martedì 13 settembre 2016

Recensione : La dolce morte di A.Alioto e R. Repaci


Prezzo: € 10,90 scontato del 15% sul sito 
E-book : € 4,99
Pagine: 168
Editore: F.lli Frilli Editori
Genere: Noir

Villa Graziosa è una casa di riposo come ce ne sono tante a Genova. In questa comunità la morte ha una cadenza quasi quotidiana che spesso passa inosservata. Ma non per Franca, bollita nell’acqua a 50 gradi, in una vasca da bagno. Una negligenza inaccettabile dell’infermiera Angela, oppure un omicidio? Massimo De Scalzi, il Maresciallo dei Carabinieri incaricato delle indagini, ha il compito di risolvere questo mistero. Pur essendo un uomo concreto, tutto d'un pezzo, fedele alla propria coscienza e all'Arma, rigorosamente in quest'ordine, scopre che Villa Graziosa gli provoca un profondo imbarazzo, mettendolo di fronte alle proprie fragilità. In quella casa di riposo molti ospiti convivono con il loro “non senso” e sopravvivono in un limbo di inconsapevolezza. Con la guida di Gilda, la caposala con la quale De Scalzi ha instaurato un rapporto di fiducia reciproca, il Maresciallo esplora una realtà che non conosce affatto.


In una zona tranquilla di Genova troviamo la casa di riposo Villa Graziosa.
Gli ospiti della struttura si trovano bene e tutto sembra andare per il meglio.
Purtroppo una morte a dir poco sospetta spezza delicati equilibri e fa emergere alcune situazioni non proprio idilliache all'interno della struttura.
Il Maresciallo De Scalzi dovrà indagare e i suoi modi di fare alquanto bruschi creeranno un po' di tensione.

La caposala Gilda è la colonna portante della casa di riposo e gli anziani si rivolgono a lei per ogni bisogno, la morte di Franca mette tutti in ansia e pieni di sospetti, non dubita dell'operato di Angela ma si chiede chi potrebbe aver commesso un omicidio.
Gli indizi portano tutti verso l'infermiera ma lei sa che non può essere così e farà di tutto per dimostrarlo.
La casa di riposo sarà passata al setaccio sia da Gilda che dal Maresciallo con un po' di aiuto di alcuni arzilli ospiti, facendo emergere dinamiche personali insospettabili e mettendo in risalto atteggiamenti di alcuni operatori alquanto disdicevoli.
La trama è abbastanza originale e ben sviluppata, come il profilo dei vari personaggi,e riesce a coinvolgere il lettore che non mollerà il libro sino alla fine. 
Il libro si legge tutto d'un fiato e ancora una volta avvalora la mia idea che gli autori italiani di thriller/noir sono molto bravi. 
Questo romanzo è stato scritto a quattro mani da autrici liguri con all'attivo un'altro romanzo edito nel 2014 e promettono bene, anzi molto bene.











1 commento:

  1. Una trama molto stuzzicante, essendo un amante del genere non posso far altro che segnarmi il titolo *_*

    RispondiElimina