mercoledì 2 settembre 2015

Anteprima: Fiat 1100 di Carmelita Fioretto e Gisella Colombo

Milano, Anni Sessanta. 
Due vite, una sola donna,
Una sfida nei confronti del destino.

Un romanzo a quattro mani coinvolgente, in grado di rievocare i luoghi di una Milano suggestiva, emozionante ed eterea come solo i ricordi sanno essere. Uno sfondo vintage per un romanzo che porta di fronte ad un bivio, la scelta tra il proprio destino e il grande interrogativo di ogni “E se…”.





Prezzo: € 12,90 (in offerta sul sito HME)
Data Pubblicazione: 8 Settembre

TRAMA

Milano, anni Sessanta. Al Camparino, un bar storico del centro, Anna si trova con il fidanzato Guido. Dalle due uscite del locale, però, si dipartono due percorsi che corrono in parallelo, in bilico tra il reale e l'immaginario. Due vite, scelte diverse, che partono entrambe da quel giorno, da quel bar. A compierle la stessa donna. Due storie d'amore molto diverse, con snodi in comune. Come due dimensioni parallele del reale, dove i sentimenti si incrociano per dare vita a esistenze opposte, eppure così simili. Una sola donna e due uomini completamente diversi. Uno la conduce a una vita prevalentemente milanese e rappresenta un perfetto esempio di vita borghese. L'altro la invita alla ribellione agli schemi fissi e alle convenzioni, portandola dalla Francia agli Stati Uniti, in ambienti frequentati da artisti e intellettuali. Due vite, una donna. Due possibilità, ma forse due di un milione.

AUTRICI

Gisella Colombo
Nata a Milano insegna italiano e latino presso un liceo scientifico milanese. Ha iniziato componendo poesie ma poi il gusto di narrare l’ha catturata e l’ha portata a scrivere racconti e brevi romanzi.

Carmelita Fioretto 
Nata a Messina ma da anni vive a Milano e lavora presso l’Università degli Studi. Ha pubblicato due romanzi storici per la collana “I romanzi” edita da Mondadori e collabora



Incontro con le autrici 

 Il 23 settembre Gisella Colombo e Carmelita Fioretto presentano il romanzo Fiat 1100 presso lo storico locale milanese del Camparino, luogo da cui si dipana la storia della protagonista.

3 commenti: