[BlogTour] Alaska di Brenda Novak: 4° Tappa - I serial killer nella storia


Buongiorno Lettori Meravigliosi e ben trovati! :)

Nuovo giorno e nuovo BlogTour! Oggi però cambiamo genere e ci addentriamo in un ambito che, come sapete, io amo follemente, quello dei Thriller! Il libro protagonista di questo nuovo BlogTour è una nuova uscita targata Giunti editore che, sono certa, vi lascerà senza fiato: la storia narrata da Brenda Novak in Alaska ha tutte le carte in regole per divenire uno dei thriller migliori dell'anno e credetemi quando vi dico che vi stupirà! 

Presto ve ne parlerò, ma ora veniamo al vero contenuto di questo quarta tappa: siete pronti a scoprire i più efferati killer nella storia dell'umanità?

Il libro


Prezzo: € 14,90
Ebook: € 8,99
Pagine: 468
Genere: Thriller
Editore: Giunti editore
Data di pubblicazione: 9 Novembre 2016

TRAMA
Stanno accadendo strane cose nel piccolo villaggio di Hilltop, remota località dell’Alaska dove l'inverno è così gelido da ottenebrare le coscienze. Da quando, tre mesi prima, è stata aperta Hanover House, una clinica psichiatrica di massima sicurezza che ospita con finalità scientifiche i più feroci serial killer d'America, nessuno dorme più sonni tranquilli e a nulla servono le rassicurazioni di Evelyn Talbot, la psichiatra trentenne e determinata che dirige l'istituto insieme al collega Fitzpatrick. Soprattutto quando nella neve avviene un macabro ritrovamento: i resti di una donna, orrendamente martoriata. Per il giovane sergente Amarok è la conferma di ciò che ha sempre temuto: portare un branco di efferati assassini a pochi metri dalle loro case e dalle loro famiglie è stata una decisione estremamente pericolosa. Ma la sua fermezza si scontra con il fascino fragile e misterioso di Evelyn, il cui passato nasconde il più nero e atroce degli incubi. E mentre una violenta tormenta di neve si abbatte sul paese rendendo impossibili i collegamenti e le comunicazioni, la psichiatra ha più di un motivo per pensare che quel primo omicidio sia un messaggio destinato proprio a lei e che l'ombra del passato la stia per raggiungere ancora una volta.


I serial killer nella storia

Nella sua storia l'umanità ha dato più volte prova del suo carattere ambiguo, tendente alla bontà da una parte e alla malvagità dall'altra, e come in tutte le cose è riuscita a toccare l'apice, sia negativamente sia positivamente parlando. Oggi prendiamo in considerazione quel lato che fin troppo spesso si è voluto ignorare: siete pronti a conoscere alcuni dei serial killer più efferati della storia?

Ma cosa significa esattamente serial killer? Questa specifica denominazione sta ad indicare chi, pluriomicida di natura compulsiva, si macchia dell'uccisione di più persone con una regolarità scandita nel tempo e nel modus operandi. Il termine venne utilizzato per la prima volta nella seconda metà del Novecento quando, intorno agli Settanta, negli Stati Uniti si cominciò a parlare, nella cronache, dei primi casi eclatanti. Tra tutti viene ricordato più frequentemente TED BUNDY, autore di almeno 30/35 omicidi ai danni di giovani donne in un periodo che indicativamente va dal 1974 al 1978, ma che potrebbe essere esteso anche ai primi anni Sessanta. Di quest'uomo viene ricordato il grande fascino che lo contraddistingueva e che gli permetteva, in qualche modo, di conquistare la fiducia delle vittime ignare di ciò che sarebbe avvenuto successivamente. Celebre è diventata una sua frase ("Noi serial killer siamo i vostri figli, i vostri mariti, siamo ovunque".)  e le parole che su di lui ha speso una conoscente ("un sadico sociopatico che traeva piacere dal dolore altrui e dal senso di potere che provava verso le sue vittime, sia quando stavano per morire, che dopo"); morì sulla sedia elettrica nel 1989.

Alla base della maggior parte dei comportamenti degli assassini seriali vi si può trovare una vera e propria disfunzione, che possiamo identificare come un maltrattamento fisico, psicologico e sessuale, che, in qualche modo, ha avvicinato le loro personalità al crimine. E' il caso qui di ricordare un altro uomo macchiatosi di una decina di omicidi particolarmente cruenti: EDWARD GEIN, il killer statunitense delle donne, ricevette un'educazione luterana molto severa dalla madre che gli insegnò ad odiare l'alcolismo e a disprezzare e considerare tutte le donne delle prostitute. Non è un caso, dunque, che le sue vittime furono trovate sfigurate e soprattutto che furono tutte di sesso femminile. Morì nel 1984 a causa di una malattia incurabile.  Non è raro poi trovare nella psiche di serial killer qualcosa di strano e assolutamente discutibile: molti, infatti, sono affascinati ed eccitati da cose impensabili, come JEFFREY DAHMER, l'uomo ricordato per la sua particolare passione per L'imperatore Palpatine de "Il ritorno dello Jedi" che lo spinse addirittura a comprare delle lenti a contatto gialle per assomigliare il più possibile al personaggi. Non è solo questa la caratteristica, però, che fa di lui uno degli assassini seriali più efferati della storia: venne, infatti, anche soprannominato Il cannibale di Milwaukee proprio per la crudeltà ed il modo con cui compiva i suoi omicidi. Venne ucciso in carcere, nel 1994, da un detenuto affetto da schizofrenia.

Se finora vi ho citato uomini che hanno dato sfogo alla loro natura crudele in (più o meno) giovane età, sappiate che esistono anche casi, sebbene in piccola percentuale, in cui la personalità del serial killer viene esternata solo dopo aver raggiunto la mezza età, se non oltre: un esempio più che famoso ci porta in Russia dove ANDREJ CIKATILO si macchiò di ben 53 omicidi tra il 1978 e il 1990 a danni di donne, bambini e adolescenti di entrambi i sessi. La storia della sua ricerca e del suo arresto è stata particolarmente lunga e travagliata, ma nel 1994 venne eseguita nei suoi confronti la pena di morte. A contraddistinguere i serial killer l'uno dall'altro sta, essenzialmente, la frequenza con cui reclamano le loro vittime: un caso tutto italiano è quello di DONATO BILANCIA che ammise di aver ucciso 17 persone nell'arco di sei mesi. L'uomo, arrestato nel 1998, si trova tutt'ora in carcere.

Arrivati a questo punto, però, vi starete certamente chiedendo se, nella storia, vi sia stata mai qualche donna da inserire in questa lunga lista di assassini seriali. La risposta è Sì, come credo tutti immaginiate, e ci viene in qualche modo fornita da due esempi di particolare malvagità: l'una, LEONARDA CIANCIULLI, è passata alla storia come La saponificatrice di Correggio per un fatto molto particolare (pare, infatti, che abbia disintegrato il corpo di una sua vittima con la soda caustica e l'abbia poi trasformato in sapone) e Confessioni di un'anima mareggiata è il suo memoriale, l'altra, AILEEN WUORNOS, killer e prostituta americana, per il particolare disprezzo per la vita e per il desiderio continuo di provocare dolore.

Come avete potuto constatare, dunque, negli anni si sono succeduti più e più serial killer di cui io ho solo nominato una parte infinitesimale del tutto per darvi semplicemente una piccola idea del fenomeno, che vi ricordo essere particolarmente ampio (prima di questi si possono nominare il famoso Jack lo Squartatore o Il killer dello zodiaco). I moventi e i modus operandi hanno subito un grande cambiamento e andando a studiare le singole personalità e le singole vicende di cui questi uomini si sono resi protagonisti lo si evince anche fin troppo bene e qualora ne siate interessati vi invito a navigare un po' per il web, il materiale non manca!



Calendario del BlogTour
e piccola Sorpresa.. Alcuni libri sono in cerca di una nuova casa!


Siamo arrivati al termine anche di questa Quarta Tappa e come al solito io vi invito a seguire il BlogTour per scoprire contenuti sempre più interessanti, cominciando dalla Tappa che ha dato via al Tour curata da Mario (che dobbiamo ringraziare per la bellissima grafica!) che su Lost in Idris vi ha fatto leggere l'incipit del romanzo e vi ha presentato una Playlist ad alta tensione! Poi è venuto il turno di Sonia del blog Il salotto del Gatto Libraio che vi ha portato nella Mente dell'assassino in una Tappa formidabile, e dopo quello di Virginia che vi ha fatto leggere, su Le recensioni della Libraia, la sua personale opinione su questo affascinante Thriller. Domani, invece, non perdete l'ultimo appuntamento: sul blog Leggere in silenzio Cristina vi farà conoscere i personaggi del romanzo :)

E ora veniamo alla tanto attesa SORPRESA: ben 5 COPIE di ALASKA stanno cercando casa! Come sempre per partecipare è semplicissimo e vi basterà compilare il form che trovate qui sotto :)


A me non resta che augurarvi Buona fortuna!

Commenti

  1. Wow Valentina questa tappa non scherza!!!!complimenti! carmelab1985@libero.it

    RispondiElimina
  2. Wow Valentina questa tappa non scherza!!!!complimenti! carmelab1985@libero.it

    RispondiElimina
  3. Questo post mette i brividi :-( Noi che ci attendiamo a leggere sappiamo che la cosa sia stata inventata. Ma quando entri nel mondo reale la cosa ti pugnala allo stomaco con molta ferocia. Alcuni sono crimini veramente spregevoli.Complimenti per il post anche se e un po macabro ma e la realtà

    RispondiElimina
  4. Bellissima tappa! Mi è capitato spesso di andare in rete e cercare le storie di alcuni dei killer seriali più spietati e alcuni sopra citati mi hanno fatto venire i brividi!

    RispondiElimina
  5. Miseriaccia!!! (Alla Ron Weasley ;-))
    Ho la pelle d'oca, e non solo per il freddo!!!
    Queste storie hanno su di me un fascino particolare ma poi mi rendono angosciosa; cavoli però, tutti potrebbero essere dei potenziali serial killer, anche la persona che noi crediamo di conoscere come le nostre tasche 😱
    Brrr!!! INQUIETANTE!!!
    Partecipo al blogtour e al Giveaway ;-)
    Lettori fissi: Rosy Palazzo
    Mail: rosy.palazzo1612@gmail.com
    Instagram: @ross_3193
    Facebook e Google +: Rosy Palazzo
    Ho piacizzato le pagine richieste ;-)
    Grazie mille per l'opportunità ♡

    RispondiElimina
  6. Wow, hai saputo tirar fuori una tappa davvero bella riguardo qualcosa di così...vasto, brava ^.^
    È interessante e ben fatta, complimenti ;)

    RispondiElimina
  7. Wow, hai saputo tirar fuori una tappa davvero bella riguardo qualcosa di così...vasto, brava ^.^
    È interessante e ben fatta, complimenti ;)

    RispondiElimina
  8. sto libro fa venire i brividi solo a legger la trama! adoro!

    RispondiElimina
  9. Il libro mi incuriosisce davvero tanto, la trama è accattivante e poi Hilltop è un nome a me famigliare - sono fan di The Walking Dead, è inevitabile!
    Questa tappa è eccezionale, complimenti. Amo la criminologia e tutto ciò che riguarda i serial killer, ho avuto occasione di visitare una mostra a loro dedicata, perciò i nomi citati mi erano famigliari, così come le loro storie. Un post davvero interessante e ben fatto, complimenti! ❤

    RispondiElimina
  10. caspita una recensione più bella dell'altra questo libro è da ...divorare..ih ih

    RispondiElimina
  11. Wow l'approfondimento sui serial killer è la ciliegina sulla torta ;)

    RispondiElimina
  12. Oh Wow! I Serial Killer!
    xoxo Connor

    RispondiElimina
  13. Bellissima tappa! La aspettavo! Mi sono segnata tutti i nomi che non conoscevo e li andrò a cercare. È molto affascinante entrare nella mente di questi individui per cercare di capire cosa c'è di anomalo nella loro mente per spingerli ad atti così efferati.

    RispondiElimina
  14. Strepitosa tappa per un strepitoso blogtour di uno strepitoso libro!!
    Email: marco.smeraldi8@gmail.com
    Lettore fisso: Marco Smeraldi

    RispondiElimina
  15. Sarà ma sta cosa resta comunque inquietante sahhaahahahah xD
    angelina.alboreo@hotmail.it

    RispondiElimina
  16. Ho letto le vicende dei serial killer sopra menzionati..addittura di Ted Bandy ho letto una biografia di una scrittrice giornalista che l'ha conosciuto ignara di quello che era..
    bebatag@gmail.com
    https://twitter.com/bebatag/status/796768889560563712

    RispondiElimina
  17. Roba da brividi, terribile! Mentre leggevo a un certo punto mi sono venuti i brividi. Sulla saponificatrice di Correggio ho visto un film, inquietante!
    Indirizzo e-mail: hotstorm403@gmail.com

    RispondiElimina
  18. Su Ted Bundy, Ed Gein e Jeffrey Dahmer mi ero già informata l'anno scorso, dopo che avevo finito di leggere Psycho di Robert Bloch - a Ed Gein c'è anche un'allusione nel romanzo. Aileen Wuornos invece me la ricordo rappresentata da Charlize Theron in Monster.
    Comunque è vero - e inquietante - che chiunque può essere un serial killer, Criminal Minds non fa altro che dimostrarlo.

    RispondiElimina
  19. Che tappa... :(
    Delitti davvero orrendi, inquietanti :(
    La saponificatrice di Correggio è tremenda, ma anche gli altri non scherzano
    Leggete la storia di questi due serial killer, Paul Bernardo e Karla Homolka, non ho dormito la notte ripensando ai loro massacri :(


    Partecipo al BlogTour :)
    - Seguo tutti i blog partecipanti con il nome: Elysa Pellino
    La mia email: mora_1993_@hotmail.it
    Ho condiviso questa tappa su Facebook taggando la pagina del blog, Twitter, e Google+ ( Uso solo questi social )
    LINK CONDIVISIONE FACEBOOK: https://www.facebook.com/elysa.pellino/posts/10208471472678117?pnref=story
    LINK CONDIVISIONE TWITTER: https://twitter.com/ElysaPellino/status/797086554128793605
    LINK CONDIVISIONE GOOGLE+: https://plus.google.com/u/0/104143485217744156564/posts/UGjJrZbEpPq?sfc=true
    - Ho completato il form :)

    RispondiElimina
  20. Bellissima questa tappa...mi è piaciuta davvero tanto insieme a criminal mind: nella testa dell'assassino. Sinceramente tra tutti quelli elencati conoscevo solo Jack lo squartatore XD Questa frase "Noi serial killer siamo i vostri figli, i vostri mariti, siamo ovunque" è davvero inquietante. Mi sono venuti i brividi leggendo la storia di Jeffrey Dahmer. Peccato che Halloween sia già passato, questo post sarebbe stato perfetto per una serata dell'orrore!

    RispondiElimina

Posta un commento