Recensione: Free to love di Kirsty Moseley


Prezzo: € 16,40
E-book: € 7,99
Pagine: 372
Editore: Tre60
Genere: Romance New Adult

James ha 18 anni ed è appena uscito di prigione, la sua giovane vita non è mai stata facile, ha un passato doloroso che non può cancellare, ha fatto cose che cerca di dimenticare, ma purtroppo la sua vecchia vita continua a bussare alla sua porta e cambiare, diventare una persona migliore è sempre più difficile quando tutto sembra remar contro...
Ellie ha 17 anni, è una studente e figlia modello, ma una sera decide di osare e accetta la proposta di andar via con quello splendido ragazzo incontrato in un locale!
James ed Ellie iniziano così a frequentarsi, anche se lui le nasconde troppe cose e lei inizialmente non vuole impegnarsi con nessuno. 

Ho sentito parlare moltissimo di Kirsty Moseley, a Natale mi è anche stato regalato un suo libro, ma non avevo ancora letto nulla di suo e così ho deciso di scoprirla leggendo Free to Love.
Una delle cose che mi ha incuriosita di più di questo libro è stata sicuramente la trama, soprattutto perché le storie con il Bad Boy e che fin dalle prime pagine non promettono il classico lieto fine le trovo molto più avvincenti.
Il libro parte subito bene, la Moseley ha una scrittura scorrevole che rende la lettura leggera e veloce e, anche se almeno per le prime 100 pagine non succede nulla di eccessivamente esaltante. 
Nella prima parte del libro impariamo a conoscere meglio James ed Ellie, assistiamo al loro incontro e a come giorno dopo giorno le loro vite finiscono per intrecciarsi e i sentimenti che provano l'uno per l'altro cambiano, maturano e si consolidano. Piano piano la lettura si fa più interessante, si scoprono i segreti di James e con lui si vivono momenti di alta tensione.
Ellie è quasi un personaggio secondario all'interno del libro, anche se a partire dalle prime pagine si nota un certo cambiamento in lei, da ragazzina perfetta e remissiva alla fine diviene una ragazza che sa cosa vuole, che riesce a vedere al di là dei segreti e del passato di James, comprendendone le scelte pur non approvandole.
Per tutto il libro si rimane in ansia, attendendo di scoprire se veramente James riuscirà a cambiare vita o se il suo passato finirà per risucchiarlo in un buco nero portandogli via tutto, più di una volta vi ritroverete a domandarvi perché si fa piegare da una madre che non è stata capace di dargli amore e che ha permesso che la sua vita venisse spezzata, danneggiata e spazzata vita con forza e dolore.
I due protagonisti sono ben delineati, con caratteristiche precise che permettono al lettore di immaginarli e di comprenderli meglio, anche se devo ammettere che li ho trovati un po' surreali, troppo gentili, capaci di perdonare tutto, arrabbiandosi si, ma poi riuscendo comunque a passarci sopra, dando più di una seconda chance anche a chi non lo merita affatto.
La storia potrebbe benissimo esser adatta anche ad un pubblico più giovane, ma vi sono alcune scene di sesso che non lasciano nulla all'immaginazione pur non essendo mai eccessive o volgari e questo fa si che non sia proprio adatto a delle ragazzine.
La Moseley ha toccato più temi all'interno di Free to love, la violenza in ogni sua forma è una costante sia per Ellie sia per James e vi sono alcune descrizioni che fanno rabbrividire, arrabbiare e piangere.
Come ho già detto per tutto il libro avrete la sensazione che tutto potrebbe crollare da un momento all'alto, le azioni di James non fanno bene sperare ed è un crescendo di tensione continua, che accompagnerà il lettore verso un finale ricco di suspense e che vi toglierà il fiato, lasciandovi addosso una sensazione di vuoto incolmabile e il bisogno di poter leggere subito il secondo volume di questa serie.
Free to Love non è una di quelle letture tutta relax e occhi a cuore, è in realtà uno di quei libri che danno una scossa al lettore, lo catapultano in un mondo dove la vita ha un gusto amaro e le persone sono squali... Free to love è una di quelle letture che a volte servono a darci una scossa emotiva e a farci venir voglia di leggerne anche il seguito.








Commenti