lunedì 12 dicembre 2016

Recensione: La parte posteriore del cammello The Camel's Back di Francis Scott Fitzgerald


COLLANA: Gemme
TIPO PUBBLICAZIONE: I Leoncini
DIMENSIONE: 10,5x17,5 cm.
PAGINE: 112, Brossura
PRIMA EDIZIONE: 2016
PREZZO: 6.00EUR

Perry Parkhurst decide di partecipare a una festa in maschera in stile circense presso i Tate, a cui sarà presente tutta la società che conta della grande città. Il negozio di costumi ha però esaurito i vestiti a tema, a parte un grande costume da cammello che deve essere indossato da due persone. Così Perry ingaggia il suo tassista per impersonare la parte posteriore. Alla festa Betty Medill, la quale aveva rifiutato una proposta di matrimonio di Perry, giunge fascinosa nei panni di un’incantatrice di serpenti, ed è subito attratta dall’uomo travestito da cammello.

Non mi ero ancora imbattuta in Francis Scott Fitzgerald nonostante conosca il Grande Gatsby e Tenera è la notte e questo incontro è stato decisamente positivo.
In questo racconto breve troviamo il protagonista Perry piuttosto demoralizzato ed arrabbiato. 
Ha chiesto alla sua fidanzata storica Betty se voleva sposarlo ed ha ricevuto un secco rifiuto. 
Deciso a spassarsela per dimenticare tenta di annegare la sua delusione nell'alcol ma senza molto successo. 
Si ritrova nel negozio di noleggio costumi per partecipare ad un ballo in maschera ma l'unico travestimento rimasto è quello di un cammello e bisogna essere in due per poterlo indossare. Perry dopo non poche richieste e promesse di ricompense riesce a convincere il suo tassista che sarà appunto : la parte posteriore del cammello.
Per una serie di equivoci alla festa verrà presentato come un'altra persona e giocando sul fraintendimento sarà avvicinato proprio da Betty che si dimostra molto interessata a lui... anche troppo considerata la loro recente rottura!
Non posso svelarvi il finale ,che reputo sia la parte più bella del racconto, ma posso solo dirvi di non sottovalutare mai la parte posteriore del cammello!!!
I personaggi sono molto ben caratterizzati e sembra incredibile che in poco più di cento pagine si riesca a capire così tanto di loro. Un punto di forza del racconto è anche aver il testo in lingua originale ed è istruttivo e molto divertente leggere le battute ,e i commenti a tratti esilaranti, come li ha studiati l'autore.
Lo consiglio per una serata spensierata, vi troverete immersi in un'altra epoca e vedrete i personaggi descritti con uno stile decisamente ironico e disincantato.
Un racconto che vale la pena avere nella propria libreria.







 

Nessun commento:

Posta un commento