domenica 26 febbraio 2017

Recensione : Il gatto che insegnava a essere felici di Rachel Wells


Prezzo: € 16,90
E-book : € 3,99
Pagine: 400
Editore: Garzanti
Genere: Narrativa


Per un gatto come Alfie non esiste niente di meglio che scorrazzare per i giardini di Edgar Road. Solo lì si sente a casa. Gli abitanti del quartiere lo accudiscono come una vera famiglia; hanno imparato ad amarlo e non possono più fare a meno di lui. Ma all'improvviso nella via arrivano dei nuovi vicini i cui movimenti appaiono sospetti: hanno traslocato di notte e non fanno amicizia con nessuno. L'armonia del quartiere è in pericolo e Alfie deve fare qualcosa. È convinto che dietro quelle facce tristi si nasconda un bisogno di aiuto e di conforto. Piano piano, la nuova famiglia si accorgerà di quanto lui sia prezioso per le loro vite: perché Alfie sa che si deve lasciare il cuore aperto a nuovi amici, nuove avventure, nuovi incontri inaspettati. E anche all'amore, che arriva proprio quando si crede di averlo perduto per sempre.


Questo romanzo è il seguito di "Il gatto che aggiustava i cuori " di cui qui troverete la recensione.
Il gatto protagonista Alfie ormai è felice assieme a tutte le sue famiglie e adora stare assieme anche ai suoi amici gatti. Quando arrivano i nuovi vicini è convinto di poter fare subito amicizia con loro e che avrà un'altra famiglia da aggiungere alla lista. Purtroppo non sarà così facile. Gli Snell sono persone molto schive che non danno confidenza a nessuno e sembrano molto tristi. Anche la loro gatta Palla di Neve è molto scontrosa ma Alfie ne resta comunque conquistato e decide che deve aiutarli in ogni modo possibile. 
Una coppia di vicini ficcanaso comincia ad instillare il dubbio in tutto il quartiere insinuando che gli Snell abbiano qualcosa da nascondere e che siano persone di dubbia moralità.
Si instaura così un clima di sospetto e tensione che incupisce tutti gli abitanti della zona e preoccupando "le famiglie" di Alfie.
Il nostro coraggioso gatto però non si arrende e grazie ai suoi amici felini riuscirà a dare una svolta alla vita di quelle persone.
Le dinamiche di buon e cattivo vicinato vengono messe a nudo dimostrando come un vago sospetto e una parola sussurrata possano modificare la percezione che si hanno di persone appena conosciute o magari che si conoscono da una vita.
I protagonisti "umani" che ritroviamo in questo secondo romanzo risultano sfumati e poco presenti mettendo invece in risalto il mondo dei gatti.
L'autrice riesce a rendere credibile una storia di gatti intraprendenti e con un intelligenza straordinaria. 
La storia è godibilissima e coinvolgente. La trama non è originale ma è originale il punto di vista di Alfie ed i suoi amici.
Nonostante le molte pagine il libro scivola via con una scioltezza e incita il lettore ad arrivare alla fine per sapere come va e come un gruppetto di gatti domestici riesca a risolvere una brutta situazione.
Lo consiglio a chi adora questi splendidi felini e ama le storie a lieto fine ma non troppo smielate. Un romanzo che mescola ironia e leggerezza.



Nessun commento:

Posta un commento