martedì 15 maggio 2012

Recensione: Illusions di Aprilynne Pike



Prezzo: € 17,90
E-book: € 9,99
Pagine: 352
Editore: Sperling&Kupfer
Genere: Fantasy

Nuovo anno di scuola per Laurel e molte sorprese l'attendono: il primo giorno arrivano nuovi studenti, tra questi anche Tamani, la fata sentinella incaricata di proteggerla e una misteriosa ragazza giapponese che Klea presenta a Laurel come una fata! I Troll sono sempre più presenti nella cittadina di Laurel, ma hanno imparato a difendersi dalla magia delle fate...

In questo libro assistiamo alla "lotta" tra David e Tamani per conquistare il cuore di Laurel, che non riesce a decidere chi ama dei due e con quale dei due desidera stare veramente. Nonostante l'arrivo di Yuki, una fata che arriva dal Giappone la storia è sempre incentrata su Laurel e i suoi problemi di cuore, sulla sua indecisione e sui suoi mille problemi... Tamani come sempre fornisce al lettore molte informazioni sulla storia del popolo fatato e in questo volume riesce anche ad accattivarsi la simpatia del lettore, che spesso lo preferisce al tropo impulsivo David.
Tutto si svolge come sempre tra bali scolatici, problemi di cuore e piani per sconfiggere i Troll, ma anche in questo libro non vi sono importanti scene d'azione, tutto scorre con semplicità e gli unici momenti d'azione non sono abbastanza risaltati da coinvolgere completamente il lettore, che si ritrova ancora una volta a leggere una bella storia d'amore con l'aggiunta di momenti carichi di gelosia e rivalità.
Mi sarebbe piaciuto che fosse approfondito di più il personaggio di Yuki, poiché a quanto pare ha un ruolo importante nella lotto contro i Troll, così come Klea che anche in questo libro resta una figura misteriosa, di cui si parla molto ma di cui alla fine non si dice nulla di interessante...
Rispetto ai primi due libri che avevano un inizio ed una fine, nonostante le mille domande che restavano ad affollare la mente del lettore, Illusions si conclude lasciando il lettore sospeso, confuso e incapace di capire cosa sia successo nelle ultime pagine e obbligandolo ad attendere l'uscita del quarto libro della saga.
Come nei due libri precedenti anche in questo gli unici veri momenti d'azione si svolgono solo verso la fine e sempre in maniera piatta, inconsistente e poco coinvolgente... 
Anche questa è una lettura leggera e veloce, che consiglio a chi ama distrarsi e soprattutto è affascinato dal mondo fantastico delle fate.. Una lettura da spiaggia, per nulla impegnativa e molto rilassante.



valutazione 5

6 commenti:

  1. non fa per me! complimenti per la recensione

    RispondiElimina
  2. un libro leggero che magari userò per farmi ombra sotto l'ombrellone insieme ai suoi fratelli precedenti

    RispondiElimina
  3. Ciao! Ti ho assegnato il Premio Adamas!
    http://locandalibri.blogspot.it/2012/05/meme-undicisolo-risposte.html

    RispondiElimina
  4. Bella recensioni, complimenti. Sul mio blog c'è un premio per te, quando vuoi passa a dare un'occhiata !
    Ciao
    http://booksofclaire.blogspot.it/2012/05/premio-i-love-your-blog.html

    RispondiElimina
  5. Sto leggendo Spells proprio in questi giorni, mentre Wings lo lessi appena uscito e lo amai da impazzire!

    Ho dei premi per te ^^ http://whisperlavocedeltempo.blogspot.it/2012/05/premi.html

    RispondiElimina