martedì 9 maggio 2017

Recensione [Anteprima]: The Tower di Katharine McGee


Prezzo: € 17,00
E-book : € 6,99
Pagine: 468
Editore: Piemme
Genere: Thriller

Manhattan, 2118. New York è diventata una torre di mille piani, ma le persone non sono cambiate: tutti vogliono qualcosa, e tutti hanno qualcosa da perdere.
La spregiudicata Leda, che brama una droga che non avrebbe mai dovuto provare e un ragazzo che non avrebbe mai dovuto toccare.
La viziata Eris, che dopo aver perso tutto in un istante vuole risalire, ma presto comincerà a chiedersi quale sia veramente il suo posto.
L'intraprendente Rylin, che un lavoro ai piani alti trascinerà in un mondo - e in una relazione - mai immaginati: la nuova vita le costerà quella vecchia?
Il geniale Watt, che può arrivare ai segreti di ciascuno e, quando viene assunto per spiare una ragazza, si troverà imprigionato in una rete di bugie.
E sopra tutti, al millesimo piano del Tower, vive Avery, disegnata geneticamente per essere perfetta.
La ragazza che sembra avere ogni cosa, tormentata dall'unica che non dovrebbe nemmeno desiderare.


Una New York del futuro decisamente diversa. 
Della città leggeremo ben poco considerato che quasi tutto il libro si svolge all'interno della Torre. 
Ben mille piani di ferro e vetro sintetico e robustissimo che sfidano la gravità e la naturale paura dell'altezza.
Mano a mano che si sale cresce anche la ricchezza e la sfarzosità. Chi abita i piani bassi non è considerato da chi è abituato a guardare città e persone dall'alto.
Le storie di alcuni giovani abitanti si intrecceranno indissolubilmente arrivando ad un tristissimo finale.
Tutto sembra ruotare attorno alla bellissima e perfetta Avery. 
Creata a tavolino da bravi genetisti per compiacere i suoi ricchissimi genitori. 
I complimenti sul suo aspetto ormai la nauseano e convive con un dolore straziante per non poter stare con l'unica persona che ama, le convenzioni sociali non lo permetterebbero mai e si sente irrimediabilmente sola ed incompresa. Incompresa perchè circondata da uno stuolo di amiche che l'invidiano a tal punto da non cogliere la sua frustrazione o il suo intimo dolore.
La sua migliore amica Leda ritorna dalle vacanze estive cambiata, non rivela a nessuno di essere stata in un centro di recupero in seguito all'abuso di sostanze stupefacenti. Invidia da sempre Avery ma comincia a covare un rancore che sfiora l'odio quando capisce che anche l'amica ha segreti che non vuole condividere e che le cambieranno per sempre la vita. 
Eris si ritrova dalle stelle ai piani bassi e poveri della Torre in un battito di ciglia. Il suo mondo dorato è scomparso, gli affetti pure e dovrà ricostruire tutto da sola anche se è dura rinunciare alle frivolezze e a non dover pensare "oltre" a come abbinare un vestito ad un paio di scarpe. Scoprirà altri valori e per la prima volta si innamorerà anche se non saprà come gestire la cosa.
Rylin invece è la più tosta di tutti. Lei e la sorella sono rimaste orfane, per non essere separate decide di richiedere al tribunale l'emancipazione come minorenne e comincia a lavorare. Si sforza per mandare avanti tutto, per pagare i conti esorbitanti e per dare una parvenza di famiglia alla sorella. Le sue amicizie ruotano attorno allo sballo chimico piuttosto che su veri rapporti umani e a lei comincia a stare stretto questo ambiente. 
Per lavoro si ritroverà quasi in cima alla Torre e capirà che non tutto quello che è costoso e sfavillante rende felici le persone trovando chi la comprende e capisce i suoi dubbi e paure. 
Per ultimo , ma non per importanza, Watt. 
Un genio della tecnologia che mette a frutto la sua competenza per aiutare la famiglia e crearsi un fondo spese pro -MIT. E' un genio ma ha difficoltà con le relazioni interpersonali. Grazie al suo computer sofisticatissimo "Nadia" riuscirà ad avere il successo che desidera e si ritroverà catapultato in cima alla struttura stupenda ed inquietante con più di un ruolo : spia, amico e pedina di un gioco d'amore crudele ed ingenuo.
Il libro è suddiviso in capitoli dove si alternano i protagonisti e funziona benissimo! 
Non si ha la voglia di saltare un personaggio per leggere di un altro, tutto è intrecciato e connesso in modo tale da non staccare gli occhi dalle pagine sino alla fine e pregustando il seguito ... perchè credetemi che un seguito ci sta benissimo.
L'autrice riesce ad esporre tutte le caratteristiche degli adolescenti tramite i personaggi descritti sopra e i vari personaggi secondari che creano veramente una città sospesa in aria con tutte le dinamiche possibili : invidie, gelosie, intrighi, segreti, amori proibiti, amori non corrisposti,droga, alcool e molto altro. 
La ricchezza e la bellezza sono i cardini principali ed essenziali ma a bilanciare il tutto ci sono debolezze, fragilità e dubbi che non cambiano nonostante il ceto sociale e l'età. 
Chi l'ha paragonato a Gossip Girl ci è andato vicino ma ho trovato decisamente più cattiveria e più fragilità.
L'atmosfera passa dal patinato al cupo a seconda del livello in cui si trovano i personaggi e sembra di vivere quasi in uno degli innumerevoli ascensori che trasportano i ragazzi nei vari livelli.
La copertina poi è perfetta: una dorata torre retrò sfavillante che spicca sullo sfondo nero torbido e la sensazione che sia sospesa senza fondamenta e quindi stabilità, quando si dice che nulla è lasciato al caso.
Consigliatissimo e coinvolgente!








Nessun commento:

Posta un commento