mercoledì 25 gennaio 2017

Recensione: Non dimenticarmi mai di Robin York


Prezzo: € 9,00 (fino al 31 gennaio in offerta a 7,43€)
E-book: € 0,99
Pagine: 352
Editore: Newton Compton
Genere: Romance 

Caroline ogni mattina si sveglia e la prima cosa che fa è verificare tutti i nuovi siti in cui compaiono le sue foto, foto private tra lei e il suo ex, che per vendetta o stupidità ha deciso non solo di meterle online, ma di fornire informazioni su Caroline... La sua vita è distrutta, intorno a lei solo sguardi e insulti e il suo futuro è sempre più incerto, ma poi una mattina West Leavitt prende le sue parti e aggredisce Nate, l'ex di Caroline. West è l'ultima persona su cui vorrebbe fare affidamento Caroline, ma qualcosa l'attira verso di lui e giorno dopo giorno torna a vivere. Purtroppo però il peggio deve ancora arrivare...

Questo libro mi ha chiamata nel momento stesso che ne ho letto la trama, mi son detta che era il tipico Romance che fa per me, di quelli dove nulla è semplice e in cui non vi è solo cuore e amore, ma anche temi importanti e difficili da affrontare.
La narrazione è a due voci: Caroline e West ed attraverso i loro ricordi e il loro racconti il lettore riesce sia a risalire a ciò che è accaduto a Caroline e perchè, sia a come si sono incontrati e naturalmente come hanno vissuto e come vivono. Il lettore diviene un osservatore esterno con una visuale a 360° sulla vita dei due protagonisti, di cui riesce a conoscere il passato in maniera molto dettagliata, li guarda affrontare il presente e a porre le basi per un possibile futuro, emozionandosi insieme a loro, innamorandosi pagina dopo pagina e sentendo crescere la rabbia per le ingiustizie subite da Caroline.
Una delle cose che mi colpisce maggiormente in un libro è il modo in cui vengono caratterizzati i personaggi, soprattutto il modo in cui un autore riesce a far arrivare al lettore ciò che provano, come vivono la propria rabbia o il proprio dolore e Robin York ci riesce in maniera incredibile.
La rabbia e la frustrazione di West, il modo in cui combatte contro se stesso e i suoi sentimenti e l'autoanalisi continua che si fa sono raccontate con una tale cura che sembra di essere dentro la sua mente, di poterlo quasi toccare e sentirsi in sintonia con lui è davvero molto facile. Un ragazzo difficile, che dalla vita ha avuto poco, diventato grande troppo in fretta e che è dovuto scendere a compromessi per riuscire a tenere a galla se stesso e la sua sorellina. Ho amato molto West, in continua lotta con se stesso, divorato dalle sue scelte del passato, ma pronto ad emergere e a cambiare, capace di ammettere i propri errori, con un cuore immenso che lo porta sempre a sacrificare se stesso per il bene di chi ama.
Anche Caroline è ben definita, la York è stata bravissima nel creare questo personaggio, così imperfetto e delicato, che pagina dopo pagina cambia, cresce, si evolve e grazie anche a West e ai suoi amici riesce a rimettere insieme i pezzi della sua vita, riprendendola in mano e affrontando con forza e coraggio il suo carnefice e tutti coloro che la tormentano. Caroline a inizio libro è distrutta, infettata dalla paura, non riesce a far uscire la sua rabbia, combatte contro il dolore e l'umiliazione e non sa come fare per non affondare, incapace di chiedere aiuto, ma piano piano si affida a West, si lascia andare nonostante sappia non sia la cosa migliore da fare e dopo aver trascinato il lettore in fondo al buio di un tunnel profondo lo fa risalire in superficie, mostrando quella luce che Nate aveva cercato di spegnere. Ho amato moltissimo Caroline, vittima di un ragazzo di cui si fidava, a cui aveva dato le chiavi del suo cuore e per il quale era disposta a tutto, per poi ritrovarsi nuda ed umiliata in bella mostra sui siti internet, carne da macello per uomini ottusi, depravati e ignoranti. Caroline si saprà rimettere in gioco, si reinventerà ed anche se il suo sembra un incubo senza fine troverà la forza per non cedere.
Intorno a West e Caroline ruotano alcuni personaggi secondari: Krish il compagno di stanza di West, Bridget, la compagna di Carolin, Quinn un'amica di Weste e Krish che avrà un ruolo fondamentale nell'evoluzione di Caroline... Poi naturalmente c'è Nate, che fa piccole comparse, ma la cui presenza è costante, il veleno che sparge viene percepito dal lettore attraverso i protagonisti e vi assicuro che avrete spesso voglia di pestare sia lui sia il suo amico Josh, così sciocco e incapace di esser uomo al punto da distruggere le vite degli altri.
In America non vi è una legge che punisca severamente chi mette online foto pornografiche se si tratta di foto in cui il partner è consenziente e Robin York ci mostra quel mondo infame dove un uomo che fa sesso è un mito, mentre la donna è sempre una puttana e deve sentirsi sporca, ma ci mostra anche il potere di chi non vuole restare una vittima e lotta, ci mostra che gli amici, quelli veri non giudicano e che amore e amicizia sono la forza più grande che ci sia per sconfiggere la cattiveria di gente sciocca, immatura e incapace di usare il cervello.
Non mi dimenticarmi mai è un libro dolce amaro, con storie inventate, ma così reali da poter esser vere ed è questo suo esser così tangibile e attuale a renderlo un libro eccezionale, che fa emozionare il lettore e che lo affascina e lo colpisce profondamente. Naturalmente non manca una forte componente erotica, anche se mai volgare o eccessiva e che rende il tutto un po' più piccante.
Lo stile della York è lineare, concreto, con un linguaggio tipico dei giovani diciottenni, non edulcorato, grezzo e volgare: l'autrice catapulta così il lettore al College, gli fa vivere la vita dello studente sotto ogni aspetto e non lascia nulla al caso, nulla viene taciuto e non ci si sente come se mancasse qualcosa alla narrazione, anzi il quadro è completo e il finale è ad effetto, un colpo di scena che lascia senza fiato, con il cuore sospeso e il bisogno di poter leggere ancora di Caroline, West e i loro amici...
Un libro questo che si fa leggere velocemente e che regala al lettore del tempo di qualità, un libro che vi consiglio e che sono convinta non vi deluderà!






Nessun commento:

Posta un commento