giovedì 1 dicembre 2016

Novità da goWare

Lamponi, padelle e peperoncino

Dieci ricette facili e veloci per assaporare una nuova vita. Parola di Aurora che le ha sperimentate e di Elisa che le ha scritte In una scatola di latta
Copertina Lamponi, padelle e peperoncino
Si può scoprire una nuova vita tra i fornelli di una cucina? Sì, se i sapori dei pomodori, delle zucchine, delle olive e dei fiori di zucca si mescolano ai profumi del basilico, del timo e dello zenzero, e la carne sposa la pasta, tuffandosi al suo interno e lasciando scoprire un cuore macinato a base di vitello, formaggio, patate, bacche di ginepro. È ciò che ha sperimentato Aurora nella cucina del ristorante lunigiano L'Acacia.

Aurora è la protagonista del romanzo In una scatola di latta di Elisa Borciani, edito da goWare. Le ricette, facili e veloci, dei piatti che ha gustato e imparato a cucinare a L'Acacia sono raccolte in Lamponi, padelle e peperoncino.
Un ebook gratuito di contenuti extra per gustare il “sapore” della nuova vita di Aurora e del magico mondo del piccolo borgo in cui si è trasferita.

Guarda il booktrailer

Com'è arrivata Aurora a L'Acacia? Tutto è iniziato la sera in cui ha perso tutto: il lavoro, la casa, l’amore. Imbocca l’autostrada senza meta e arriva a Nicola in Lunigiana. Non ci sono hotel, ma solo antiche case in sasso e L’Acacia. Decide di cenare nel ristorante ma non sa che quel luogo diventerà la pagina bianca su cui scrivere la storia della sua nuova vita.

Tra menta, lamponi e peperoncino, sughi, pesce e pane fatto in casa, sperimenterà in cucina un crescendo di sentimenti. Ma, prima di trovare la felicità, Aurora dovrà guardare in faccia la verità. Quali misteri si nascondono in una scatola di latta?

L'AUTRICE
Federica Puccioni
Elisa Borciani nasce a Reggio Emilia. Nella sua vita, la scrittura è una passione diventata professione. Lavora come copywriter e racconta la sua #vitadacopy nel blog gretaparlante.blogspot.it. E poi scrive: nel 2010 ha pubblicato Greta Parlante (Edizioni Pendragon). In una scatola di latta (goWare) è il suo secondo romanzo. Perché le parole sono ovunque. Basta saperle cogliere, tra emozione e tecnica, ricerca e pensiero.

Nessun commento:

Posta un commento