sabato 8 aprile 2017

Recensione [Graphic Novel]: O.Z. di Paolo Massagli




Prezzo: € 15,00
Pagine: 200
Editore: La Piccola Volante
Genere: dark/erotico/horror/bizzarro

Dorothy è un’adolescente dall'animo cupo, l'espressione seria e una lunga cicatrice che le solca le labbra, come un grottesco sorriso. Un giorno, dopo un tornado che ha devastato il Kansas, si risveglia in uno strano luogo. I mastichini, piccoli esseri dai larghi denti, la scrutano: la sua casa, atterrando, ha appena ucciso la strega dell’Est. Non ha neppure il tempo di battere le ciglia che si trova davanti una donna dalla chioma simile alle corna di un ariete. È la strega del Nord, che rivela alla ragazza che il viaggio la ha portata nel magico mondo di Oz. Come premio per aver liberato il regno dalla malvagia strega dell’Est le regala le sue scarpette. Ma Dorothy non ha intenzione di fare amicizia con nessuno, in quel posto strambo, vuole solo tornare nel Kansas. L’unico che può aiutarla è il grande mago di Oz, così Dorothy comincia il suo viaggio per incontrarlo seguendo la strada di mattoni gialli. Lungo la via incontra diversi personaggi speciali, dei freaks che desiderano vedere esauditi i loro desideri dal potente e terribile mago di Oz. Il viaggio dei reietti li porterà dritti nel cuore pulsante del Regno, faccia a faccia con il bizzarro ed enigmatico mago.

O.Z è una libera interpretazione del classico “Il meraviglioso mago di Oz” di L. Frank Baum in chiave dark-erotica/horror/trip.
I primi tre albi di O.Z sono stati autopubblicati dall’autore dal 2010 al 2012, il quarto è fino ad ora rimasto inedito. 
Colpiti al cuore dalla storia e dallo stile grafico di Paolo Massagli, gli editori LaPiccolaVolante hanno scelto di pubblicare O.Z in un unico volume composto da quattro capitoli, e stamparlo in una veste grafica che rendesse giustizia alle tavole e al loro potere evocativo.

Buongiorno cari lettori.
Per la prima volta mi cimento con la recensione di una graphic novel.
Mi ha colpito molto lo stile dell'autore e quando ho avuto l'occasione di poter vedere l'opera intera devo dire che non me la sono lasciata scappare.
Come descritto dalla casa editrice lo stile è un sapiente mix di dark- erotico con risvolti horror-trip.
Quindi chi conosce la "classica" storia di Oz dimentichi le musiche stile "Over the rainbow" ed usi questa musica come accompagnamento!!!



I personaggi sono molto particolareggiati e hanno tutti deturpazioni e menomazioni che riescono ad attrarre e disgustare al tempo stesso. 
Dorothy è una ragazza scostante e decisamente asociale.
Le streghe risultano lussuriose,morbose e cattive.
I co-protagonisti ovvero Lo spaventapasseri, l'Uomo di latta ed il Leone risultano grotteschi e orripilanti.



La nudità e l'erotismo sono molto presenti anche se sembrano descritte da chi sta vivendo un "bad trip".
Le illustrazioni particolareggiate che si susseguono denotano la cura e la meticolosità dell'autore che ci guida attraverso un regno pieno di creature terrificanti e ripugnanti.
Si denotano scene assurde spinte al massimo senza pudore e decisamente vivide e crudeli.
Questa graphic ha stravolto la storia e si apprezza la ricerca del lato oscuro delle cose, l'evidente morbosità descritta senza veli o filtri ed un finale consono allo stile ideato.
Ammetto che non è adatta a tutti ma a me è piaciuta molto!
Ha solleticato il mio lato per l'horror trash che pochi conoscono ^^





Nessun commento:

Posta un commento