LE NOSTRE RECENSIONI


Recensione: Ti chiamo sul fisso di Rainbow Rowell


TI CHAMO SUL FISSO

di Rainbow Rowell

Prezzo: € 18,50 | Ebook: € 9,99 |
Pagine: 352| Genere: Contemporary Romance |
Editore: Piemme| Data di pubblicazione:  7 Novembre

Trama

Se ti capitasse una seconda possibilità in amore, faresti di nuovo la stessa scelta? Se si parla di macchine del tempo, un semplice telefono non sembrerebbe il modo più sofisticato di viaggiare nel passato... Eppure quando Georgie, madre di due bambini e autrice televisiva perennemente sotto stress, mette piede nella casa della sua infanzia, e in un momento di nostalgia alza la cornetta del vecchio telefono fisso - un vero reperto archeologico -, improvvisamente è trasportata a quindici anni prima. Non nel senso che può vedere il suo passato. Ma nel senso che può telefonargli. Sperando che il passato risponda. Sperando che Neal, quello che oggi è suo marito e allora stava per diventare il suo fidanzato, risponda... Perché se c'è una cosa che Georgie cambierebbe della sua vita è il modo in cui il suo matrimonio si è pian piano spento, fino a ridursi a quello che è oggi. Forse parlando al telefono con il Neal di ieri potrà rimediare a cose che oggi sembrano irrimediabili. Forse quello stupido telefono, così antiquato da essere ancora attaccato a un filo, può davvero darle una mano...

  
 


IL MIO PENSIERO SUL LIBRO

Ho scoperto questa autrice grazie a Fangirl, libro che tra l'altro non mi aveva emozionato più di tanto, ma che mi aveva comunque fatto innamorare di questa autrice che scrive divinamente e sa come raccontare una storia. Con Carry On ha conquistato il mio cuore e mi sono ripromessa di leggere Per l'@more basta un clic e Eleanor e Park, che aspettano pazientemente nella mia libreria! 
Ti chiamo sul fisso è una bellissima favola di Natale, il viaggio della protagonista nel suo rapporto con il marito, un'analisi perfetta della sua vita e di come sta evitando di affrontare i problemi, accantonandoli, cercando di superarli senza però risolverli.
Georgie è una donna in carriera, ha sempre pensato al lavoro mettendo in secondo piano marito e figlie, dando per scontata la sua famiglia e non rendendosi conto che tutti in un modo o nell'altro si sono sacrificati per far si che lei potesse realizzare i suoi sogni, ma purtroppo si arriva ad un momento in cui non si ha più la forza di sacrificarsi, in cui purtroppo l'amore non basta più ed è proprio questo che succede nella vita di Georgie, che ancora una volta ha preferito il lavoro alla famiglia, ritrovandosi così da sola a riflettere sul suo passato.
La storia è raccontata in terza persona e tutta l'attenzione è focalizzata su Georgie, con calma e con grande cura la Rainbow introduce il lettore nella vita della protagonista, punta i riflettori sul suo matrimonio e gli mostra una storia d'amore logora, basata su cose non dette, un amore a cui proprio a Natale viene data una seconda possibilità.
Per vari fattori Georgie e Neal non riescono a parlarsi al cellulare e così alla fine Georgie lo chiama sul fisso, ma quello che gli risponde è il Neal del 1998 e grazie alle lunghe chiacchierate con lui Georgie riesce a comprendere i suoi errori, cosa stava per perdere e decide finalmente di metter fine alla situazione in cui si trovano lei e il marito.
La Rowell con un pizzico di magia da vita ad una storia dolcissima, unica nel suo genere e permette alla protagonista di avere una seconda possibilità, di poter analizzare le sue scelte e a cosa hanno portato, Neal e Georgie si mettono a nudo, si affrontano e in qualche modo si ritrovano.
Intorno a Georgie e Neal ruotano alcuni personaggi secondari, più o meno importanti e con un ruolo nella loro relazione, alcuni ben delineati altri sono come ombre sfumate. 
Tra passato e presente il lettore rivive i momenti più importanti di Georgie e Neal, comprendendo al meglio la loro storia d'amore e le loro paure.
Con Ti chiamo sul fisso la Rowell è passata dal Young Adult al Contemporary Romance e nonostante sia stato per me più difficile entrare in sintonia con i protagonisti è comunque riuscita a catturare la mia attenzione e a tenerla alta dall'inizio alla fine, facendomi appassionare alla storia: la trama è senza ombra di dubbio interessante, sufficientemente interessante e la Rowell con il suo stile semplice, curato e intrigante rapisce il lettore e lo intrattiene fino all'ultima pagina.
Unica nota negativa il finale, che mi ha lasciato un po' l'amaro in bocca: proprio le ultime pagine mi han dato l'impressione di esser state scritte di fretta e il finale sembra tronco, tanto che mi aspettavo almeno ancora un capitolo.












Commenti

  1. Adoro questa autrice e ho letto ed amato tutti i suoi libri precedenti *-*
    Questo mi ispira molto anche se mi spiace per il finale frettoloso D:

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda sul finale ci sono rimasta un po' male

      Elimina
  2. La trama è particolare e dalla tua recensione il libro non sembra male. Peccato per il finale affrettato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un libro davvero particolare, un genere nuovo per la Rowell e nonostante il finale merita

      Elimina

Posta un commento