giovedì 22 ottobre 2015

Anteprima: Ragioni per continuare a vivere di Matt Haig

«La depressione è una caduta in un pozzo dove non ci sono parole.
Matt Haig le ha trovate, e le dice per ognuno di noi».
JOANNE HARRIS

Matt Haig, Ragioni per continuare a vivere
La storia vera della mia depressione e di come ne sono uscito

Ponte alle Grazie
256 pagine 14,90 euro

“E così viene fuori che non solo siamo fatti di universo, siamo «materia stellare», come diceva Carl Sagan, ma siamo anche vasti e complicati come l’universo. La psicologia evoluzionistica potrebbe avere ragione. Noi umani potremmo esserci evoluti troppo. Il prezzo da pagare per essere abbastanza intelligenti da diventare la prima specie con una piena consapevolezza del cosmo potrebbe essere la capacità di percepire tutta l’oscurità che l’universo contiene”



L’editore Luigi Spagnol l’ha scelto con grande convinzione e passione. Si tratta di una testimonianza acuta, profonda, eppure divertente e leggera, sul cosiddetto “male oscuro”, di uno scrittore inglese i cui romanzi sono stati pubblicati in Italia da Einaudi, e uno da Salani.
Si tratta di un libro sulla depressione che, attraverso l’onestà dell’esperienza vissuta sulla propria pelle (e anima), la forza contagiosa di chi ce l’ha fatta, lo stile spiritoso e commovente del narratore di rango, riesce a fare di un’esperienza singolare e dolorosa un piccolo manifesto per tutti (fatto di capitoletti folgoranti, toccanti, esilaranti che – senza tecnicismi –arrivano al cuore del problema e del lettore).
Non è difficile identificarsi, si apprendono molte cose, ma soprattutto si scopre che parlare, leggere e raccontare di questi problemi, attraverso la disarmante sincerità dello scrittore che si mette in gioco, è già un modo per sperare, sopportare e cominciare a guarire. Si tratta di un messaggio forte e positivo, raccontato con grazia e (auto)ironia.
Abbiamo la sorte (ironica ma non cercata) di avere Haig ospite in Italia il giorno dei Morti, a Milano lunedì 2 novembre, e poi a Roma mercoledì 3 e giovedì 4 novembre. Naturalmente con interprete.


IL LIBRO 
Cosa succede nella mente di una persona che, di colpo, precipita nel baratro della depressione? Quali cortocircuiti scattano a destabilizzarne l’esistenza? Solo coloro che hanno vissuto un’esperienza simile sono in grado di spiegarlo, e Matt Haig è tra questi. Ammalatosi all’età di ventiquattro anni, si è ritrovato ad affrontare giornate infinite, dominate dalla paralisi e da pensieri suicidi, che adesso, a distanza di quattordici anni, rievoca nelle pagine di questo libro. Le sue sono le parole lucide e serene di chi è passato attraverso una grande prova e ha saputo riemergerne, più forte e più attaccato alla vita. Ben oltre il memoir e la cronaca di un viaggio di andata e ritorno nell’abisso, Ragioni per continuare a vivere è una testimonianza vibrante di emozione e di ironia, un aiuto per chi è stato colpito dalla malattia, una possibilità di capire per chi vive accanto a una persona depressa. Per tutti, l’invito a una maggiore consapevolezza del nostro tempo su questa Terra e a un ascolto più attento di quello che ci accade, per cogliere ogni giorno in chi amiamo, in ciò che realmente siamo, le ragioni per vivere.

«Matt Haig è uno scrittore di grande talento».
New York Times

«Anche se non avete sofferto di depressione, questa è una lettura indispensabile».
Booktrust

«Haig usa le parole come un apriscatole. E la scatola siamo noi».
Jeanette Winterson

«Meraviglioso… un libro saggio, divertente, concreto e salvifico».
Joanne Harris


L’AUTORE 
Matt Haig è l’autore di cinque romanzi, tra cui Gli umaniIl club dei padri estinti Il patto dei Labrador, pubblicati da Einaudi, e di libri per bambini, tra cui Essere un gatto (Salani, 2015). Le sue opere sono state tradotte in 30 lingue. Haig è cresciuto nel Nottinghamshire e vive a Brighton.
Sito web: www.matthaig.com

3 commenti: