soddisfatta ed incantata ho deciso di ripetere l'esperienza e dedicarmi ad un altro esperimento editoriale, Apocalypse Nerd, che si è rivelato essere irriverente, ironico, strano e non per questo meno bello, entusiasmante e divertente. Roberto Gerilli ha attirato la mia attenzione su suoi scritti e ha saputo conquistarmi con una storia sicuramente non convenzionale, ma perfetta per una serata rilassante.

Protagonisti della vicenda sono quattro ragazzi ordinari a cui è stato riservato un destino speciale: Giulia, Ryan, Yumiko e Samuel scopriranno presto, infatti, di possedere poteri particolari che non sono stati assegnati loro per caso. Le responsabilità che ne derivano, però, sono tante e sono più grandi loro: salvare il mondo e l'umanità non è certo cosa da poco, ma quando il progetto comincia a formarsi nelle loro menti nulla sembra essere così complicato come appariva prima. Fino a quando le esigenze cambiano e i loro pensieri divergono sull'aspetto fondamentale del tutto: Giulia non vuole sacrificare vite umane per un bene superiore, è convinta di poter fermare l'Apocalisse senza mietere vittime ed è decisa a proseguire nel suo intento, ma gli altri come prenderanno questo suo cambio di rotta? Una spaccatura si formerà nel gruppo e ripararla sarà quanto mai difficile: cosa ne sarà della Terra e dei suoi abitanti?

Al di là della suddivisone in episodi di cui vi parlavo prima, quello che colpisce di questo racconto, fin dal primo episodio, è la sua suddivisone interna: l'autore, infatti, porta il lettore all'interno della storia attraverso gli occhi della Giulia del presente e del passato permettendogli così, di volta in volta, di raccogliere tutti i pezzi del puzzle che, alla fine, troveranno la loro giusta collocazione. Se questa tecnica narrativa presenta molti punti di forza poiché, soprattutto, permette di conoscere a fondo i singoli protagonisti e consente di capire nel dettaglio le vicende che hanno portato la storia ad evolversi in questo determinato modo, non bisogna negare che, almeno inizialmente, dimostra il suo punto debole: il primo ed il secondo episodio (Link d'acquisto, € 0,49) più degli altri, infatti, risultano essere particolarmente confusionari sebbene la loro funzione sia quella di introdurre il lettore in questo nuovo mondo ed il fatto che l'autore abbia deciso di cominciare a narrare il racconto partendo dal punto clou vero e proprio ha contribuito a creare lo smarrimento nel lettore, che comunque, ve lo assicuro, ritroverà il giusto sentiero presto. Già in questo secondo episodio, in realtà, i fatti cominciano a delinearsi e ad avere un vero perché, e proprio per questo motivo cominciano a farsi particolarmente interessanti: la curiosità del lettore prenderà il sopravvento e lo spingerà a correre contro il tempo pur di arrivare alla fine del racconto e pur di soddisfare quel desidero ancestrale di scoprire la verità. 


Altro elemento caratterizzante del racconto è l'Ironia che fin dal primo episodio diventerà prepotentemente la protagonista della storia: la stessa voce narrante, il Maestro che si occuperà di addestrare i ragazzi e di aiutarli a prendere confidenza con i loro poteri e contestualmente ad accettarli, dimostrerà di essere l'ironia fatta a persona e questo ha sicuramente contribuito a rendere il tutto fresco e divertente. I dialoghi, inoltre, prenderanno spesso una sfumatura di assurdità che non potrà far altro che far ridere a crepapelle il lettore che si ritroverà, volente o nolente, con le lacrime agli occhi ed ampiamente soddisfatto da quanto sta leggendo. Nel terzo episodio (Link d'acquisto, € 0,99) tutto questo, però, viene affiancato da una nota di serietà inaspettata che sarà in grado di dare un tono decisamente differente al racconto, ma non solo: infatti da questo momento in poi i fatti cominceranno ad essere più delineati, più connessi tra loro e più maturi poiché l'autore comincerà ad introdurre tematiche importanti e profonde che muteranno il racconto nel suo complesso. L'importanza dell'assumersi responsabilità viene qui rimarcata notevolmente ed insieme ad essa la paura di non poter riuscire a raggiungere i propri obiettivi senza compromettere se stessi e gli altri: da questo punto di vista Roberto Gerilli ha dimostrato una grande maturità narrativa inserendo questi temi con intelligenza senza farli risultare pesanti o fuori luogo.

E proprio questo sarà il tono che prenderà il quarto ed ultimo episodio (Link d'acquisto, € 0,99), quello che quindi chiude il racconto, che risulterà differente rispetto a quelli precedenti sotto alcuni aspetti. Innanzitutto è composto da un numero di pagine superiore e questo ha permesso all'autore, con mia grande approvazione, di raccontare il finale adeguatamente, senza risultare frettoloso, non lasciando nulla al caso e non dando nulla per scontato; inoltre, il lettore potrà finalmente tirare le fila e chiudere il passato dei ragazzi riuscendo così a comprendere pienamente i motivi delle azioni da loro compiute fino ad ora e soprattutto il perché si è arrivati fino a questo punto; infine, ed in modo particolare, come dicevo prima, questo ultimo capitolo risulta essere più maturo e più massiccio, porta al suo interno temi importanti come quelli precedenti che, però, vengono approfonditi con grande intelligenza, senza abbandonare però quella nota sarcastica in grado di stemperare il tutto e donare, nonostante tutto, un sorriso smagliante. Il finale lascia sicuramente aperto uno spiraglio su un futuro migliore, un futuro in cui nessuno viene abbandonato a se stesso ed in cui la speranza regnerà sempre sovrana ed io, onestamente, non vedo l'ora di scoprire qualcosa di più!

In ultimo, non posso certo dimenticare di menzionare le innumerevoli citazioni e riferimenti al mondo cosiddetto Nerd da cui il libro prende appunto il titolo: i fumetti che vengono tirati in ballo, i film e i cartoni animati mi hanno fatto sorridere e tornare ai tempi d'oro, quelli in cui non esistevano preoccupazioni, paure o responsabilità da ottemperare, quelli in cui la parola d'ordine era "divertimento" e per questo non posso far altro che ringraziare l'autore per avermi donato quel pizzico di felicità e spensieratezza che tanto agognavo.

3 commenti:

  1. Molto bello. mi piace questo riferimento al mondo degli anime e non solo. La trama mi ispira moltissimo. complimenti per la recensione

    RispondiElimina
  2. Sembra davvero molto interessante :)

    RispondiElimina
  3. Grazie mille Valentina! E per quanto riguarda i lettori, posso solo invitare a provare il primo episodio, che è scaricabile gratuitamente da tutti gli store :)

    Plesio Editore

    RispondiElimina