sabato 24 settembre 2016

Anteprima: Il lupo in inverno di John Connolly

Ben trovati Lettori Meravigliosi! 
Continuiamo con qualche altra interessante segnalazione che agli amanti del Thriller sicuramente piacerà :)


Il lupo in inverno di John Connolly



Dal 22 settembre in ebook, €4.99 
Dal 29 settembre in libreria, €14.90

Dall’autore bestseller John Connolly, il nuovo volume di una serie che mescola magistralmente il thriller classico e il soprannaturale.

TRAMA
Al centro della città di Prosperous sorgono i resti di un’antica chiesa, traslata pietra dopo pietra dall’Inghilterra dai fondatori della comunità, secoli prima. Prosperous è sempre stata un’isola felice. I suoi abitanti sono ricchi, il futuro delle nuove generazioni assicurato. Non c’è posto per chi viene da fuori, non c’è possibilità di scalfire l’ordine costituito. La granitica normalità della cittadina del Maine viene però sconvolta dalla morte violenta di un senzatetto e dalla scomparsa della figlia. L’arrivo in città del detective Charlie Parker, chiamato a far luce sulla vicenda, rischia di diventare un evento ancor più sconvolgente della violenza stessa: i rigidi schemi che regolano la vita di una comunità così protettiva nei confronti dei propri segreti stanno per essere turbati, il che potrebbe rivelarsi ben più pericoloso del crimine che imperversa. C’è qualcuno pronto a tutto pur di scongiurare che Charlie Parker arrivi alla verità, qualcuno disposto persino a sacrificare la vita del detective, purché Prosperous rimanga quello che è sempre stata: la tomba di indicibili segreti.

Una storia profonda e immaginifica, un viaggio tra i recessi più oscuri della natura umana e i suoi risvolti sociali più degradati.

[BlogTour] Harry Potter e la maledizione dell'erede J.R. Rowling: Tappa #6 - Di nuovo a Howgarts


Buon sabato ColorLettori,

finalmente il gran giorno è arrivato e da oggi sarà possibile acquistare in tutte le librerie un nuovo emozionante libro della saga di Harry Potter!
Oggi si conclude anche il nostro viaggio attraverso il meraviglioso mondo di Harry Potter e devo dirvi che è stato davvero magico preparare questo BlogTour, seguirlo tappa per tappa e rivivere le emozioni di ogni libro!
Su Il colore dei libri oggi ospitiamo proprio l'ospite d'onore, il nuovo libro che ci riporterà a Howgarts e ci farà conoscere la nuova generazione di giovani maghi!


Prezzo: € 19,80
E-book: € 14,99
Pagine: 368
Editore: Salani
Data Pubblicazione: 24 Settembre

Trama


È sempre stato difficile essere Harry Potter e non è molto più facile ora che è un impiegato del Ministero della Magia oberato di lavoro, marito e padre di tre figli in età scolare. Mentre Harry Potter fa i conti con un passato che si rifiuta di rimanere tale, il secondogenito Albus deve lottare con il peso dell'eredità famigliare che non ha mai voluto. Il passato e il presente si fondono minacciosamente e padre e figlio apprendono una scomoda verità: talvolta l'oscurità proviene da luoghi inaspettati. 




Questo nuovo libro è nato come opera teatrale e infatti è un vero e proprio copione, che vi porterà di nuovo a Howgarts e vi farà conoscere i figli di Harry, Draco, Hermion e Ron!
La scelta degli attori per la trasposizione teatrale ha creato non pochi disordini tra i fan della serie, che non hanno accettato la decisione di utilizzare un'attrice di colore per interpretare Hermione, perchè oramai tutti (più o meno) si erano abituati a Emma Watson

Ve li ricordate? Noi li abbiamo lasciati così, fermi sul binario 9 3/4 a salutare i loro bimbi in viaggio verso Howgarts... c'erano proprio tutti là su quel binario e credo di non sbagliare dicendo che tutti ci siamo detti che sarebbe stato bello poter avere un seguito con la nuova generazione di maghetti!
Ebbene eccoci finalmente accontentati!!





Vi presento la famiglia Potter! Vi dico fin da ora che non ho alcuna intenzione di fare spoiler, vi presenterò solo i personaggi e gli attori che gli hanno dato un volto a teatro!
Il ragazzo tra Harry e Ginny è Albus Severus Potter, che è il loro secondo genito. Albus Severus ha iniziato la scuola di magia insieme a Rose Granger - Weasley e Scorpius Malfoy.
Al Potter è imbranato, un po' pasticcione e ahimè anche un po' antipatico, non ha un carattere facile e da la colpa di tutto al padre e cerca in tutti i modi di scorprire "scheletri" nell'armadio del padre! Lui scatenerà una serie di eventi che daranno vita alla storia del libro.

Mi piacciono molto gli attori scelti per la famiglia Potter, hanno un non so che di familiare!



Ed ecco a voi Malfoy e suo figlio Scorpius...
Scorpius a differenza del padre è una persona molto matura e molto simpatico, ha i suoi problemi dovuto al cognome che porta e a varie dicerie sulla famiglia Malfoy.
Scorpius e Albus si incontreranno sul treno e insieme vivranno un'avventura davvero incredibile, finendo anche per fare qualche danno...

Che dire la famiglia Malfoy mi piace moltissimo, lo sguardo di Draco mi mette un po' a disagio :p








Ed ecco a la famiglia Granger - Weasley che tanto a fatto parlare i fans della serie...

Rose è un po' altezzosa, ha ricevuto un certo tipo di educazione che la porta a snobbare alcuni compagni di scuola...

sarà ma anche questi attori secondo me sono perfetti per questi personaggi, Ron soprattutto ha proprio la faccia bonaria e simpatica :)








Come vi dicevo il libro altro non è che un copione teatrale diviso in due atti, quindi vi ritroverete a leggere le varie battute di ogni singolo personaggio.. Un po' come le opere di Shakespeare avete presente? Vi divertirete ad esser voi man mano i vari protagonisti, immaginandone le voci, le smorfie e i movimenti :)










Harry Potter cerca casa


Il blogtour si conclude con la possibilità per uno dei lettori di adottare una copia di Harry Potter e la maledizione dell'erede! Vi basta compilare il form in basso!



a Rafflecopter giveaway







Novità [Graphic Novel]: Il suono del mondo a memoria di Giacomo Bevilacqua

Buongiorno a tutti Lettori Meravigliosi e ben trovati!
Cominciamo questo sabato col presentarvi una novità a carattere fumettistico targata BAO Publishing che non appena potrò acquisterò sicuramente :) 


Il suono del mondo a memoria 
Giacomo Bevilacqua

L'autore romano Giacomo Bevilacqua, dopo anni di storie umoristiche e avventurose, ci regala un graphic novel intimo e intenso, il primo per BAO Publishing, ambientato in una New York della quale ci restituisce la luce e i colori in maniera magistrale.


"Una delle cose che più mi ha colpito di New York è stata la luce. Per la prima volta in vita mia, al mio ritorno, ho sentito il bisogno fisico di rappresentare, su foglio bianco, ciò che avevo visto e le emozioni che quella città mi aveva suscitato" - Giacomo Bevilacqua.

BAO Publishing è orgogliosa di annunciare l'uscita in libreria di Il suono del mondo a memoria, il nuovo graphic novel di Giacomo Bevilacqua, il primo per BAO Publishing.

Sam, il protagonista della storia, sta scrivendo un articolo. Una cosa complessa, che comporta che lui vada a vivere per due mesi a Manhattan e non parli assolutamente con nessuno. Ce la farà? In un certo senso sì, ma con le cose che Sam non ha previsto ci si potrebbe scrivere un libro. 

Giacomo Bevilacqua l'ha fatto, e l'ha disegnato, e poi l'ha colorato così magnificamente da restituire l'atmosfera di New York in modo magnifico e quasi commovente.


Il suono del mondo a memoria è disponibile in libreria dal 15 settembre 2016.

Queste le prime date di presentazione del graphic novel, con la presenza dell'autore: 

- giovedì 15 settembre, ore 18:00 a Roma presso La Feltrinelli di Via Appia Nuova 427 
- venerdì 16 settembre, ore 18:30 a Milano presso La Feltrinelli Duomo 
- martedì 20 settembre ore 18:00 a Napoli presso La Feltrinelli di Piazza di Martiri 23 
- mercoledì 21 settembre ore 18:00 a Bologna presso La Feltrinelli di Piazza Ravegnana 1 
- venerdì 14 ottobre ore 21:00 a Torino presso il Circolo dei lettori, Via Gianbattista Bogino 9

AUTORE
Giacomo Keison Bevilacqua (classe 1983) inizia la sua carriera di fumettista nel 2006 con la Casa editrice Editoriale Aurea su John Doe. Nel 2008 crea il suo personaggio di maggior successo, A Panda Piace (apandapiace.com) pubblicato in Italia, Francia e Belgio. Nella sua carriera ha scritto testi comici per teatro e televisione, disegnato una miniserie dei G.I. Joe per IDW Publishing, creato dieci cortometraggi animati di A Panda Piace trasmessi da La7, ha avuto una rubrica fissa su Wired, ha pubblicato tre libri di A Panda Piace e un fumetto horror, Homo Homini Lupus, per le Edizioni BD. Per cinque anni consecutivi ha pubblicato le vignette di Panda sul diario della Gazzenda, prima di passare sulla Smemoranda nel 2014. Nel 2012, per l’Editoriale Aurea, ha creato la miniserie da edicola Metamorphosis, trasformata poi in un Omnibus per librerie e fumetterie da Panini comics. Sempre per Panini Comics, ha all'attivo tre libri di A Panda Piace e la miniserie di otto numeri A Panda Piace l’avventura, trasformata di recente in un volume unico dal titolo Ansia la mia migliore amica. Collabora anche con Sergio Bonelli Editore, per cui è al lavoro sul personaggio di Dylan Dog e sta realizzando un numero speciale de “Le Storie” dal titolo Lavender e in uscita nel 2017. Il suono del mondo a memoria, edito da BAO Publishing è il suo primo graphic novel e segna il suo debutto ai colori.

venerdì 23 settembre 2016

Recensione [Anteprima]: Sei ore e ventitré minuti di Domitilla Shaula Di Pietro


Prezzo: € 14,90
Ebook: € 4,99
Pagine: 322
Genere: Romanzo, storia vera
Editore: TimeCrime (Fanucci)
Data di pubblicazione: 29 Settembre 2016

Settembre, è notte nella campagna toscana. Frida è irrequieta e ha voglia di camminare. Si sente sicura, conosce quei luoghi e non ha paura. Afferra uno scialle mentre il cellulare le sta squillando, non se ne accorge ed esce. Pochi passi, un rumore di foglie calpestate, e Frida viene afferrata da dietro, trascinata in un casolare, legata a un letto per sei ore e ventitré minuti. Se urla, l’ammazza, se non fa come dice lui, aumenta il dolore. L’unico modo per sopravvivere è isolare la mente e volare lontano dove non c’è traccia di tutto quel sangue... Cosa sarebbe successo se avesse risposto al telefono? Quale destino le avrebbe riservato il futuro? Avrebbe evitato l’orrore di quella notte che l’ha segnata per sempre? Un romanzo che racconta il dolore fisico e la profanazione mentale, la morte del cuore e la sua resurrezione, ipotizzando anche un’altra vita, fatta di sogni e problemi quotidiani; perché non sempre quello che sembra destinato a essere più rassicurante, è ciò che ci rende più forti e profondi. Perché bisogna avere il coraggio di denunciare, sempre.

Ci sono libri che hanno il potere di liberarci l'animo e altri che hanno il coraggio di denunciare ciò che altrimenti noi non saremmo capaci di esternare. Ce ne sono altri, poi, che hanno la grande capacità di fare entrambe le cose e sopperire ai nostri bisogni, di qualunque tipo essi siano, e Sei ore e ventitré minuti ne è l'esempio perfetto. Domitilla Shaula Di Pietro ha voluto fare della penna la sua arma, ha voluto dare voce ad un dolore che molto probabilmente non passerà mai, ha avuto il coraggio di denunciare un atto villano e brutale che di umano non ha nulla lanciando un messaggio a chi, come lei, ha dovuto portare per anni un fardello simile e a chi ancora oggi se ne ritrova succube e a chi ha smesso di vivere ha voluto trasmettere la sua voglia di amore, di vita e di libertà con un libro difficile, emozionante ed incredibilmente doloroso che dovrebbe cominciare a smuovere il cuore e le menti di chi qualcosa contro questa assurda violenza può davvero farla.

Frida dalla vita ha ottenuto tutto ciò che desiderava: ha un marito che si prende cura di lei, che le regala amore incondizionato e giornate luminose, due figli, Nicolò e Ginevra, che ama senza sosta, una famiglia alle spalle che non le ha fatto pesare l'assenza del padre e un'amica, Roberta, che sa sempre come e quando farla sorridere. E tutto sembra procedere alla perfezione, senza alcuna sbavatura. Arrivati nella casa di campagna che hanno affittato per le vacanze, però, qualcosa cambia irrimediabilmente: dopo aver fatto la conoscenza di un vicino burbero e poco affabile, una notte, quella maledetta notte tra l'11 ed il 12 Settembre, qualcosa o qualcuno decide che Frida non può essere felice e dalla mezzanotte fino alle 6:23 si ritrova a vivere un incubo che nessuna donna vorrebbe vedere tramutato in realtà. Sei ore e ventitré minuti, un lasso di tempo per molti insignificante che si ripete giorno dopo giorno, un lasso di tempo che per Frida segna la Fine. Segregata, legata, picchiata e stuprata da uomo che tale non si può definire. Se solo si fosse accorta del telefono che squillava, se solo non fosse uscita, quella notte, ad assaporare l'aria fresca ed il silenzio dei boschi.. Sarebbe stato tutto diverso? O il destino le avrebbe fatto trovare un altro ostacolo lungo la strada? Con grande intensità e padronanza di se stessa Domitilla Shaula Di Pietro rende una testimonianza dura, cruda e soprattutto vera di fronte alla quale non commuoversi è impossibile.

Approcciarsi a questo libro non sarà affatto semplice: la storia che l'autrice ha voluto narrare, gli eventi di cui ha deciso di rendere partecipe il suo pubblico ed il messaggio che ha voluto trasmetterci, misto al grande coraggio di mettersi a nudo, avranno un impatto per nulla indifferente sull'animo del lettore che si ritroverà inevitabilmente attratto da quelle pagine trasudanti dolore da una parte e speranza dall'altra, che si sentirà in balia di emozioni più forti di lui, emozioni che lo sommergeranno, che invaderanno ogni suo piccolo spazio fino a penetrargli sotto la pelle, fino a raggiungere il cuore e attirarlo in quel vortice che non gli lascerà via d'uscita. E fin dalle prime pagine tutto questo comincerà a farsi sentire con una forza incredibile: l'atmosfera quasi surreale, tesa e cupa che i primi capitoli riescono a regalare al lettore diviene fin da subito un chiaro segnale che quanto starà per sommergere lui e Frida, a cui si sentirà inevitabilmente ed in qualche modo legato, porterà con sé sofferenza e dolori atroci, e la sensazione che la vita della protagonista ben presto cambierà è la prima cosa che il lettore sente e percepisce sondando il terreno fragile attorno a sé. Con il proseguire della lettura, poi, il tutto si amplificherà, così come gli eventi proseguono anche l'esperienza del lettore seguirà di pari passo ed il suo animo finirà per divenire protagonista di una vicenda che lo annienterà, che gli stringerà il cuore fino a farlo esplodere e che gli provocherà emozioni intese da cui rifuggire, anche a libro terminato, sarà impossibile.

La particolarità del libro, poi, non si percepisce solo per il suo contenuto, l'originale tecnica narrativa con cui l'autrice espone gli eventi che ha vissuto sulla propria pelle, seppur a noi vengano forniti in maniera ovviamente romanzata, contribuisce a rendere il tutto più straziante ed intenso di quanto una normale narrazione avrebbe fatto: ai normali capitoli in cui assistiamo al tracollo di Frida, infatti, vengono alternati altri scenari che ci mostrano come sarebbe stata la vita della donna se fosse andata diversamente, se non avesse subito violenza, se non avesse più incontrato quel vicino tanto sgarbato ed inquietante che le ha irrimediabilmente cambiato l'esistenza, ed è così che la domanda più difficile a cui rispondere si formerà nella mente del lettore e lo spingerà a proseguire in quella lettura che gli sta straziando l'animo: sarebbe davvero cambiato qualcosa? La vita di Frida sarebbe davvero stata l'incoronazione della felicità e della spensieratezza o qualcos'altro le avrebbe messo i bastoni tra le ruote?

La tematica principe del libro è chiaramente la Violenza, una sua sfumatura brutale ed ingiustificata che ogni donna dovrebbe essere messa in condizione di denunciare e la riflessione che quanto successo a Frida nasce gradualmente nel lettore lo porterà a far crescere in lui una coscienza che forse, in un altro modo, non avrebbe ottenuto. Il messaggio di vita che Domitilla Shaula Di Pietro vuole trasmettere, però, crea un netto contrasto con tutto ciò e sarà il vero punto focale del romanzo, quello su cui ci si deve soffermare maggiormente: affrontare le proprie paure non è mai facile, l'istinto di sopravvivenza e quello che ci porta a non far nulla per proteggere chi amiamo non sarà facile da vincere e oltrepassare, ma la consapevolezza che un piccolo grande gesto come una denuncia possa mettere in moto qualcosa, possa far cambiare qualcosa deve prevalere su tutto. 

Lottiamo, per quello che siamo, per quello che rappresentiamo, per noi stesse, per le altre donne, per chiunque stia subendo violenza. Lottiamo per rendere il mondo un posto migliore, lottiamo affinché una ragazza possa uscire tranquillamente senza alcuna paura, lottiamo per la nostra vita, per la nostra libertà. Lottiamo perché siamo esseri umani.

Ad aiutarci ad affrontare tutto questo dolore, infine, non mancheranno personaggi forti e positivi che ci strapperanno, nonostante tutto, un sorriso, come Roberta e le sue battute affilate ed ironiche ed Orietta, la mitica nonna della protagonista che incarna un po' quell'affetto che tutti vorremmo ricevere. Insieme a questo, inoltre, faranno capolino anche piccoli scorci divertenti che, ad ogni modo, sapranno trasmettere un'intensità ed una profondità per nulla scontate. Il tutto viene raccontato con uno stile molto scorrevole, ma soprattutto sentito, parole fatte di emozioni vere e sentimenti traboccanti Amore, quello per la vita, per la rinascita, per la crescita e soprattutto per se stesse.

giovedì 22 settembre 2016

Recensione: Dimmi tre segreti di Julie Buxbaum


Prezzo: € 14,90
E-book: € 6,99
Pagine: 382
Editore: DeAgostini
Genere: Romance YA

Jessie ha 16 anni e negli ultimi due anni la sua vita è in continuo cambiamento ed ora si ritrova anche ad essere quella nuova in una scuola di piccoli snob figli di papà! Quando tutto sembra mettersi davvero male ecco che Jessie riceve una mail da un ragazzo della scuola che si firma Perfetto Sconosciuto e che inizia a darle consigli per sopravvivere e fare nuove amicizie! Dopo qualche dubbio iniziale Jessie decide di fidarsi di questo misterioso amico e giorno dopo giorno Perfetto Sconosciuto diventa il suo migliore amico, il suo confidente e Jessie vorrebbe incontrarlo... 


Devo ammettere che mi piacciono molto i libri in cui la storia comprende tante belle chiacchiere via chat, in cui i due protagonisti imparano a conoscersi piano piano e si riparano dietro uno schermo e di conseguenza quando ho iniziato questo libro dopo poche pagine ero già totalmente rapita dalla storia.
Per tutto il libro PS, ovvero Perfetto Sconosciuto, è una costante: lui è in ogni pagina, anche quando non si parla di lui la vostra mente ve lo ricorderà e ogni volta che comparirà uno dei vari protagonisti vi ritroverete a domandarvi se per caso non sia lui...
Ma andiamo per gradi... Dimmi tre segreti è sicuramente uno dei migliori YA che mi sia capitato di leggere: la Buxbaum ha creato una storia non solo bella, ma anche vera, reale e che riesce a catturare il lettore e a coinvolgerlo, ricordandogli la vita difficile di un adolescente e quanto può diventare ancor più difficile se si aggiunge il fatto di aver perso un genitore ed essere l'ultimo arrivato a scuola! Jessie ha solo 16 anni, ma ha dovuto affrontare la morta prematura della madre, l'ha guardata spegnersi piano piano ed ha assistito anche al declino del padre, che all'improvviso non sapeva più quale fosse il suo posto nel mondo. E quando le cose sembrano migliorare ecco che il padre si risposa e Jessie si ritrova a far parte di una nuova famiglia, in cui però non si sente a suo agio e fatica ad accettare questa novità.
Eppure nonostante il dolore per la morte della madre, la nuova famiglia, il dover lascoare i vecchi amici e il dover affrontare il bullismo di alcune compagne di scuola Jessie non si arrende mai, tira fuori le unghie e con forza si fa largo tra i nuovi compagni e riesce a farsi nuovi amici... Un personaggio bellissimo quello di Jessie, così terribilmente fragile e al contempo forte, determinato e in continua evoluzione. 
Intorno a lei ruotano vari personaggi, tutti più o meno con un loro ruolo, tutti ben caratterizzati e ben definiti e che riescono nel bene o nel male a trasmettere qualcosa al lettore: Ethan, l'ombroso e bellissimo ragazzo con cui Jessie si ritrova a studiare per un compito di letteratura, così difficile da comprendere, di poche parole eppure nonostante questo fa innamorare di se; Liam, il cantante della band della scuola; Scarlett, la migliore amica della vecchia scuola; Theo e Rachel, il fratellastro e la matrigna a cui piano piano Jessie si avvicinerà; Dri, la nuova amica,; PS, che riesce a sostenerla e ad aiutarla più di chiunque altro e infine le due biondine bullette della scuola... Tutti personaggi con una loro storia, con una personalità precisa, tutti tasselli di questo meraviglioso mosaico chiamato Dimmi tre segreti.
La storia è coinvolgente, non mancano battute sarcastiche, ironia e tutta una serie di scene che portano sia il lettore sia Jessie a credere di aver capito chi è PS, per poi rendersi conto di aver completamente sbagliato strada.
La Buxbaum non solo tratta argomenti molto particolari e forti come appunto il dolore per la perdita di un genitore, ma anche i cambiamenti a cui ci si deve abituare dopo un trasferimento in un'altra città, l'accettazione all'interno non solo di una nuova famiglia, ma anche di una nuova scuola in cui le amicizie son ben consolidate, il riuscire a mantenere un'amicizia a distanza ed infine l'amore, anche se in questo caso l'amore è sia la classica storia d'amore sia il sentimento che si prova verso la propria famiglia. Jessie e gli altri protagonisti sono veri, ci si rispecchia in ognuno di loro, tanto da vivere intensamente ogni istante vissuto da loro e il tutto è reso ancor più realistico dal fatto che all'interno della storia ritroviamo Facebook, le cha e altri riferimenti al mondo moderno tipico di questi anni: leggere Dimmi tre segreti è un po' come leggere il diario di un qualunque adolescente ed anche se chi legge adolescente non lo è più alla fine si sente vicino ai protagonisti.
Fino alla fine non scoprirete chi è PS, ma lo amerete più di tutti, vi farà sorridere, vi farà ridere, sognare e qualche volta anche arrabbiare, ma alla fine quando svelerà la sua identità vi sentirete appagati e farete un sospiro di sollievo.
Si ho amato Dimmi tre segreti, mi ha regalato una storia dolcissima, momenti a volte tristi e dolorosi, ma è riuscito a toccarmi nel profondo, facendomi sognare e sorridere.
Un libro scritto con semplicità, che si legge velocemente e che crea una forte dipendenza, al punto che vi ritroverete a fare le ore piccole pur di sapere cquale sarà la prossima mossa di PS... Sospirerete, vi arrabbierete e probabilmente vi commuoverete anche, ma alla fine vi assicuro che sorriderete felici!





Novità in uscita da Armenia e appuntamento al Lucca Comics & Games 2016

Steven Erikson
al Lucca Comics & Games 2016
due educational per incontrare i lettori

Steven Erikson sarà uno degli ospiti d'onore del Lucca Comics & Games 2016, in programma da venerdì 28 ottobre a martedì 1 novembre nel fantastico scenario offerto dalla città toscana in cui da anni si svolge la manifestazione.

Dopo il collegamento via Skype concesso durante la scorsa edizione della rassegna, quest'anno Erikson incontrerà personalmente i lettori, assicurando la sua presenza per l'intera durata del festival: cinque giorni per entrare direttamente in contatto con uno dei più apprezzati scrittori fantasy contemporanei. A riprova della grande considerazione conquistata dalle sue opere, la saga che lo ha reso celebre, Il Libro Malazan dei Caduti, è stato inserito dalla Fantasy Book Review al secondo posto – subito dopo Il Signore degli Anelli – nella classifica mondiale dei 100 romanzi fantasy più importanti della storia.

Oltre a garantire diverse sessioni di firmacopie - almeno una per ogni giornata della manifestazione - Erikson metterà a disposizione di fan e aspiranti narratori la propria esperienza di scrittore attraverso due educationaluno in inglese e uno in italiano. Gli incontri offriranno l'opportunità di discutere dei principali fattori che caratterizzano il mestiere di uno scrittore fantasy, tra cui la conoscenza degli elementi della struttura narrativa, la costruzione e la gestione dei Mondi Secondari, la comprensione dei cambiamenti in atto nella relazione tra autore e pubblico. Di seguito tutti i dettagli dei seminari con i link alle relative pagine sul sito ufficiale del Lucca Comics & Games:

SABATO 29 OTTOBRE - H. 11.00-13.00

LUNEDI' 31 OTTOBRE - H. 11.00-13-00
IL DIO STORPIO
La chiusura del
Libro Malazan dei Caduti

La partecipazione di Erikson al Lucca Comics & Games coinciderà con il lancio e la presentazione dell'ultimo capitolo de Il Libro Malazan dei Caduti. Il decimo volume, Il Dio Storpioin libreria dal 27 ottobre, chiuderà il percorso iniziato con I Giardini della Luna, offrendo l'attesissimo finale della saga.
Per fan e lettori affezionati il regalo più grande sarà quello di poterne conservare una copia autografata da Steven Erikson in persona.
 

Libri da mangiare [Novità] Di Olio in olio di Trenta Editore



Di Olio in Olio Tutte la varietà da usare in cucina

Titolo: Di Olio in Olio. Tutte le varietà da usare in cucina
Curatrice: Mariaelena Gorini
Anno di pubblicazione: settembre 2016
Pagine: 128
Prezzo di copertina: 19,00 euro
Lingua: italiano e inglese


Passare tempo in cucina a provare nuove ricette e abbinamenti alternativi è sempre divertente. Perché allora non partire proprio dall’olio? Buono e insostituibile l’olio d’oliva ma le varietà di oli di semi vegetali da usare in cucina sono tanti, alcuni dei quali poco conosciuti. Quale sapore potrà avere un’insalata condita con olio di canapa? Oppure le polpette preparate con olio di soia? E cosa dire dei dolci preparati con l’olio di noci e nocciole? Di olio in olio. Tutte le varietà da usare in cucina è il libro che potrà soddisfare molte delle vostre curiosità.
Un viaggio completo che parte dalla storia della pianta d’olivo per arrivare alla notadieta mediterranea. Si prosegue con una carrellata sugli oli vegetali, come quelli di vinaccioli, canapa e lino - giusto per fare qualche esempio - ricchi di buone proprietà nutrizionali e gli oli aromatizzati, prodotti sempre più richiesti per insaporire le pietanze. Un percorso interessante, corredato da spiegazioni e
chiarimenti sulla coltivazione e sulla lavorazione, che porta alla luce molte tipologie capaci di far scatenare la creatività culinaria di tutti, oltre a dare un tocco originale di gusto alle ricette più tradizionali.
Il libro è suddiviso in 2 macro capitoli: il primo, a sua volta, è ripartito tra olio di
oliva, oli di semi, oli aromatizzati con una sezione dedicata all’utilizzo dei diversi
oli a crudo o in cottura; il secondo capitolo, invece, è dedicato alle ricette,
raggruppate in base agli oli utilizzati, quali olio d’oliva, di lino, di zucca, di canapa, di sesamo, di girasole, di soia, di vinaccioli, di noci e nocciole, di avocado e di mais. In chiusura utili consigli per fare un’insuperabile frittura!
Il libro è disponibile anche in lingua inglese: From Olio to Oil. Cooking with
different varieties.

UNA RICETTA TRATTA DAL LIBRO




Crostata integrale con fichi e lamponi

Ingredienti per 4 persone
150 g di burro ammorbidito
230 g di farina di farro integrale
150 g di zucchero integrale
100 g di farina di nocciole arrostite
2 uova
spezie miste (vaniglia, scorza di limone, cannella, chiodi di garofano macinati)
10 g di lievito chimico
15 g di olio di nocciole
sale
150 g di confettura di albicocche
300 g di fichi freschi
30 g di lamponi

Mescolate il burro morbido, l’olio di nocciole e lo zucchero, fino a quando risulterà una crema montata; per questa operazione si possono usare le fruste piatte del frullino elettrico o la foglia dell’impastatrice.
Aggiungete i 2 tuorli continuando a montare il composto, di seguito aggiungete gli albumi e la farina di nocciole, amalgamate fino a ottenere una pasta morbida e omogenea. Unite anche la farina, precedentemente miscelata al lievito setacciato, e le spezie. Preriscaldate il forno a 165°.
Imburrate uno stampo per crostata di 22 cm di diametro e riempite un sac à poche con l’impasto appena ottenuto: iniziate a disegnare una spirale grossa 5 mm di diametro a partire dal centro fino a ricoprire tutta la superficie dello stampo.
Fate un giro sopra l’estremità del disco di pasta che avete appena disegnato per
formare i bordi. Spalmate la confettura di albicocche, tagliate i fichi freschi a metà e adagiateli sulla superficie aggiungete i lamponi, schiacciate leggermente i bordi di frolla e infornate per 40–45 minuti a circa 165°.

- mi ispira molto e appena recupero tutti gli ingredienti credo proprio che la proverò!- Eva


LA CURATRICE


Mariaelena Gorini originaria di Venezia, si occupa di food dal 2008. Inizia come
pasticcera e coltiva la sua passione fino a diventare docente di Istituto Alberghiero.
Attualmente vive e lavora a Torino dove organizza corsi di cucina per diffondere la cultura di un’alimentazione semplice, sana e naturale. È attiva nella rete grazie al suo blog “La cucina di G” e collabora con scuole e associazioni del territorio per fornire supporto e consulenza in materia di alimentazione. La sua vocazione esterofila, unita all’amore per l’Italia, la porta a concepire uno stile creativo che coniuga tradizioni e saperi diversi al fine di trovare nuovi punti in comune.