Recensione : Una deliziosa pasticceria a Parigi di Laura Madeleine


Prezzo: € 18,50
E-book: € 9,99
Pagine: 324
Editore: Piemme
Genere: Romance
Pubblicato: Maggio 2016


Una famosa pasticceria. Uno scandalo senza precedenti.
Un grande amore che ha superato ogni barriera.

Parigi, 1909. In una stradina appartata c'è un luogo dove, a ogni ora, il profumo che si sente nell'aria è quello di zucchero a velo e crema pasticcera. La Pâtisserie Clermont è la più elegante della città, famosa per le vetrine colorate di macarons e per la gentilezza di Jeanne, la figlia del proprietario. Eppure Jeanne, dietro le apparenze di ragazza tranquilla e sorridente, ha un segreto. Un amore proibito che non può confessare a nessuno. Quando ha visto per la prima volta Guillaume du Frère, un ragazzo di Bordeaux arrivato in città per guadagnarsi da vivere come ferroviere, è stato per caso. Da allora i due non si sono più staccati, pur sapendo di non avere alcun futuro. Fino a che un terribile tradimento ha svelato a tutti il loro amore, e li ha separati, forse per sempre.
Ai giorni nostri, Petra è una studentessa di storia a Cambridge, che sta studiando la vita di suo nonno, un importante storico, e si imbatte in una strana lettera a sua firma. Datata 1910, la lettera è indirizzata a un certo G. Du Frère, e chiede una cosa sola: perdono. Petra scoprirà così la storia di Jeanne e Guillaume, e la parte che vi ebbe suo nonno, gettando luce su quello che avvenne davvero.
E lo farà andando a Parigi, innamorandosi a sua volta, e parteggiando sempre per quei due amanti del secolo scorso che volevano solo vivere la loro vita insieme.


Nella Parigi di inizio Novecento le differenze tra le varie classi sociali erano evidentissime. 
Guillaume giunge in città per lavorare come ferroviere e si sente fortunato ma le sue aspirazioni cambiano quando incontra lei : Jeanne. 
Lei vive nella parte borghese della bellissima Parigi ed è la figlia del più grande pasticciere della città. 
Guillaume resta affascinato dall'arte culinaria e dal lavoro che si nasconde nel retro della pasticceria, dalla frenesia ed eccitazione che si prova nel creare piccoli capolavori dolciaria.
Per potersi elevare ad un ruolo migliore per ironia della sorte si ritroverà più povero e miserabile, a causa della paga bassissima, ma non si arrenderà.
Jeanne resterà colpita dalla sua voglia di imparare e dall'ambizione che lo pervade e nonostante tutto e tutti prova dei sentimenti fortissimi per lui tanto da mettersi contro suo padre. 
Il loro amore sboccerà inatteso e sarà osteggiato da tutti; per l'epoca lei era la fanciulla ingenua e vittima del giovane ragazzotto arrampicatore sociale e truffatore. Non era così ma poco importava, l'importante era evitare scandali e salvaguardare il patrimonio di famiglia.
Anni dopo Petra Stevenson si ritroverà a cercare notizie su di loro a causa di una lettera ritrovata nel baule dell'amato nonno, mancato da poco, indirizzata a Guillaume du Frère e mai consegnata.
Decisa a scoprire la verità decide di renderla un argomento per la propria tesi di laurea ma si scontrerà con un sedicente storico a caccia di scandali che vuole pubblicare una biografia non troppo lusinghiera su nonno Stevenson.
I personaggi sono ben caratterizzati e c'è una notevole cura nelle ambientazioni dei vari quartieri di Parigi dove si può riscontrare la miseria più nera ed il lusso più sfrenato.
Il romanzo si sviluppa in due assi temporali separati che solo verso la fine si fonderanno creando una storia decisamente coinvolgente anche se non originale.
La lettura è scorrevole  e si fa fatica a staccarsene, l'autrice riesce a creare l'idea di un amore che sopravvive al tempo e agli ostacoli. 
Lo consiglio a chi desidera una storia non melensa o eccessivamente melodrammatica.







Commenti

  1. E' piaciuto molto anche a me il libro e concordo sulla tua opinione in base le ambientazioni, divine!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sono molto portata per le storie d'amore ma qui si punta sulla città, i suoi quartieri e le difficoltà, e precarie condizioni di vita, dei lavoratori. C'è una ricerca e un impegno superiore rispetto ai classici romanzi rosa. - Eva-

      Elimina
  2. Ciao Eva! Il libro sembra molto interessante, soprattutto perché da come ne parli si capisce che non è il solito romanzetto rosa. Lo aggiungo subito in WL! :)

    RispondiElimina

Posta un commento