martedì 5 luglio 2016

Libri in viaggio [Recensione]: Vietnam suggestioni d'Oriente di Silvia Romio


Prezzo: € 19,87
E-book: € 4,99
Pagine: 224
Editore: goWare
Genere: Diario di viaggio


Il Vietnam è tornato di moda. Questa volta per la sua straordinaria bellezza e per i progressi fatti negli ultimi decenni da questo torturato paese. Con un’economia in forte crescita e la recente apertura al turismo, il Vietnam si è buttato alle spalle le ferite e i ricordi della guerra durata quindici anni. Oggi i vietnamiti guardano con curiosità e interesse al mondo occidentale, di cui assorbono i modelli e gli stili di vita senza però smarrire il legame con la cultura e le tradizioni locali.
L’autrice ci porta in un appassionante viaggio dal nord al sud del Vietnam, dalle caotiche e multietniche metropoli dove sfrecciano milioni di motorini, alle sonnolente campagne dove la vita è ancora scandita da ritmi e gesti lenti, fino alle città antiche custodi di architetture che testimoniano la grandezza dell’epoca imperiale e il fascino unico dell’antica Indocina. Un racconto pieno di colori, volti e paesaggi che svela le bellezze senza tempo ma anche le contraddizioni di un mondo sospeso tra Oriente e Occidente.
Oltre 50 foto completano il racconto.


L'autrice ci racconta la sua esperienza del viaggio effettuato in Vietnam. Non è una guida turistica classica ma un racconto con momenti di ilarità di cosa ha visto e visitato Silvia e consorte. Si è letteralmente immersa nelle strade di Ho Chin Minh dove è impossibile stabilire il senso di marcia, chi ha la precedenza e soprattutto la durata del percorso. Il traffico è congestionato, milioni di motorini sfrecciano ovunque e la cosa più impressionante è che nessuno si arrabbia o si innervosisce, non ci sono incidenti in ogni angolo e tutti convivono pacificamente ore e ore in colonna.
La visita al museo della guerra è un'esperienza sconvolgente.
Lì si ha la prospettiva della guerra da parte dei vietnamiti ma la cosa più importante è la massiccia presenza di foto e testimonianza di soldati americani a dimostrazione che la guerra sia costata troppo ed inutilmente ad entrambi i popoli.
Per poter visitare i tunnel sotterranei di Chu Ci ,ad appena 40 km dalla città, il viaggio durerà circa 3 ore. La visita è un'esperienza fortissima ed il trovarsi in questi cunicoli bassi e stretti scavati nella terra in molti turisti scatena una sensazione di claustrofobia e panico.
Il Vietnam sorprende per l'enorme ripresa e per la voglia di affascinare i turisti con le sue bellezze naturali.
La tappa successiva è Hanoi.
Silvia studia minuziosamente il percorso nei meandri del quartiere vecchio per poter vedere più cose possibili ma : si arrende !
"..mi decido a chiudere la guida e arrendermi all’ unico approccio possibile: lasciare che sia la strada a guidarci.Iniziamo così a girovagare senza meta seguendo il flusso di e gente e
merci. La decisione si rivela subito vincente e come d’incanto, libera dall’ assillo di orientarmi, si spalanca davanti a me il colorato mondo di Hanoi. La scena è surreale, un mondo in bilico tra un lontano passato e il XXI secolo mi scorre davanti agli occhi."
Qui scopre botteghe artigianali, venditori ambulanti che cucinano direttamente in strada ed un bar insolito ma con vista mozzafiato dove finalmente può gustare il famoso caffè vietnamita. 
Una visita al Lago Hoan Kiem rivela il cuore del commercio di frutta e verdura ed altri generi alimentari.
Una tappa obbligatoria è la bellissima baia di
 Ha Long per una mini crociera su una giunca ( tipica imbarcazione di legno vietnamita) e godersi un tramonto magnifico.
Un'escursione a
Tam Coc per le sue grotte  scavate nelle rocce dall’ acqua del fiume, che si attraversano in barca durante la visita del sito naturalistico.
Un tuffo nel passato nel Vietnam imperiale grazie a Huè dove si possono ammirare i resti delle tombe imperiali ed un viaggio verso Hoi An al limite della sopportazione ricompensato da una cittadina splendida e con un'atmosfera antica .
Apprezzabile anche la parte sulla cucina e la differenza tra sud,centro e nord e le varie contaminazioni dei paesi vicini, il buonissimo caffè - il Vietnam è il secondo coltivatore di caffè al mondo - e la varietà di frutta impressionante.
Una cosa che colpisce molto e che l'autrice ribadisce spesso è che ai vietnamiti non mancano ne la gentilezza e nemmeno i sorrisi!
Un diario a tratti spassoso e molto utile a chi vuole visitare un luogo lontano, ci sono preziose nozioni sui trasporti, gli itinerari, la valuta, il periodo giusto per andare e molto altro.
Le bellissime foto alla fine regalano spessore e sembra di viaggiare veramente e molto belli anche i filmati.
Se avete voglia di un viaggi in una metà ancora poco diffusa o semplicemente siete curiosi leggetelo ne vale la pena.













4 commenti:

  1. Ah, che bello viaggiare.. Con questa recensione mi avete fatto venire voglia!! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Viaggiare è meraviglioso e riempe gli occhi e il cuore di stupore. Spero che vorrai partire con me virtualmente per questo viaggio in un paese lontano e suggestivo

      Elimina
  2. Grazie di cuore Eva per questa bellissima recensione! Sono felice di averti portata virtualmente con me in Vietnam!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' stato un piacere. Questi diario di viaggio è un racconto/guida preziosissimo in quanto hai indicato cosa funziona e come funziona. Spero tu ne faccia altre e sarà un piacere leggerle! ^^ Eva

      Elimina