lunedì 14 novembre 2016

Recensione [Graphic Novel]: Special Exits di Joyce Farmer


Prezzo: € 17,00
Pagine: 208
Genere: Graphic Memoir
Editore: Eris edizioni
Data di pubblicazione: 4 Novembre 2016

Lars e Rachel sono due coniugi che affrontano la parte finale della propria vita – la vecchiaia, la malattia, la morte – accuditi con premurosa attenzione dalla figlia. Joyce Farmer racconta semplicemente ciò che ha vissuto prendendosi cura dei suoi genitori, concentrandosi sui dettagli della routine quotidiana, nello scorrere dei giorni e degli anni, creando un commovente ritratto di famiglia, dove non mancano momenti difficili, drammatici, ma neanche l’ironia dell’intimità. In questo mémoir grafico, realistico e senza sentimentalismi, creato in 10 anni di lavoro, l’autrice mostra la fragilità del periodo più difficile della vita, senza mai tirarsi indietro davanti agli imbarazzanti oltraggi della vecchiaia, con il lento decadere dei corpi e la mente che si confonde facilmente, non dimenticando il contesto di questa narrazione domestica fatta di frustrazioni e tenerezze: il presente nel South Los Angeles anni ’80 e ’90 e gli States della prima metà del ’900 ricordati dai suoi genitori.

Che lo si ammetta o no, noi tutti ci sentiamo, in qualche modo, attirati da un determinato libro per uno specifico motivo, di cui il più delle volte siamo a conoscenza solo inconsciamente e del quale prendiamo atto gradualmente solo con il proseguire della lettura. Quando mi sono ritrovata davanti a Special Exits ho provato proprio questo e ho sentito, del tutto inspiegabilmente, una certa attrazione verso la storia contenuta al suo interno, Joyce Farmer mi stava invitando a far parte di un piccolo scorcio della sua vita non sapendo che avrebbe trovato in me quella persona con cui condividere un dolore così forte e così intenso che solo chi ha vissuto può comprendere fino in fondo.

Quello di Special Exits non è semplice e classico Graphic Novel che racconta una storia, è invece un vero e proprio Graphic memoir che narra le vicende di Rachel e Lars, due anziani coniugi che devono fare i conti con la vecchiaia, la sua accettazione e tutto ciò che, purtroppo ed inevitabilmente, comporta. "E allora cos'ha di così tanto speciale?", vi starete sicuramente chiedendo, ma tutto in questo volume curatissimo spicca per intensità, originalità e grande coraggio. Prima di tutto dobbiamo sottolineare il fatto che quella qui contenuta è una storia autobiografica attraverso la quale l'autrice illustra ai suoi lettori in maniera molto semplice e profonda quello che ha vissuto in prima persona, identificandosi in Laura, la figlia di Lars, prendendosi cura dei suoi genitori e assistendo a quel percorso di vita che li ha portati a prendere coscienza della loro vecchiaia e della loro impotenza nei confronti di un evento assolutamente ordinario. E questa, in secondo luogo, è una Tematica molto importante, all'apparenza semplice, che rende il Graphic Novel originale, innovativo e soprattutto reale: trovare libri che parlino di questa particolare età rendendola per quella che è, l'attimo finale della vita, è molto difficile, e riscontrare in essi un carattere così vero, dolce, malinconico ed in parte ironico lo è ancor di più. 


Già solo con queste due caratteristiche Special Exits riesce ad incantare, ma dietro a tutto questo contiene molto di più. Joyce Farmer, infatti, si dimostra in grado di rendere alla perfezione e con un'emozionalità unica tutto quello che ha vissuto grazie ad un tratto semplice, ma particolareggiato che ha il grande pregio di catturare in tutto e per tutto il lettore, di trasportalo all'interno di quelle pagine che trasudano sentimenti e di fargli vivere quei momenti come se ne fosse egli stesso il protagonista. In questo modo tutto ciò che riguarda la paura di invecchiare ed il senso di impotenza che si prova di fronte ad un qualcosa di estremamente naturale, ma avvilente viene trasmesso senza filtri con un'intensità che raramente si riscontra altrove, con un amore incredibile ed un senso di trasporto che non potrà non colpire il lettore per il suo coraggio e la sua grande forza d'animo. La vita e l'Amore che qui vengono raccontati, anche attraverso i ricordi che riportano i due coniugi ad una giovinezza passata ma vissuta appieno, poi, oltre a colpire per la loro semplicità e per quella forza contrapposta al suo esatto contrario, la debolezza fisica, riescono a meravigliare anche per quella velata ironia che, nonostante tutto, riesce a colorare ancora una volta una vita che sta raggiungendo pian piano la sua fine.

Estremamente espressivi ed particolarmente intensi, infine, sono i personaggi rappresentati in ogni singola tavola ed affezionarsi a loro sarà la cosa più semplice che abbiate mai fatto: il rapporto che lega Rachel e Lars è capace di commuovere e far innamorare da una parte e sorridere dall'altra, l'affetto che Laura prova nei loro confronti, naturale forse ma mai scontato, porta con sé un animo sensibile che non si tira mai indietro di fronte ad una difficoltà, per quanto grande essa sia, ed in ultimo l'Amore che anche Ching, il felino di famiglia, riesce a nutrire nei confronti dei suoi padroni, tutto sarà in grado di conquistare il cuore del lettore che si ritroverà rinchiuso in una morsa di Amore e Dolore e catapultato in quel mondo che se visto da lontano comincia a far paura, vissuto da vicino terrorizza.

Quella di Special Exits non è una storia facile da digerire e ancor meno lo è affrontarla, ma tutto quello che questo Graphic Novel contiene merita ogni singola lacrima, ogni piccolo sorriso e ogni battito di cuore che sarete in grado di regalargli.

1 commento: