venerdì 28 aprile 2017

Novità: Stefano Bartezzaghi - Parole in gioco


Stefano Bartezzaghi
Parole in gioco
Per una semiotica del gioco linguistico

Bompiani

Euro 17, pagine 263 – collana Bompiani Overlook

Non c’è lingua e non c’è epoca in cui non si sia giocato con le parole: troviamo giochi di parole nei testi più solenni di religioni, letterature, filosofie.
Sono una dimensione comune a tutti: dagli analfabeti ai premi Nobel. Ed è proprio dalla classicità e dal folklore che la cultura di massa
ha ripescato le più curiose ed enigmatiche combinazioni linguistiche per adattarle alla contemporaneità.
Dall’enigmistica alla pubblicità, dalla satira ai tweet, la lingua mette in gioco le parole in modo che ci avvincano ancora prima che convincerci.
In queste pagine Bartezzaghi, finissimo e spericolato funambolo del linguaggio,
ci spiega la natura di queste scintille dell’intelligenza e ci invita ad appropriarcene.


“Capire quando una parola giochi e quando faccia sul serio non è facile, e forse non è neppure del tutto sensato.

Il gioco è una potenzialità sempre presente nel linguaggio umano.”

Stefano Bartezzaghi (Milano, 1962) è docente di Semiotica e di Teorie della Creatività e direttore del master di giornalismo alla Iulm di Milano; collabora con “la Repubblica” e dirige “Il senso del ridicolo”, festival di Livorno sull’umorismo. Ha pubblicato diverse raccolte di giochi linguistici, enigmistici e letterari, e ha scritto la prima storia del cruciverba, L’orizzonte verticale (2007). Ha curato e commentato la nuova edizione degli Esercizi di stile di Raymond Queneau, nella classica traduzione di Umberto Eco (2001). Fra i suoi libri più recenti ricordiamo Dando buca a Godot. Giochi insonni di personaggi in cerca di autore (2012),Anche meno. Viaggio nell’italiano low cost (2013), M. Una metronovela (2015) e La ludoteca di BabeleDal dado ai social network: a che gioco stiamo giocando?(2016).


Incontri con l’autore

Le prime date:

Mercoledì 3 maggio: Bologna, Liberia Coop Ambasciatori, ore 18. Interviene Cristina Demaria
Giovedì 4 maggio:  Firenze, Teatro del Sale (per informazioni e prenotazioni: 0552001492)
Domenica 7 maggio: Rovigo, “Rovigoracconta”, piazza Garibaldi, ore 17.30
Sabato 13 maggio, Pisa, “Italiano corretto”, ore 14.40

Nessun commento:

Posta un commento