[BlogTour] Brew di Bill Braddock: 3° Tappa - Recensione


Buon pomeriggio Lettori Meravigliosi e ben trovati! :)
Ormai non ci fermiamo più e vi regaliamo ogni giorno recensioni e tappe di BlogTour nuove ed oggi tocca ad un nuovo libro molto particolare edito Duwnich Edizioni: Brew di Bill Braddock è un horror folle, incredibilmente accattivante e divertente che non manca di renderci protagonisti di una storia per certi versi raccapricciante!

Il libro

Prezzo: € 3,99
Pagine: 290
Genere: Horror
Editore: Dunwich Edizioni
Data di pubblicazione: 17 Maggio 2016
Link d'acquisto: https://goo.gl/uZw7x9

TRAMA
Siete mai stati in una cittadina universitaria di sabato sera quando c’è la partita di football? Ubriachi affollano le strade, facendo gli spacconi in gruppi rumorosi e festanti, come marinai in licenza. Quelle notti pulsano di un’energia oscura perché sotto tutti i cori e le risate si cela un sostrato di malizia. Da questo suolo spoglio nasce Brew, una vicenda che si svolge in una sola notte apocalittica in cui gli abitanti di College Heights si trovano a sostituire birra e karaoke con incendi, omicidi e cannibalismo. Un attimo prima, tutti si stanno divertendo, facendo festa come dopo ogni vittoria della squadra di casa, quello successivo, l’intera città sembra una distesa infernale. Un cast di improbabili eroi – tra cui un carismatico spacciatore, un veterano dell’esercito e una ragazza dura come il cuoio – lotta per sopravvivere, mentre Herbert Weston, il brillante sociopatico che ha progettato l’intera catastrofe, si gode il caos, realizzando le sue sadiche fantasie.


Recensione

Come per tutti i generi non è mai semplice trovare un buon libro, quello giusto in grado di farci emozionare, ridere o piangere, di tenerci incollati alle pagine parola dopo parola, quello in grado di farci sentire quel brivido dietro la schiena ad indicare il nostro completo coinvolgimento nella storia narrata. Tutto questo con un Horror è ancora più difficile, i fattori in gioco raddoppiano e le difficoltà di cadere nell'ovvio e nel banale sono notevolmente più elevateBill Braddock è stato molto abile ad aggirare con maestria ogni ostacolo e con Brew è stato in grado di regalarci una lettura folle, adrenalica e spaventosa.
Una buona birra, la bella compagnia della ragazza conosciuta poco prima e i festeggiamenti per una vittoriosa partita di football: ecco il sabato sera perfetto, quello che non si porta dietro le preoccupazioni asfissianti della settimana, le delusioni dei giorni passati e la stanchezza accumulata nel tempo. A College Heights, però, non è tutto così semplice ed il sabato sera non è mai stato posseduto dalla follia: i nostri protagonisti si ritroveranno presto a fare i conti con una notte apocalittica dove gli uni uccidono gli altri, dove il cannibalismo diventa la regola e la follia omicida colpisce anche chi non farebbe male ad una mosca. Cosa sta succedendo nella tranquilla cittadina universitaria? Una catastrofe apocalittica senza precedenti si è scatenata su College Heights, e se fosse proprio la birra a causare tutto? Qual è la mente che ha architettato questo scenario? In una notte oscura, quella raccontata da Bill Braddock è un'incredibile lotta per la sopravvivenza in un mondo dominato dal caos, dalla paura e dal sangue.

Definire Brew in poche parole è particolarmente difficile: l'autore in questo romanzo ha dato sfogo ad una sfrenata fantasia  di genere ed al contempo è stato in grado di divertire il suo pubblico mettendolo davanti a scene sì terrificanti, ma talmente tanto folli da risultare quasi assurde e da far scatenare un moto di ilarità travolgente. Al di là di questo, però, sono fermamente convinta che il punto di forza di questo romanzo sia un altro importantissimo elemento che l'ha reso incredibilmente accattivante: l'adrenalina che Brill Braddock è in grado di trasmettere ai suoi lettori difficilmente si riscontra in altri romanzi, immedesimarsi nei personaggi, immaginarsi nei loro panni e provare le stesse identiche sensazioni di paura e terrore sarà immediato, il lettore stesso sarà parte della battaglia per salvare la propria pelle, lui stesso diverrà protagonista di una folle e stancante corsa contro il tempo.

Elemento innovativo, poi, riguarda i personaggi: in Brew, infatti, non troviamo un unico protagonista assoluto capace di mettere in ombra tutti gli altri, al contrario ci confronteremo con più personaggi, notevolmente diversi tra loro, che saranno in grado di darci una più completa visione del tutto, e solo in questo modo potremo renderci conto della vastità della distruzione in atto, scandagliando a fondo ogni luogo buio di College Heights saggiando sulla pelle le conseguenze di una nottata incredibilmente spaventosa. Ovviamente, però, ci sarà, tra tutti, un personaggio che spiccherà sugli altri, la mente dietro tutto questo: Herbert Weston è il brillante chimico che ha ideato la sostanza in grado di alterare tutte le percezioni, sostanzialmente la causa della ribellione in corso, la cui follia è sicuramente percepibile fin dal momento in cui viene introdotto al lettore. La paura che Herbert è capace di generare nel lettore dimostra la grande abilità di caratterizzazione che possiede l'autore, capacità che non viene meno nel presentare gli altri protagonisti: dimenticarseli sarà assolutamente impossibile.

Infine, un altro punto di forza di Brew sono le descrizioni particolarmente dettagliate che permetteranno al lettore, nolente o volente, di vivere più volte la storia di cui, però, sicuramente non vorrebbe esserne il protagonista. Nonostante io non sia particolarmente impressionabile, ammetto che qualche scena è riuscita a farmi provare un briciolo di paura ed in qualche caso sono stata tentata di saltare qualche riga: Bill Braddock non è un autore per i deboli di stomaco!

Lo stile risulta essere molto scorrevole e diretto, il linguaggio senza censure che l'autore ha utilizzato si armonizza perfettamente con l'atmosfera che lui stesso ha voluto creare e nonostante la volgarità lo si apprezza comunque, qualcosa di diverso avrebbe sicuramente snaturato un Horror coi fiocchi.

L'originalità di Bill Braddock, il suo estro e la sua fantasia hanno fatto di Brew un romanzo imperdibile. 




Non perdetevi questo fantastico BlogTour! Potete trovare la prima tappa sul blog Devilishly Stylish di Elisa e la seconda sul blog Il mondo di sopra a cura di Emanuela, mentre le successive le troverete, in ordine, su Everpop (Luigi), Wonderful Monster Book (Erika) e Romance & Fantasy for cosmopolitan girls (Veronica)!

Commenti

  1. Molto interessante questo libro, mi incuriosisce.

    RispondiElimina
  2. Personalmente solo la copertina sembra orribile O.O Ma essendo un genere Horror non poteva essere altrimenti.

    RispondiElimina
  3. Personalmente solo la copertina sembra orribile O.O Ma essendo un genere Horror non poteva essere altrimenti.

    RispondiElimina
  4. Ho letto diverse recensioni di questo libri e devo dire che mi ispira parecchio, pur non essendo il mio genere preferito :)

    RispondiElimina

Posta un commento