giovedì 20 aprile 2017

[BlogTour] Dracula - Love Never Dies di Natascia Luchetti: 4° Tappa - Viaggio in Transilvania: il vero Castello di Dracula


Buongiorno Lettori Meravigliosi e ben trovati! :)
Oggi sono felicissima di ospitare, sul blog, la Quarta Tappa di un libro davvero molto interessante che, sono certa, catturerà molti di voi! Dracula - Love Never Dies rientra perfettamente nella categoria dei Retelling, ma con esso Natascia Luchetti, la sua autrice, è riuscita a catturare davvero molti cuori! La Delrai Edizioni ha voluto scommettere molto su questo titolo, quindi perché fare diversamente? In questo BlogTour vi diamo tutte le ragioni per farlo ed io, insieme alla voce dell'autrice, vi porterò in Transilvania: siete pronti ad entrare nell'incantevole mondi dei Vampiri?

Il libro

Copertina: Catnip Design 
Prezzo ebook: 2,99 € 
Prezzo cartaceo Deluxe: 16,50 € 
Prezzo cartaceo Economica: 9,90 € 
Pagine: 207  Genere: Retelling
Collana: Gemma
Editore: Delrai Edizioni

TRAMA
Il mio nome è Dracula, venite, vi stavo aspettando. Ho pensieri che non posso confessare a me stesso, tentazioni oscene che gridano rabbia. Questo non è un incubo, è la realtà. Sono passati più di cento anni dalla sconfitta delle tenebre. Il ricordo sbiadito e invecchiato della donna che ha amato continua a torturare il suo animo imprigionato e inquieto. L’animale che è in Vlad preme per uscire e vendicarsi così della prigionia a cui Van Helsing e Harker lo hanno costretto, allontanandolo dall’amore. Il male è di nuovo pronto per calare su Londra e lasciare una scia infinita di sangue. Crudele e privo di morale, Dracula si aggira per la città, ma l’antica promessa di un sentimento eterno torna a fargli visita. Yrden Clarks lo guarda con ardore, lei non lo giudica, lei non ha paura… Ma è la vendetta che alimenta la smania del mostro e lo guida nella lotta tra luce e ombra. Non c’è niente che può salvare un uomo senz’anima, niente, nemmeno l’amore a cui la storia sembra averlo destinato. 

Dopo più di un secolo, il ritorno di Dracula, in un romanzo che non ammette pregiudizi. Se non si è disposti a capire il male, si finisce per averne paura. Allora chi può salvare la vita alla morte?


Viaggio in Transilvania

Dracula: Love Never Dies si svolge prevalentemente nei quartieri di Londra, dal popolare Whitechapel all'esclusivo Mayfair, passando per l'antico Lambeth. Ho studiato parecchio le dinamiche della metropoli prima di scrivere il libro, anche informandomi da persone che la città l'hanno vissuta. Spero di visitarla al più presto, proprio come ho fatto con la Transilvania. 

Ebbene, è proprio di Transilvania che voglio parlarvi approfonditamente. La parte finale del libro ci porta ad Arefu. Sono sicura che molti non sanno che proprio a monte di questo piccolo paese di quasi duemila abitanti, si trova la fortezza di Poenari, il castello che fece ricostruire Vlad III Dracula durante il suo primo regno. Esso sorge su uno sperone dell'antica roccia dei Carpazi. Ci sono tantissimi aneddoti su questa fortezza e voglio prima parlarvi di quelli relativi a questa restaurazione. La fortezza era stata costruita nel tredicesimo secolo, ma poi, dopo le sconfitte delle forze del Voivodato di Valacchia, fu abbandonata e lasciata all'erosione del tempo. Giustamente un Dracula così attento alla gloria della sua stirpe, non poteva abbandonare al suo destino uno dei segni più imponenti del potere passato. 

La fama di Vlad ce lo racconta come un uomo spietato, privo di scrupoli e votato all'egoistica malvagità, ma non è così semplice dare un giudizio alle sue azioni. In realtà, Vlad non era più spietato degli altri sovrani dell'epoca. Il fatto che le mura di Poenari vennero ricreate dalla fatica incessante di uomini, donne e persino bambini ridotti a schiavi non dovrebbe stupire chi ha nozioni di Storia Antica o Medievale. Lo sconfitto diventa cadavere o schiavo, sempre, ma chi erano questi sconfitti mandati ai lavori forzati? Boiardi. Nobili del luogo, privati di ogni patrimonio da Vlad III. Ma badate, il suo non era semplice sadismo. Queste famiglie nobili si erano arricchite elargendo concessioni al Sultano turco, avevano in questo modo affamato la popolazione e ceduto i figli della Valacchia all'Impero Ottomano in modo che i turchi ne facessero guerrieri plagiati e fedeli del proprio esercito. Vlad, una volta salito al potere decise per una soluzione drastica. Eliminò tutti i boiardi dal panorama politico della sua terra. Alcuni furono uccisi, altri vennero mandati ai lavori forzati per la costruzione della fortezza di Poenari con le famiglie intere al proprio seguito. I consiglieri del voivoda, in sostituzione dei nobili condannati, furono scelti tra artigiani e contadini fedeli alla causa di Vlad. 

Capirete che le pietre di Poenari furono da subito considerate come maledette da tutta quella sofferenza e dal sangue di chi perse la vita durante la ricostruzione. Alcuni racconti popolari parlano delle grida degli spiriti lì catturati che chiedono ancora giustizia e imputano proprio a questi ultimi gran parte della responsabilità delle tragedie che distrussero le speranze del principe ambizioso. 

Nel 1462, più precisamente in Ottobre, il castello fu assaltato dalle armate turche guidate da Radu, fratello di Vlad. La leggenda che aleggia attorno a questo evento ci parla di una lettera recante la notizia della morte di Vlad, consegnata alla moglie di quest'ultimo da un emissario dei turchi. La donna, ormai convinta che il marito, partito per una delle tante battaglie ai confini, fosse morto, decise di togliersi la vita, gettandosi dalla torre più alta del castello. Precipitò per centinaia di metri e finì i suoi giorni tra le acque fredde di un fiume senza nome. Dopo la diffusione di questa notizia, esso venne battezzato Riul Doamnei, il fiume della Principessa. Alcuni pensano che non fosse stato l'amore perduto a guidarla al gesto estremo, ma la paura di finire schiava dei Turchi. Io sono romantica, invece, e voglio pensare che lei soffrisse così tanto da non poter immaginare di vivere senza il suo amato. 

Quando Vlad tornò si trovò di fronte alla tragedia avvenuta. Dovette allontanarsi dal castello ormai compromesso, scappò grazie all'aiuto degli abitanti di Arefu, ma fu catturato e imprigionato dagli ungheresi nel castello di Hunendoara. 

Da quel momento in poi, degli antichi fasti del castello di Dracula, non rimangono che rovine silenziose. 

Nonostante io abbia seguito le orme di Vlad nel 2012, non ho avuto l'opportunità di salire i 1480 scalini che separano Arefu da Poenari. È la meta del mio prossimo viaggio, anche perché mi è stato raccontato che una volta raggiunta quell'altezza, si viene circondati da un senso di profonda malinconia, come se il rudere parlasse della sua antica storia. Ho collocato Dracula nel suo castello originale nelle pagine del mio romanzo, mentre Stoker ha optato per una sistemazione decisamente più abitabile ispirata al Castello di Bran.

Proprio come ho scritto nelle ultime pagine del libro, Dracula non visse all'interno di quelle mura più di dieci giorni, perciò il Castello di Bran è soltanto il set di diversi film, non ha un fiume che scorre sotto la sua posizione e soprattutto non si trova a un'altezza elevata. È un bell'edificio, molto antico e carico di storia, ma a essere sincera, non mi ha colpito moltissimo, al contrario di ciò che mi aspettavo. Per noi amanti della figura di Vlad Dracula, ci sono vere e proprie perle che ho visto con i miei occhi come Sighisohara, la città natale di Vlad III che conserva ancora la struttura originale, antichissima, derivante dalla colonizzazione latina. È uno splendido esempio di medioevo perfettamente conservato, con la sua stupenda torre dell'orologio e il suo museo delle armi antiche. Purtroppo la casa natale di Vlad non è visitabile, perché è stata utilizzata, dopo una scelta infelice, come ristorante. 

Una meta sconosciuta ai più che veramente consiglio con tutto il cuore è la Curtea Dumneasca di Tirgoviste. Tirgoviste era l'antica capitale della Valacchia, dalla quale anche Vlad ha diretto il suo regno. Si può visitare la torre Cnidia che è stata fatta costruire da Vlad III ad ampliamento delle difese di una delle città più importanti e minacciate del voivodato. Relativamente a questo luogo c'è da ricordare un aneddoto macabro che ci ricorda come Vlad Dracula tentò di intimidire l'avanzata dei turchi. Alle porte della Curtea Dumneasca vennero issati oltre 150.000 pali dai quali pendevano altrettante vittime prese da ogni angolo del principato. Lui chiamò questo agglomerato di morte "Foresta". 

Proprio come scrisse Stoker, recitando il ruolo di Jonathan Harker: entrare in Transilvania significa abbandonare il mondo occidentale e immergersi in un passato remoto, senza tempo.



Calendario del BlogTour


1° Tappa - 17/04:  Fuga da Hellsagte: il primo incontro con Dracula - Il Cibo della Mente
2° Tappa - 18/04: Bram Stoker Vs Natasha Lucchetti - Tutta colpa dei libri
3° Tappa - 19/04: Vampiri on the screen - My pages à la page
4° Tappa - 20/04: Viaggio in Transilvania - Il Colore dei Libri
5° Tappa - 21/04: Intervista col Vampiro - Il Salotto del Gatto Libraio
6° Tappa - 22/04: Le donne di Dracula - Lily's Bookmark



Giveaway

CINQUE COPIE DI "DRACULA - LOVE NEVER DIES" CERCANO CASA! 

Le regole sono semplicissime e sotto trovate il form da compilare, come sempre:)  

OBBLIGATORIE: 
1. Mettere MI PIACE alla pagina Facebook della Delrai Edizioni 
2. Mette MI PIACE alla pagina Facebook di Natascia Luchetti 
3. Unirsi ai lettori fissi dei blog che ospitano il tour
4. Commentare tutte le tappe 

 FACOLTATIVE: 
Condividere almeno una tappa del blogtour taggando due amici e usando l'hashtag #DraculaLoveNeverDies (si può fare ogni giorno, questo vi permetterà di condividere tutte le tappe e guadagnare più punti)


I CINQUE VINCITORI SARANNO ANNUNCIATI IL 24/04 


21 commenti:

  1. Bellissima tappa...significativa la frase di Stoker sulla Transilvania ehehe :)
    venera.lowe@gmail.com

    RispondiElimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  3. Un posto che racchiude in se mistero e antichita`, di certo una tappa che andrebbe visitata almeno una volta nella vita.
    laura3567@hotmail.com

    RispondiElimina
  4. (Per l'autrice) Spero tu ci riesca nel prossimo viaggio a visitarlo ^.^
    Da come ne parli sembra una meta che ti sta davvero a cuore...
    Riguardo la storia, si, ci sono sempre luce ed oscurità...ma ne parli con passione e porti a vedere le cose con un'altra angolazione ;)
    Bella tappa!

    RispondiElimina
  5. (Per l'autrice) Spero tu ci riesca nel prossimo viaggio a visitarlo ^.^
    Da come ne parli sembra una meta che ti sta davvero a cuore...
    Riguardo la storia, si, ci sono sempre luce ed oscurità...ma ne parli con passione e porti a vedere le cose con un'altra angolazione ;)
    Bella tappa!

    RispondiElimina
  6. Accidenti che altra tappa magnifica ♡.♡
    Voglio assolutamente visitare questa fortezza così ricca di storia e fascino!!!

    Lettori fissi: Rosy Palazzo
    Mail: rosy.palazzo1612@gmail.com
    Facebook: Rosy Palazzo
    Ho compilato tutto il form ;-)

    https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=870512546433811&id=100004252210765

    Grazie mille per l'opportunità ♡

    RispondiElimina
  7. Sto seriamente pensare un viaggio in Transilvania! Stupendo! Ho mi piacizzato tutto, sul blog vi seguo come starred92@libero.it e commento cime Veronica. Su facebook vi seguo come Veronica Asunis. E ho condiviso. Grazie per l opportunità

    RispondiElimina
  8. Sono in crisi da astinenza. Vampiri grazie per questo fantastico blog tour
    dilorenzomarianna07@gmail.com

    RispondiElimina
  9. Dopo questa tappa prendo la valigia e parto per la Transilvania!Luogo che mi ha sempre elettrizzata e incuriosita per i luoghi e le atmosfere che sicuramente sarà in grado di regalare!

    Incrocio le dita e vi ringrazio per l'opportunità ♥

    RispondiElimina
  10. Ed io ho sempre più voglia di andare in transilvania, e prima o poi co riuscirò

    RispondiElimina
  11. io vorrei visitare la transilvania e tutti i castelli, ormai sono anni che sono affascinato dalla leggenda di Dracula! ;)
    Luigi Dinardo
    luigi8421@yahoo.it

    RispondiElimina
  12. È un bellissimo itinerario per un viaggio tra paletti e denti acuminati!
    Spero che l'autrice possa andare il più presto possibile e affascinarsi ancora di più!
    Partecipo al blogtour!
    nicolettamarasca88@gmail.com

    RispondiElimina
  13. La Transilvania è davvero un luogo intriso di magia e di misteri. Mi piacerebbe molto visitare i luoghi simbolo del regno di Vlad!
    lauradomy@hotmail.it

    RispondiElimina
  14. Sarebbe meraviglioso visitare certi luoghi pregni di storia e mistero! 😍
    Compilato il form con le informazioni richieste.
    Link di condivisione di questa tappa (messa anche nel form):
    https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=450342745307731&id=100009960271401
    Indirizzo e-mail: hotstorm403@gmail.com

    RispondiElimina
  15. Leggendo questo post che descrive talmente bene i luoghi mi ci sono ritrovata con l'immaginazione..però mi piacerebbe tantissimo visitare quei luoghi!
    bebatag@gmail.com

    RispondiElimina
  16. Bellissima tappa, adoro la storia di Vlad!Vorrei visitare la Transilvania:mio fratello ha avuto la fortuna di fare un viaggio lì e visitare il castello e ha detto che ne vale assolutamente la pena...è un luogo molto affascinante con un'atmosfera particolare.

    RispondiElimina
  17. E' uno dei miei sogni quello di visitare Londra un giorno e chissà se ci riuscirò mai.
    Sei andata in Transilvania? Chissà come deve essere! :D

    Email: alessandranekkina93@gmail.com

    RispondiElimina
  18. Wow che tappa!!!
    La Transilvania deve essere un luogo pieno di magia e mistero
    Mail: lauro.giovanna@alice.it
    https://www.facebook.com/giovanna.lauro.1/posts/1442594515771987

    RispondiElimina
  19. La Transilvania mi ha sempre affascinato! Spero di poter visitare tutti questi bei luoghi un giorno 😍😍 La mia email è: Jess_serra@libero.it 🍀

    RispondiElimina
  20. Bellissima tappa;)
    Sarebbe un sogno visitare la Transilvania, è una di quelle mete che sembrano incantate e che, forse per la sua famosa leggenda, mi ha da sempre affascinata.

    Ottimo approfondimento ;-)

    Lettrice fissa: Eleonora C
    Facebook: Eleonora C. Bookblogger Ele
    Email: eleonora.ci92@gmail.com

    RispondiElimina
  21. Non sono una grandissima fan della storia in generale, ma questa è davvero coinvolgente!
    La Transilvania ha il suo fascino, proprio perchè è collegata ad un personaggio come Vlad *-*

    RispondiElimina