venerdì 3 luglio 2015

Rubricando: World Literary Prize- Parigi 2015




Sabato 13 giugno, nello splendido Teatro De Dix Heures di Parigi, si è svolta la cerimonia di premiazione del World Literary Prize 2015, nell’ambito del quale la giuria ha assegnato a Sibyl von der Schulenburg il Premio Speciale della Critica per il suo ultimo psico-romanzo “La porta dei morti” (Edizioni Il Prato) RECENSIONE


Il World Literary Prize è un grande premio letterario itinerante che viene ospitato di edizione in edizione in una delle grandi capitali o nelle più celebri località turistiche del mondo, una manifestazione internazionale che ha lo scopo di integrare, promuovere e conoscere le culture di tutti i popoli, la loro lingua, le loro tradizioni, nel nobile ideale di fratellanza universale.


Nell’ambito di questa prima edizione, il Premio Speciale della Critica è stato assegnato a Sibyl von der Schulenburg per l’opera “La porta dei morti”, il suo ultimo psico-romanzo ambientato in Toscana, nella Costa degli Etruschi, un viaggio nella psicologia e para-psicologia, tra miti e leggende etrusche, con il quale l'autrice offre una riuscita rivisitazione del thriller psicologico.

Sono una grande fan di questa aurice, di cui ho letto e recensito quasi tutti i libri (I cavalli soffrono in silenzio sarà una delle mie letture dell'estate!) e sono davvero contenta che abbia ricevuto questo premio perchè i suoi libri arrivano dritti al cuore! 







Nessun commento:

Posta un commento