venerdì 28 aprile 2017

Recensione : La linea del destino di Daniela Tresconi


Prezzo: € 10,00
E-book : € 2,99
Pagine: 107
Editore: Panesi Edizioni
Genere: Narrativa/Storico

Arcola è un tipico borgo arroccato che si affaccia sulla Vallata del Magra. Il suo Castello e la sua Torre Pentagonale da millenni osservano silenziosi le vicende delle genti che lo abitano. Valentina arriva in paese alla ricerca della tranquillità, ma ben presto tutte le sue scientifiche certezze verranno scosse da inquietanti e quanto mai misteriose sensazioni. Tre donne, tre epoche e tre mondi completamente diversi, eppure legati da un unico indissolubile destino e dal mistero di un atroce delitto. Quanto tempo per scoprire che non si può sfuggire a se stessi e che la fine spesso è solo un altro inizio?


Valentina è rimasta incantata dal borgo di Arcola. Decide di abitarvi per un breve periodo per poter finire il suo articolo sull'uso delle piante nella farmaceutica moderna. Si sente a casa e la vita tranquilla che conduce la fanno sentire bene. 
Una notte qualcosa cambia ed una presenza le appare, la spaventa, la fa sentire impaurita e allo stesso tempo si rende conto che questioni irrisolte si trascinano da troppo tempo.
Nel contempo conosce Vanda, un'anziana del paese che tutti giudicano un po' matta. Lei comprende perfettamente quello che sta passando Valentina e cerca di aiutarla come può.
Arcola secoli addietro è stata lo scenario di un brutale omicidio. 
Ma peggio dell'aver spezzato una giovane vita c'è la volontà di cancellare ogni traccia dell'esistenza della giovane Amelia la cui colpa era quella di essere brava con le erbe e di portare in grembo il frutto di una brutale violenza.
L'autrice riesce a tessere il racconto attorno a queste tre donne forti e fragili allo stesso tempo che ,aiutandosi a vicenda, riusciranno a dar pace ad una vittima dell'ignoranza destinata ad essere dimenticata come se non fosse mai esistita.
Il libro è scorrevolissimo e molto coinvolgente. 
In poche pagine troviamo una bellissima trama che non è originalissima ma ben strutturata e sviluppata.
Gli scorci descritti di Arcola fanno trasparire l'amore della scrittrice per questo borgo e per la storia di cui è intrisa.
Un piccolo gioiello d aggiungere alla propria libreria.










Nessun commento:

Posta un commento