lunedì 20 febbraio 2012

Recensione: Il Segreto del Libro Proibito di Karen Marie Moning


Prezzo: € 9,90
E-book: Non Disponibile
Pagine: 400
Editore: Leggereditore
Genere: Urban Fantasy - YA

MacKayla, da tutti chiamata Mac, è una giovane ragazza di provincia la cui vita scorre senza troppe emozioni... Purtroppo un giorno riceve una telefona che le comunica l'assassinio della sorella avvenuto a Dublino: Mac decide di partire per indagare sulla morte della sorella e ben presto scopre che vampiri, esseri fatati e oggetti mitologici sono più reali di quanto potesse immaginare! Inizia così la sua avventura con Gerico Barrons alla ricerca di un misterioso e potente libro...

Senza dubbio la trama de Il Segreto del Libro Proibito è originale: si parla ancora di esseri fantastici, ma questa volta protagonisti sono i personaggi della mitologia celtica.
La storia è raccontata in prima persona dalla protagonista: una sorta di diario delle memorie in cui Mac racconta gli inizi della sua nuova vita a Dublino e del suo incontro non solo con il misterioso Gerico Barrons, ma anche con esseri fatati a volte bellissimi altre volte mostruosi.
Molti i personaggi descritti nel libro: ogni personaggio incontrato dalla protagonista viene introdotto prima da un riassunto della sua vita ed è poi descritto minuziosamente sia per quanto riguarda l'aspetto fisico e ciò che indossa sia per il carattere e nel caso degli esseri fatati viene anche descritto il potere posseduto: nulla viene tralasciato nemmeno le cose piì insignificanti. L'autrice si è soffermata molto sui dettagli e ciò fa si che il lettore sia totalmente immerso nel racconto, quasi fosse un osservatore silenzioso accanto ai protagonisti: ci si sente partecipi e presenti, spesso si ha come la sensazione di poter allungare una mano e toccare il Grigio o Mallucè...
Le vite dei vari personaggi sono inoltre intrecciate tra loro: tutti infatti cercano lo stesso libro e si usano l'uno con l'altro per riuscire a metterci per primi le mani, ritrovandosi così inconsapevolmente e involontariamente a "collaborare". 
Gerico e Mac, i due protagonisti, risultano essere i due lati di una stessa medaglia: lui è un uomo tutto d'un pezzo, spesso arrogante, ma anche determinato e prende tutto con serietà; Mac invece è una ragazzina ventenne superficiale, che ha sempre pensato a se stessa e a volte troppo ingenua, ma è anche testarda e coraggiosa.
Non mancano nel racconto le spiegazioni relative agli esseri fatati e sono molti i riferimenti alla mitologia celtica, che viene presentata con minuzia in modo da aiutare al meglio chi legge a conoscerla e comprenderla.
Presenti anche molti colpi di scena, non mancano inoltre scene d'azione che mantengono alta l'attenzione di chi legge.
La scrittura è ironica, giovane e frizzante, lo stile usato rende scorrevole e veloce la lettura ed ho apprezzato la totale mancanza di momenti romantici o un'eventuale storia d'amore tra i due protagonisti. L'ambientazione scelta dalla Moning è senza dubbio azzeccatissima: molto gotica e misteriosa, una Dublino notturna e sconosciuta, che nasconde mille segreti e terribili verità. La trama è complessa e ben costruita, spesso son presenti svolte inquietanti che fanno aumentare la voglia di procedere nella lettura e danno la giusta scossa di adrenalina.
Il finale è aperto, essendo questo il primo di una saga composta da ben cinque volumi: per fortuna il secondo volume uscirà a giorni e sarà un piacere ritrovare Gerico e Mac.



valutazione 5

Nessun commento:

Posta un commento