domenica 19 maggio 2013

Regala un libro a.... #12


Stasera vi voglio consigliare un libro dagli argomenti abbastanza forti come la ricerca delle proprie origini e il trattamento riservato agli aborigeni.

Un libro toccante e allo stesso tempo crudo.

"Una ragazza aborigena va a partorire nell'Outback australiano. Sola, con lo sguardo rivolto al cielo, aggrappata a un ramo dell'albero del parto per sopportare il dolore, dà vita a una bimba. Ma... qualcos'altro spinge dentro di lei, ed ecco nascere un maschietto. Due gemelli! Che non avrà modo di crescere, perché secondo una barbara usanza  in vigore in Australia sino a pochi decenni fa moltissimi bambini aborigeni venivano strappati alle loro famiglie per essere dati in adozione alla cosiddetta società civile, cioè ai bianchi. Il maschio sarà affidato a una coppia di proprietari terrieri americani che lo battezzano con il nome di Jeff. Abituato sin da piccolissimo al duro lavoro, cresce senza conoscere il significato della parola amore e senza alcuna coscienza delle proprie origini. La bambina, Beatrice, appena nata viene mandata in un orfanotrofio dove suore non proprio caritatevoli la tengono fino ai sedici anni. Ributtata nel mondo esterno, fa i lavori più umili e sconfigge la solitudine immergendosi nella lettura. Proprio questa passione la porta a voler scoprire di più sulle proprie origini, sulla propria terra, finché un giorno decide di andarsene. L'incontro con una donna del deserto cambia per sempre la sua vita: insieme, iniziano un viaggio nell'entroterra alla ricerca di un'antica tribù che svelerà a Beatrice le profonde verità spirituali che sono il suo retaggio culturale. Ascoltando i racconti della Vera Gente e vivendo con loro per molti e molti anni, Beatrice - ormai Mapyal - impara la saggezza antica della sua gente, che tuttavia capisce di dover abbandonare per diventare la "donna che corre fra due mondi" e portare alla gente il "Messaggio dal Sempre", quel luogo perfetto dal quale tutti veniamo e dove tutti torneremo."

Consigliato da Eva

1 commento: