[BlogTour] La ragazza del treno (di Paula Hawkins) sul grande schermo: 5° Tappa - Due domande all'editor di Paula Hawkins


Ciao a tutti Lettori Meravigliosi e ben ritrovati! :)

Oggi è giornata di BlogTour, ma come si fa a resistere a queste piccole meraviglie?
Sicuramente tutti ricorderete il Thriller che l'anno scorso ha spopolato in tutte le librerie: La ragazza del treno, osannato come libro dell'estate nel suo genere, ha diviso molto i lettori, alcuni lo hanno ritenuto deludente mentre altro assolutamente incredibile. A dispetto di tutto questo, però, ne sono stati acquistati i diritti cinematografici e finalmente sta approdando sul grande schermo con un cast eccezionale :) Per l'occasione ci siamo calati dietro alle quinte ed insieme ad altri blogger vi abbiamo portato verso la sua scoperta ed oggi tocca a me!


Ho avuto l'occasione di porre due domande all'editor di Paula Hawkins, siete curiosi di conoscere le risposte? 

Domande & Risposte

1) D. Qual è stato il tuo primo pensiero dopo aver letto e lavorato su "La ragazza del treno"? 

R. Lavorare a La ragazza del treno è stata un’esperienza incredibilmente entusiasmante – in ogni momento, dal lavoro sul testo alla presentazione del libro ai librai, al lancio e alla promozione. Nei primi mesi dopo l’uscita in Inghilterra e Stati Uniti (qui è uscito sei mesi dopo), le notizie che ci arrivavano settimana dopo settimana erano sempre più straordinarie, e dunque, per me come credo per i colleghi del marketing, del commerciale e dell’ufficio stampa con cui abbiamo lavorato al lancio, direi che il pensiero dominante era uno solo: quello di avere tra le mani un libro fuori dal comune, destinato ad andare molto, molto lontano…

2) D. C'è un elemento in particolare che più hai apprezzato nel libro ed in Paula come scrittrice?

R. Tra le tante doti di Paula Hawkins come scrittrice, la più sorprendente, a mio parere, è quella di riuscire a trasformare in narrazione, in azione, ciò che c’è nella mente dei suoi personaggi. In altre parole, credo che la sua grande capacità sia quella di unire un’introspezione psicologica raffinatissima alla forza dello story telling puro. De La ragazza del treno si possono dire molte cose – la geniale idea di fondo di una ragazza che spia le vite degli altri dal finestrino di un treno; il ritmo forsennato della narrazione; la suspense che ti fa girare le pagine senza sosta; l’incastro perfetto di ogni pezzo della trama; – ma forse la cosa che mi ha più sorpreso è il modo sincero, crudele, privo di qualunque autoinganno, in cui Paula Hawkins riesce a raccontare quello che c’è nella testa, e nel cuore, delle donne.



Il calendario del BlogTour


Non dimenticate di andare a recuperare le Tappe che nei giorni scorsi i vari blog partecipanti hanno ospitato :) Il mondo del cinema e de La ragazza del treno è tutto da scoprire!

Commenti

  1. Bellissima questa tappa! Complimenti! Io sto leggendo il libro in lingua e, siccome.l'inglese non è il mio forte, rallenta di gran lunga la lettura, vocabolario e matite sono diventati i miei amici per la pelle, ma la storia è fantastica, se l avessi letto in italiano l'avrei terminato ancora prima di iniziarlo! :)

    RispondiElimina
  2. Non ho letto il libro, ma ho intenzione di prenderlo anche perché è molto acclamato. Ma il film lo guarderei molto volentieri

    RispondiElimina

Posta un commento