venerdì 25 marzo 2016

Novità da Orecchio Acerbo : Frantz e il Golem di Irène Cohen-Janca e Maurizio A. C. Quarello



IN LIBRERIA DAL 24 MARZO
Frantz e il Golem
di Irène Cohen-Janca e Maurizio A. C. Quarello

48 pagine a colori, 16,50 euro
Anni 8+

La suggestiva potenza del mito ebraico
È notte, e Frantz, un ragazzino di Praga, si muove furtivamente nel buio. La sua è una meta proibita, la soffitta della vecchia sinagoga. Lì si conserva ciò che resta del Golem, l’invincibile gigante
di argilla protettore degli ebrei nel Medioevo. A tutti è vietato l’accesso, pena la follia o la morte, ma Frantz non resiste, ed entra. Tutto gli turbina intorno e si ritrova immerso nel passato a rivivere la storia del Golem. È stato il Maharal di Praga, il grande rabbino, a dargli la vita nel Medioevo per difendere gli ebrei da soprusi e stragi. Muto, ma enorme e possente, li protegge per anni. Poi impazzisce, e comincia a distruggere ogni cosa. È una bambina del tempo, Myriam, a fermarlo, cancellando dalla parola ebraica che il Golem ha incisa in fronte la prima lettera, trasformandola così da Verità in Morte. Frantz, tornato in sé, fugge terrorizzato dalla soffitta,e corre dalla sua di Myriam. Anche lei è scossa, e gli racconta uno strano sogno. Proprio quello che Frantz ha appena vissuto nel suo viaggio nel tempo.

Due colossi dell’albo illustrato

Irène Cohen-Janca è nata nel 1954 dall’altra parte del Mediterraneo, a Tunisi, dove ha trascorso la sua infanzia fino alla partenza per la Francia, nel bel mezzo di un’estate. Ha vissuto a Parigi dove, dopo essersi laureata in Lettere Moderne, è diventata bibliotecaria. Da qualche anno si è trasferita nella regione di Essonne, dove prosegue il suo lavoro in biblioteca. Nel 2000 comincia la sua collaborazione con Editions du Rouergue, con cui ha pubblicato moltissimi racconti e romanzi per ragazzi. Nelle sue opere affronta argomenti che non è mai facile presentare ai bambini, convinta che per riuscire a contrastare l’intolleranza è meglio cominciare fin dalle prime letture.
Dalla collaborazione con Maurizio Quarello sono nati anche “L’albero di Anne” (2011) e “Il grande cavallo blu” (2012) entrambi vincitori del premio Legambiente ed entrambi secondi classificati al premio Cento; “L’ultimo viaggio. Il dottor Korczak e i suoi bambini” (2015).

Maurizio Quarello, nato nel 1974 a Torino, ha studiato grafica, architettura e illustrazione. Dal 2004, si è dedicato all’illustrazione per l’infanzia e nel 2005 ha pubblicato il suo primo libro con orecchio acerbo editore. Ad oggi ha al suo attivo oltre trenta titoli, pubblicati dalle più interessanti case editrici europee, e hanno ricevuto così tanti premi che è difficile elencarli tutti. I suoi originali sono esposti nelle gallerie di tutto il mondo. Tiene master, corsi e laboratori dedicati ad adulti e bambini.
Nel catalogo di orecchio acerbo “L’ultimo viaggio” (2015), “Il grande cavallo blu” (2012) e “L’albero di Anne” con Irène Cohen-Janca; “Fuorigioco” (2014) e “L’autobus di Rosa” (2011) con Fabrizio Silei; “Mio padre, il grande pirata” di Davide Calì (2013); “Janet la storta” di R. L. Stevenson (2012), “Effetti collaterali” (2011), “Toni Mannaro” di Manuela Salvi (2006) e “Babau cerca casa” (2005), suo libro di esordio nel mondo della letteratura per l’infanzia.

1 commento:

  1. Una trama veramente suggestiva, ma avrei scelto qualcosa di diverso per la coperina che personalmente non mi attira molto.

    RispondiElimina