giovedì 27 agosto 2015

Recensione: Tra le nubi del mio cuore di Arianna Gallo

Che strana la vita, ti illude di avere già un futuro ben predisposto e improvvisamente crolla tutto.
Non so nemmeno se tutto questo era quello che volevo, ma era una cosa che prima o poi dovevo fare, dovevo scegliere.


Prezzo: € 0,99
Pagine: 193
Genere: Romance
Editore: Self 
Data di pubblicazione: 22 Maggio 2015

Una vita da sogno, una casa da dividere con l’amore della sua vita. 
Anna, ha tutto ciò che una ragazza possa desiderare. 
Nel suo futuro una sola persona: Leo 
Non cambierebbe con nessuno al mondo la strada che fino ad oggi l’ha condotta verso la felicità. 
Ma ben presto, quella stessa strada subirà delle variazioni. 
Nella sua mente, inizieranno a prendere posto milioni di domande che non avrebbe mai pensato di porsi. 
Molte cose cambieranno, niente sarà più lo stesso. 
Lei, non sarà più la stessa. 
Riuscirà a scoprire cosa, o meglio, chi è nascosto tra le nubi del suo cuore?

Sono tanti i motivi per cui un libro può piacerci, di qualunque genere esso sia, può colpirci la storia, possiamo innamorarci dei personaggi, può incantarci lo stile; oppure, al contrario, possiamo arrivare ad odiare un libro per le stesse cause; e, come in tutte le cose, c'è una via di mezzo e gli esempi possono essere molteplici. Con fermezza posso accertare che Tra le nubi del mio cuore rientra in quest'ultima categoria: molto carina l'idea di fondo della storia, forse a tratti banale, ma non per questo meno bella, però con una grande falla che, purtroppo, va ad incidere molto sulla narrazione: i ripetuti errori nella scrittura.
La nostra protagonista è Anna, una ragazza di 21 anni che ha tutto quello che le occorre per essere felice: un ragazzo meraviglioso, Leo, che le riserva più di mille attenzioni, un lavoro che le permette di essere indipendente, un'amica speciale, Monica, con cui condividere ogni istante di vita, una mamma che ha saputo crescerla nonostante le mille difficoltà e la magia della sua città, che le regala momenti indimenticabili. Improvvisamente però la ragazza cambia, qualcosa, o meglio dire qualcuno, le sta sconvolgendo la vita, è Gabriel, il suo nuovo capo, un ragazzo sulla trentina, di bell'aspetto e decisamente attraente, e presto si trova ad un bivio, obbligata a prendere una decisione che, con ogni probabilità, le cambierà il futuro. Anna sarà in grado di prendere la strada giusta o cadrà in un baratro dal quale risalire risulterà quasi impossibile?

"Allora smetti di fare la bambina e stasera riprenditi ciò che è sempre stato tuo. A volte, servono solo venti secondi di coraggio. Ti dico una cosa, se vuoi vincere devi lottare, tirati su le maniche e lotta fino a farcela."

Argomento cardine della storia è l'Amore, un sentimento imprevedibile in grado di prendere due direzioni differenti: può far sognare, può renderci delle persone migliori, può colorare di tante piccole sfumature la nostra vita, ma al contempo può essere distruttivo, può prendere pieghe inaspettate, generando solo ed esclusivamente dolore. Accanto a questo si fa largo l'Amicizia, pronto a sopperire tutte le mancanze dell'amore con un semplice abbraccio, una carezza, una parola dolce, una giornata in compagnia.
I personaggi spiccano sicuramente su tutto il resto, nonostante la storia sia ben costruita, sono questi a dare una vera impronta positiva al libro: ben caratterizzati, ognuno possiede la propria personalità, pregi e difetti annessi; impossibile non innamorarsi di Leo, non sorridere di fronte a Monica, non provare una certa repulsione per Gabriel e non soffrire con Anna, seppur, ammettiamolo, la colpa è principalmente la sua, in ogni occasione.
L'ambientazione è molto scarna, l'autrice non lascia spazio a descrizioni particolarmente articolate e minuziose, elemento che, in alcune circostanze, sarebbe stato più che gradito: sicuramente la magia dei luoghi scelti a fare da cornice alla vicende sarebbe trapelata di più, portando il lettore dentro un atmosfera dolce e sognante, incapace di ritornare alla realtà.
La grande nota dolente è lo stile e i ripetuti errori e refusi che si trovano man mano che si prosegue la lettura; inoltre, spesso appare evidente che la costruzione della frase è dialettale e altrettanto spesso questa viene lasciata a metà e tutto ciò non giova al ritmo della narrazione e alla lettura stessa, che può risultare di difficile comprensione.
Sono del parere che con un giusto editing ed una minuziosa revisione Tra le nubi del mio cuore possa diventare davvero un buon libro.


valutazione 5

4 commenti:

  1. Risposte
    1. La storia merita, va solo aggiustato il tiro per quanto riguarda lo stile :)

      Elimina
  2. Grazie mille Vale :D
    So di aver commesso degli errori, quello principale è stato non affidarmi ad un editor. Rimedierò sicuramente.

    Ps: almeno ho un voto in più del libro "Grey" hahahaha

    RispondiElimina
  3. La storia mi sembra interessante :)

    RispondiElimina