lunedì 13 marzo 2017

Recensione: Con te al di là del mare di Giulia Besa

Prezzo: € 12,00
E-book: € 7,99
Pagine: 288
Editore: Giunti
Genere: Young Adult

Nel giro di pochi minuti la vita di Aurora è cambiata, il suo mondo è stato completamente spazzato via dalla confessione di suo padre e lei e sua madre sono scappate via da lui e da Roma, trasferendosi ad Aulla. Non ė facile per Aurora affrontare la nuova vita, ma un giorno trova per caso un vecchio medellino di una nave appartenuto a suo nonno, montarlo però non è facile ed Aurora decide di chiedere aiuto su un forum ed ė così che incontra Alessandro ed inizia con lui una nuova amicizia...
Quando tra Aurora e Alessandro sembra nascere qualcosa di importante lui si irrigidisce e l'allontana e lei finisce per cedere alla corte di Riccardo, il cattivo ragazzo della scuola. Ma nulla è semplice e finalmente Alessandro le chiede di incontrarsi e la vita di Aurora viene di nuovo scossa.

Ho scoperto Giulia Besa con Il cattivo ragazzo che voglio e mi sono innqmorqtq del suo stile e della sua grande capacità di trasformare le sue storie in realtà.

Il modo in cui Giulia Besa le racconta, con metafore e descrizioni minuziose ed elaborate, fa si che il lettore fin dalle prime pagine viva ogni emozione e abbia la sensazione di esser stato catapultato nei luoghi in cui si svolgono i fatti. Non appena ho iniziato a leggere Con te al di là del mare ho subito capito che stavo per vivere una nuova grande storia e che avrei finito per leggerlo in breve tempo, perché oltre a scrivere storie che conquistano la Besa riesce a rendere la lettura leggera e scorrevole.
La trama di Con te al di là del mare è particolare, affronta temi attuali e ancora una volta la Besa ci parla degli adolescenti, di quanto possono essere meschini e crudeli, violenti ed anche insicuri o superficiali.
Protagonisti e vari personaggi minori sono tutti ben caratterizzati, attraverso Aurora il lettore li osserva e in un certo senso li ascolta, li studia e ne comprende il carattere. Trovo incredibile il modo in cui la Besa riesca ogni volta a creare personaggi così veri e realistici, che ricordano in ogni momento qualche vecchio compagno di scuola con cui ognuno di noi ha avuto a che fare.
Pagina dopo pagina il lettore si sente completamente coinvolto nelle vicende di Aurora, l'impatto emotivo e la forte empatia creano un legame tra chi legge e protagonista, ci si ritrova ancora una volta tra i banchi di scuola, si sente il vento tra i capelli durante le corse in moto, il battito del cuore accelerato per i messaggi di Alessandro ad Aurora, che ben fan sperare e che regalano momenti di una dolcezza indescrivibile, riportando alla mente le farfalle nello stomaco e l'improvviso batticuore tipici dei primi amori adolescenziali, quelli che fanno camminare tre metri sopra al cielo, che come ci ricorda Aurora rendono belli anche le giornate peggiori.
Ma Con te al di là del mare non parla solo di amore, anzi i temi principali sono sicuramente altri e tutti legati alle difficoltà della vita: quando si è giovani si vive come dentro una bolla, non sempre ci si accorge delle brutture della vita e Giulia Besa attraverso il suo libro e i suoi personaggi ricorda a tutti che la vita è fatta si di mille colori, ma anche dalle sfumature di nero e grigio e lo fa parlando di pedofilia, bullismo, violenza e creando personaggi che non sono perfetti, ma che in un certo senso sono un po' rotti, con problemi più o meno gravi e con storie alle spalle che feriscono e nello stesso tempo fanno nascere nel lettore un sentimento di solidarietà nei loro confronti.
Fin dall'inizio viene detto al lettore che Aurora e sua madre son scappate letteralmente da Roma, per allontanarsi definitivamente dal padre che ha combinato qualcosa di irreparabile, ma non viene svelato subito di cosa si tratta e quando finalmente Aurora ne parla tutto diviene chiaro e ci si sente ancor di più incastrati con la testa in un sacchetto di plastica insieme ad Aurora. Anche Alessandro ha un segreto, ma personalmente ho trovato più semplice capire fin dall'inizio quale potesse essere, anche se la Besa fa di tutto per confondere il lettore e lasciarlo sempre nel dubbio.
Lo stile di Giulia Besa è molto descrittivo, riesce a rendere sempre bene l'idea di come si sente la protagonista, riuscendo a creare una connessione con il lettore, rendendo ogni emozione di Aurora concreta trasmettendola direttamente a chi legge: nel momento esatto in cui le vostre mani entreranno in contatto con le pagine di Con te al di là del male le parole si scioglieranno divenendo inchiostro che attraverso la pelle si insinuerà in voi risalendo fino al cuore e alla vostra mente, imprigionandovi in ogni pagina ed in ogni respiro dei protagonisti.
Il linguaggio è semplice, tipico dei giovani e perfetto per questa lettura, che pur trattando temi forti e difficili resta una lettura piacevole, veloce e ipnotizzante.
Giulia Besa ancora una volta conferma la sua grande abilità nel parlare di e con i giovani, di saper appassionare lettori di tutte le età con storie in cui è facile ritrovarsi e immedesimarsi.
Non posso che consigliare a tutti voi di leggere Con te al di là del mare e di lasciarvi prendere per mano da Aurora e Alessandro per vivere con loro grandi emozioni.











Nessun commento:

Posta un commento