venerdì 2 marzo 2012

Recensione Anteprima: Temptation di Cassidy McCormack



Editore: Edizioni REI
Genere: Urban Fantasy


Di rientro da una festa Iris ha un incidente in cui inizialmente sembra rimasto coinvolto un ragazzo, di cui però Iris perde le tracce immediatamente nonostante le fosse sembrato stesse morendo. Qualche settimana dopo Iris reincontrerà il ragazzo dell'incidente e la sua vita cambierà radicalmente: scoprirà che sulla terra girano inosservati demoni, angeli e angeli ribelli...

Tornano gli angeli di Cassidy McCormack, ma questa volta protagonisti non sono gli Ancharos o angeli ribelli bensì i Sephiros, ovvero gli angeli rimasti fedeli a dio...
Inizialmente la storia può sembrare banale e di certo non mancano i cliché sulle figure angeliche, ma andando avanti con la lettura ci si scopre come intrappolati nel racconto, desiderosi di saperne di più e di capire cos'ha di così importante un'umana come Iris da far si che gli Angeli di dio la proteggano a costo della loro stessa vita.
La storia di Iris e Manuel viene raccontata in prima persona dalla stessa Iris, che descrive tutto ciò che la circonda, le emozioni che la travolgono, il potere angelico che percepisce e anche il dolore e il piacere che prova... Molte descrizioni sono così precise da poterle quasi "toccare" e questo fa si che il lettore si senta coinvolto per tutta la lettura.
Il racconto della storia di Iris si intreccia non solo con Manuel e gli altri angeli, ma ritroviamo anche Alessandro Renzi, il protagonista di Ti sento: son passati anni dagli avvenimenti raccontati nel primo libro della McCormack e ritroviamo un Alessandro diverso, vendicativo e logorato dall'odio.
Le varie storie di ogni singolo personaggio sono intrecciate tra di loro, come i disegni di un ricamo e nulla di tutto ciò che viene raccontato è lasciato al caso: tutti hanno un ruolo preciso nella storia.
Anche in questo libro non è l'amore il vero protagonista, qui vengono analizzate le debolezze non solo umane ma anche quelle angeliche, viene descritto un mondo divino diverso da quello a cui siamo abituati e si assiste ad un viaggio interiore dei protagonisti che spesso lottano contro la loro stessa natura.
Ogni personaggio è ben delineato e vengono risaltati soprattutto i "difetti" che portano il lettore ad amare e odiare sia Iris sia Manuel.
Lo stile usato in questo libro è semplice, lineare e scorrevole: non mancano scene d'azione e l'ansia e la rabbia che caratterizzano molte delle scene narrate avvolgono il lettore come una nebbia, mantenendo sempre alta l'attenzione e aumentando la voglia di scoprire i segreti di ogni personaggio.
Verso le ultime pagine il finale appare scontato al lettore, in realtà proprio alla fine si viene spiazzati e colpiti da una fine che lascia un leggero sapore di dolce amaro...



valutazione 5

2 commenti:

  1. Carino, ma dispersivo: è descritto bene, tuttavia cosa lega ogni singolo avvenimento??? Ci sono dei salti e non si riesce a stare dietro alla trama. Amo i personaggi, ah Alex è così enigmatico... il resto un po' scontato. Mi piace il libro, ma come il precedente poteva fare meglio l'dea è bella, ma resa male

    RispondiElimina