giovedì 28 aprile 2016

Recensione + Giveaway: Stone Rider di David Hofmeyr


Prezzo: € 14,90
Ebook: € 4,99
Pagine: 280
Genere: Distopico/Fantascienza
Editore: Fanucci Editore
Data di pubblicazione: 28 Aprile 2016 (cartaceo) 

Adam Stone è cresciuto nella polverosa e arida città di Blackwater, circondata dal deserto, un luogo fuori dal mondo dove nessuno può dirsi veramente libero. Non desidera altro che fuggire da quella prigione e trovare un’esistenza di libertà e di pace. Ma c’è qualcosa che Adam rincorre ancor più della libertà: l’amore dell’affascinante Sadie Blood. In un mondo così spietato, che non concede ancore di salvezza, l’unico modo per iniziare una nuova vita è gareggiare nella Blackwater Trail, una corsa mortale e senza regole alla quale solo i più forti possono sopravvivere. Adam, eccellente pilota, decide di competere insieme a Sadie e all’ambiguo e indecifrabile Kane per assicurarsi l’ambito premio: un biglietto di sola andata per la rigogliosa Sky-Base, un luogo in cui regna la pace, pervaso da un lusso inimmaginabile per chi proviene da Blackwater. Per l’amore di Sadie e per i suoi sogni, Adam sarà disposto a rischiare ogni cosa, compresa la sua stessa vita...

Ci sono libri da cui ci aspettiamo tanto e dai quali rimaniamo delusi, altri che nonostante sappiano regalarci una bella storia non sono in grado di emozionarci davvero, ma ce ne sono altri ancora, pochi in realtà, nei quali riponiamo mille speranze e che hanno la grande capacità di sorprenderci, di regalarci emozioni uniche, di farci ritrovare in loro un amico che mai vorremmo lasciare andare, e Stone Rider per me è stato esattamente questo, un libro formidabile, un'opera eccelsa di un autore, David Hofmeyr, che farà sicuramente parlare di sé.
Nonostante la giovane età, Adam Stone ha già dovuto affrontare le paure più grandi nella vita di un uomo: la morte della madre prima e del padre dopo hanno contribuito a renderlo il ragazzino schivo che dimostra di essere, e quando anche l'omicidio del fratello, l'unico familiare rimasto, a cui purtroppo ha dovuto assistere, lo consacrerà definitivamente  solo. Ben presto Adam si renderà conto che l'unica via di salvezza è la Blackwater Trial, la corsa mortale che potrebbe renderlo libero davvero, che potrebbe fargli abbandonare una volta per tutte l'opprimente cittadina di Blackwater, dove l'unico vero amico è costituito dal deserto che la circonda. Le abilità di Centauro di Adam sono innegabili, il suo legame con la sua moto è indissolubile, ma sarà disposto a rischiare la vita? Fino a che punto sarà disposto ad arrivare? Adam dovrà crescere, dovrà affrontare un percorso interiore tanto pericoloso quanto intenso, ma a che prezzo tutto questo?

La grande potenzialità della storia narrata è chiara fin dalla prima scena descritta dove dinamicità, paura ed angoscia diverranno subito parte del lettore inducendolo inesorabilmente ad immergersi completamente nelle pagine successive, pronto a divenire parte di una vicenda che gli scalderà e ruberà il cuore insieme all'anima.
Sicuramente la prima cosa che salta all'occhio del lettore e che viene messa in mostra dall'autore è l'Originalità della storia stessa: al di là del mondo distopico che Hofmeyr ha voluto creare, di cui parleremo dopo, viene messo subito in luce che il vero protagonista della vicenda sarà si Adam, ma nel suo essere un Centauro, l'importanza e la necessità della sua moto sono caratteristiche che appaiono fin da subito essenziali, il legame che si instaura tra i due diviene immediatamente elemento principe di tutto il romanzo e sarà proprio questo che lo renderà memorabile.
Accanto a questa, poi, ritroviamo quell'elemento distopico mescolato a quello fantascientifico che contribuiscono a rendere il tutto ancora più interessante e travolgente: il mondo in cui Adam si ritrova a crescere è fortemente soggiogato al cento di potere che è Sky-Base, il vero e proprio sogno di pace e libertà. L'unico modo per raggiungerla, però, e abbandonare definitivamente Blackwater, è arrivare vittoriosi al traguardo della Blackwater Trial, l'arena potenzialmente mortale che non ha assolutamente nulla da invidiare a quella creata da Suzanne Collins in Hunger Games. Le descrizioni che ne vengono fatte, sia dal punto di vista fisico sia dal punto di vista emotivo, sono assolutamente eccezionali e rendono perfettamente ed in modo impeccabile le emozioni e le sensazioni che solo un luogo simile può regalare. Tutti gli elementi fantascientifici, invece, riescono a rendere Stone Rider un libro unico ed incredibilmente intrigante e, credetemi, qui l'autore sarà perfettamente in grado di catturare, o meglio, ipnotizzare realmente anche chi dalla fantascienza è sempre fuggito.

Non bisogna poi dimenticarsi, oltre quanto detto sopra, dei personaggi, adolescenti sì, ma con un potenziale immenso che, in parte, viene giù sottolineato in questo primo libro: prima di tutti deve essere preso in considerazione Adam, il protagonista, un ragazzo che ha dovuto fin dalla giovane età imparare a cavarsela da solo e a proteggersi da chi, in quella cittadina, ha sempre avuto il controllo ed il potere. Ben presto, poi, si ritroverà a dover fare i conti con emozioni e sentimenti particolarmente profondi che lo catapulteranno nel mondo adulto in un tempo fin troppo breve. La crescita di Adam sarà assolutamente strabiliante e sarà in grado di conquistarvi in una maniera unica, come solo pochi altri personaggi saranno in grado di fare. Incontreremo poi anche un Kane, anch'egli adolescente seppur leggermente più grande di Adam, notevolmente indurito da quanto ha dovuto affrontare in passato, un ragazzo che fin da subito riconoscerete grazie al suo non provare paura per ogni situazione, il suo essere sempre pronto all'azione e soprattutto al suo coraggio, grazie al quale quella sorta di leggenda si è andata formando con il tempo alle sue spalle. Accanto ai due ragazzi, troviamo anche una presenza femminile, una ragazza, una vera eroina, Sadie, con una conoscenza impeccabile sulle moto, circa le loro componenti, le loro anime e soprattutto circa il loro vero essere. Ho apprezzato particolarmente il personaggio di Sadie, il suo ardore, il suo acume ed il suo coraggio, il suo non rappresentare assolutamente la classica ragazza in pericolo che deve essere salvata, anzi, in più di una situazione sarà Sadie stessa a trovarsi dalla parte del salvatore, sarà lei a scongiurare situazioni di pericolo imminenti, e spero che i volumi successivi possano renderle più onore, approfondirne maggiormente il personaggio che, sono certa, avrà ancora molto da dire e da regalarci. Infine, non possono non essere menzionati gli altri personaggi, i cosiddetti personaggi secondari che, però, questa volta di secondario non hanno nulla, prima fra tutti Levi, il fratello di Sadie, un ragazzo che non può certo vantare un animo nobile, ma che sicuramente ha il merito, o grande parte di esso, della crescita di Adam. Ognuno di essi racconterà la propria storia grazie alla penna di Hofmeyr e per ognuno di essi il vostro cuore non potrà non avere un fremito, un battito in più, un senso di angoscia o di amore.

Le tematiche trattate sono molteplici e tra queste spiccano sicuramente i Legami Familiari sia per quello che riguarderà Adam sia per quello che riguarderà, invece, Sadie con una profonda differenza: se nel primo caso gli elementi principi saranno la malinconia, il senso di perdita, di solitudine ed in un qualche modo di tristezza, nel secondo caso saranno protagonisti la rabbia, il rancore e la paura, due accezioni diverse di un medesimo argomento profondamente importante la cui necessità verrà più volte sottolineata dall'autore. Ancora, verranno trattati i grandi sentimenti, quali l'Amore e l'Amicizia e ne verrà evidenziata, anche qui, l'importanza e soprattutto ne vedremo l'impatto con l'adolescenza, età in cui le emozioni giocano un ruolo fondamentale e dalle quali prescindere non è assolutamente possibile. Facendo capo invece al mondo distopico, viene preso in considerazione il potere, quella brama indissolubile in grado di rendere cieco un uomo, un padre, un amante ed un marito, un semplice essere umano. Tutto questo si armonizza perfettamente in un romanzo in cui staccarsi dalle pagine, estraniarsi dalla storia è assolutamente impossibile.

Il finale lascia presupporre un seguito al cardiopalma in cui molto altro verrà svelato e dove i personaggi ritorneranno ancora una volta a lambire il vostro cuore ed io, credetemi, non vedo l'ora di sfogliare o semplicemente tenere tra le mani il secondo volume!

Stone Rider è stato definito come il libro rivelazione del 2016, ma posso assicurarvi che questa definizione non gli rende realmente merito: David Hofmeyr ha creato una storia eccezionale, sorprendente ed assolutamente irresistibile che non potrà non conquistarvi, l'Arena diventerà parte di voi, Sky-Base sarà il vostro obiettivo, la ricerca di voi stessi il viaggio che vi porterà in un mondo intenso e profondo come pochi altri.




GIVEAWAY



Veniamo ora alla succulenta sorpresa che in collaborazione con la Casa Editrice Fanucci abbiamo deciso di riservarvi! Poiché teniamo tantissimo a questo libro ed io sono certa che molti di voi sapranno apprezzarlo in pieno, abbiamo deciso di darvi l'opportunità di portarvi a casa il Libro: le copie a disposizione saranno ben 3 e altrettanti saranno i vincitori e saranno questi ultimi a decidere il formato, se eBook o cartaceo! 

Le regole da seguire sono pochissime e semplicissime e le trovate tutte nel form che dovrete compilare qua sotto. Il Giveaway comincia oggi, 28 Aprile, in occasione dell'uscita del libro, e terminerà domenica 15 Maggio. Pronti?


Buona fortuna, 
e possiate vivere abbastanza a lungo da vedere il cielo.

21 commenti:

  1. Ne hai parlato in maniera così entusiasta che non ho potuto fare a meno di leggere ogni parola con avidità!
    E dopo "Wolf" - che spero di avere presto tra le mie mani - ultimamente mi piacciono i protagonisti che viaggiano in moto.
    Da questa tua recensione si preannucia davvero una storia da fiato sospeso.

    RispondiElimina
  2. Molto interessante questo romanzo!
    Credo proprio che finirà nella mia WishList ♡
    Partecipo al Giveaway ;-)
    Lettori fissi: Rosy Palazzo
    email: rosy.palazzo1612@gmail.com
    Instagram: @ross_3193
    Facebook e Google+: Rosy Palazzo
    Non ho Twitter! 
    Grazie mille per l'opportunità! 

    RispondiElimina
  3. Ciao,partecipo con piacere. Ho seguito tutti i passaggi e compilato il form
    Lettore fisso Michela Martorelli
    Pinterest Michela Martorelli
    Twitter @MichelaFiorelli (nel form ho lasciato il nome sbagliato)
    Instagram @mila.mali
    Mail mila.mali@hotmail.it
    Grazie mille

    RispondiElimina
  4. Wow una recensione da togliere il fiato, sembra molto simile ad Hunger Games,che amo, ma sono altrettanto sicuro che sara emozionante e travolgente allo stesso modo. Partecipo al Giveaway che vi ringrazio di aver organizzato. come sempre vi seguo solo su Fb perché altri social non li ho. Grazie di mille

    RispondiElimina
    Risposte
    1. P.s La frase "possiate vivere abbastanza a lungo da vedere il cielo" inquieta molto. ma già la userò insieme a " Possa la fortuna essere sempre a tuo favore"

      Elimina
  5. Ciao, dalla recensione sembra davvero interessante, partecipo e spero di aver fortuna :)

    RispondiElimina
  6. Bellissima recensione!! Non conoscevo questo libro, grazie mille per aver condiviso questo bellissimo post con noi lettrici e lettori! Ovviamente aggiungo subito il libro alla mia wish list, che sta crescendo sempre di più ultimamente con tutte queste uscite! Partecipo con grande piacere a questo splendido giveaway!! Ho compilato il form! Incrocio le dita e vi mando un forte abbraccio! Grazie mille!

    RispondiElimina
  7. il tuo entusiasmo me lo ha fatto amare! spero di essere così fortunato da vincerlo!
    Luigi Dinardo
    luigi8421@yahoo.it

    RispondiElimina
  8. Già alla parola distopico non capisco più nulla, anzi!!! E' praticamente il mio genere preferito e riferito a questo libro sta dando lustro al mondo delle corse che raramente mi prende. Cioè, se il tema è la corsa punto, ma privo di contestualizzazione, non lo leggo. Se intravedo altro allora è un altro paio di maniche. E questo libro ha grande potenziale!!!

    RispondiElimina
  9. Adoro i distopici e la tua bellissima recensione non fa che accrescere la mia voglia di leggere questo libro. Tento la fortuna.
    Seguo come Miriam
    su FB come Miriam Mastrovito
    su Twitter come @miriamams
    email: miriammas@alice.it
    Grazie per l'opportunità.

    RispondiElimina
  10. Ho fatto tutto, ma non sono su Instagram, spero non sia un problema.

    RispondiElimina
  11. Partecipo molto volentieri, soprattutto perchè la tua recensione mi ha molto incuriosita sul libro =)

    RispondiElimina
  12. Partecipo con piacere, trama molto interessante e anche la tua recensione mi è piaciuta molto.Curiosa di leggere questo libro:)

    RispondiElimina
  13. Partecipo volentieri. La trama è interessante e la recensione è davvero bella.

    RispondiElimina
  14. Partecipo e condivido e trovo la recensione molto bella

    RispondiElimina
  15. Ti seguo come Maria Calafiore, wow bellissima recensione hai tirato fuori tutto ciò che ti a dato il libro, mi hai incuriosito molto, devo dire che non conoscevo questo libro prima della tua recensione

    Email.stelline9495@hotmail.it

    RispondiElimina
  16. Molto interessante e complimenti per la recensione
    Partecipo volentieri

    RispondiElimina
  17. Partecipo volentieri perchè dalla trama sembra gia' mi piace

    RispondiElimina
  18. Partecipo volentieri perchè dalla trama sembra gia' mi piace

    RispondiElimina
  19. Questa è una delle poche volte che mi sono lasciata completamente coinvolgere dalla recensione. Di solito se non scatta la scintilla con la trama è difficile che legga il libro, anche se ne parlano tutti benissimo...questa volta è stato diverso. La trama non mi ha colpito particolarmente ma la tua recensione sì, è impossibile non lasciarsi coinvolgere. Lo aggiungo alla WL e partecipo!

    RispondiElimina
  20. Il romanzo mi intriga moltissimo *_*

    RispondiElimina