Recensione: Aki il Bakeneko #1 di Stefania Siano


Prezzo: € 8,84
Ebook: € 1,49
Pagine: 65 (ebook) - 84 (cartaceo)
Genere: Fantasy Orientale
Editore: Autopubblicato 
Data di pubblicazione: Gennaio 2017

Aki è un bakeneko, un demone-gatto e si nutre di esseri umani, assumendone le sembianze. Un giorno si ritrova nel corpo di un ragazzino di nome Hiroshi. Trascinato suo malgrado nel mondo degli umani, Aki incontra un'amica di Hiroshi, la dolce e testarda Yoko, e per la prima volta assapora il calore di una famiglia e il valore dell'amicizia. Ma quanto può durare? In una Tokyo misteriosa, popolata di creature fantastiche e antichi misteri, Aki il Bakeneko si ritroverà a combattere per salvare una leggendaria pergamena, l'unico oggetto che può condurlo alla verità sull’oscura scomparsa di suo padre.

Quello del Self Publishing è un mondo incredibilmente vasto e soprattutto particolarmente vario: storie di ogni tipo e di ogni genere possono essere trovate al suo interno e spesso perdersi tra i suoi innumerevoli titoli è quanto di più facile possa esistere, ma alcune di esse sono talmente tanto belle da saper risplendere di luce propria e da attirare immediatamente l'attenzione su di sé. Stefania Siano è una delle poche, pochissime, autrici in grado di dare ai suoi racconti proprio questa piccola ed importante qualità ed Aki il Bakeneko, il suo fantasy dal sapore orientale, non si sottrae certo a questa certezza, esattamente come tutte le altre sue opere.

Aki, il protagonista del racconto, è un Bakeneko, un demone dalle fattezze feline che si nutre di essere umani, riuscendo così ad assumerne le sembianze. Nonostante sia particolarmente contrario all'idea di mettersi nei panni di un umano e soprattutto di vivere effettivamente tra di essi, un giorno si ritrova, suo malgrado, a dover assumere le fattezze del piccolo Hiroshi, conscio del pericolo che ciò che comporta, ma completamente ignaro di tutto ciò che riuscirà a vivere e percepire sulla sua pelle. Come se non bastasse, però, un altro pericolo incombe minaccioso sull'intera razza umana e Aki è l'unico in grado di combatterlo, ma riuscirà davvero a portare a termine, da solo, questa impresa? Tra le vie di una Tokyo tanto affascinante quanto misteriosa si rincorrono le leggende più oscure e antiche e sarà compito di Aki il Bakeneko riportarle alla luce.

Condensate in poco più di 60 pagine, le doti narrative di Stefania Siano riescono a trovare anche in questo racconto un degno coronamento: dalla costruzione della storia al suo sviluppo, dalla sua originalità allo stile di scrittura, Aki il Bakeneko conferma nuovamente il grande talento di questa giovane autrice italiana, che, ancora una volta, è riuscita a sorprendermi in ogni piccolo dettaglio. Il racconto, infatti, oltre ad essere incredibilmente interessante ed abile a scavare nella mitologia e nelle leggende giapponesi, risulta essere costruito davvero benissimo ed ogni minimo particolare riesce a catturare l'attenzione del lettore che, preso da una morbosa curiosità, non potrà in alcun modo abbandonare la lettura, che fa della sua semplicità la sua forza. E' proprio grazie a questa caratteristica, poi, che tutti i valori di cui il racconto si fa messaggero rimangono impressi nella mente e nel cuore di chi li legge: la vicenda di Aki il Bakeneko non si limita a dare voce ad una leggenda dal gusto orientale, ma porta su di sé il peso di tematiche importanti, tra le quali spiccano, senza dubbio, l'Amicizia, la sua forza ed il suo essere un sentimento puro ed inattaccabile come solo quello che si instaura tra due bambini sa essere, e l'Amore, quello che solo una Famiglia è in grado di regalare, quello intenso e profondo che solo una madre ed un padre sanno di poter provare e quello riconoscente e rispettoso che solo un figlio sa di poter conservare in se stesso.

E se da una parte l'autrice riesce a portare il suo pubblico in un mondo nuovo e spesso sconosciuto ai più, dall'altra riesce a dare sfoggio di un uso della lingua davvero impressionante, dolce e sensibile quanto basta per poter cullare i suoi lettori e trasportarli, anima e corpo, all'interno della sua stessa creazione, facendo loro desiderare, ora più che mai, di esserne i protagonisti. Il volume, infine, è arricchito da alcune bellissime illustrazioni, che portano la firma di Paola Siano, che rendono alla perfezione l'idea che di Aki ci si deve fare, innescando così anche nel lettore quell'incantevole miccia che è l'immaginazione

E se un difetto proprio vogliamo trovarlo, Aki il Bakeneko finisce davvero troppo in fretta.


Commenti

  1. Grazie per la bellissima recensione *-* <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contenta che ti piaccia <3 io di Aki mi sono proprio innamorata!

      Elimina
  2. Ciao
    sono passata per fare gli auguri di Buona Pasqua.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Roby! Grazie mille da tutte noi e auguroni anche a te! :*

      Elimina

Posta un commento