LE NOSTRE RECENSIONI


Recensione: Piccoli pensieri omicidi di Gabriella Galt


Prezzo: € 10,00
E-book: € 5,99
Pagine: 111
Editore: Corbaccio
Genere: Humor


Piccoli pensieri omicidi è un’operetta a suo modo morale, a sfondo catartico-educativo, che in poco più di settanta storie brevissime e lapidarie racconta di delitti irresistibili, più che ragionevoli e quasi sempre dolosi, (s)fortunatamente rimasti sulla carta. Libero sfogo in chiave ironica e surreale al pensiero omicida, sovrappensiero talvolta, che quotidianamente ci sorprende e quotidianamente sublimiamo. Legittima difesa in forma scritta per evitare di sprofondare sotto terra, sotto il peso di fastidi, banalità, scempiaggini, soprusi, mediocrità e altri fattori di disturbo che, molesti, ci ronzano sempre intorno.

Alzi la mano chi nella vita non ha mai fatto un piccolo ma cattivissimo pensiero omicida verso qualcuno... Ecco nessuno, perché tutti prima o poi ci siamo persi tra le nostre fantasie, pensando a vari metodi di assassinio veloce, pulito e indolore...

Piccoli pensieri omicidi è una breve raccolta di racconti anzi pensieri, più o meno lunghi, in cui Gabriella Galt mette nero su bianco quei pensieri, non sempre così piccoli, omicidi che prendono vita nella mente umana e che hanno come sfondo diversi luoghi e che vedono come protagonisti la suocera, il collega, l'amico, il marito etc... e lo fa con sarcasmo ed ironia, riuscendo a cogliere in pieno il pensiero comune di chi a volte esasperato da una situazione o troppo stressato si bea nelle proprie fantasie, regalando al lettore non poche risate.

"Ripeteva di continuo, tutti i santi giorni, qualche piccola variante.
Io sono buono e caro, non farei del ma-e a una mosca, io sono un tipo pacifico, sono buono e caro... ma se mi fanno incazzare sono capace di tutto, non dico di uccidere ma quasi...
Anch’io. Senza quasi."

Naturalmente alcuni dei "pensieri" mi sono piaciuti più di altri, quelli brevi ad esempio li ho apprezzati molto e nel complesso ho trovato la lettura davvero piacevole, mi sono rivista in alcuni scenari e ho sorriso immaginandomi ogni singola scena.
Gabriella Galt ha uno stile molto duttile, che si adatta senza problemi ad ogni storia raccontata e riesce a render simpatici dei tipici pensieri psicopatici!
Piccoli pensieri omicidi si legge in un'ora al massimo, è una lettura leggera, senza grandi pretese e per nulla impegnativa, perfetta per farsi quattro risate e per chi non ha voglia di nè tempo per imbarcarsi in letture più corpose e complicate.
Quindi se state cercando qualcosa di nuovo, originale e che vi faccia ridere questo è il libro perfetto per voi!





Commenti

  1. Avevo adocchiato questo libro e ne avevo letto un pezzo (scusatemi, ho un lapsus e non mi viene la parola esatta); l'avevo trovato piuttosto particolare. E spassoso. Ma era una piccolissima parte, quindi non mi sono potuta effettivamente calare nelle atmosfere del libro, ma posso dire di averne capito lo spirito. La tua recensione me l'ha confermato. 😄

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi è venuta la parola! Estratto! 😅

      Elimina
  2. Senza dubbio molto particolare, e a dirla tutta leggerlo non sarebbe per niente male magari ci trovo qualche spunto anche io :-)

    RispondiElimina

Posta un commento