venerdì 2 giugno 2017

[BlogTour] La mia ultima estate di Anne Freytag: Tappa #5 - Recensione


Buondí Readers,

concludiamo la settimana con la recensione di un libro che ha lasciato un segno profondo nel mio cuore e dal quale non mi riprenderó facilmente...

Prezzo: € 14,90
E-book: € 4,99
Pagine: 251
Editore: Leggereditore
Data Pubblicazione: 25 Maggio
Genere: YA

Trama

Tessa, diciassette anni, ha atteso a lungo il ragazzo perfetto, il momento perfetto, il bacio perfetto. Pensava di avere ancora molto tempo davanti a sé, prima di scoprire che a causa di un difetto cardiaco le restano poche settimane di vita. Stordita, arrabbiata, disperata, aspetta di morire chiusa nella sua stanza. È un'attesa amara, la sua, perché sa di non aver vissuto a pieno. Pensa a se stessa come a una "ragazza soprammobile',' che morirà "vergine e senza patente". Fino a quando non incontra Oskar e tutto sembra di nuovo possibile. Nonostante Tessa cerchi di allontanarlo, convinta che una relazione sarebbe insensata ed egoistica, lui non le lascia scampo. Oskar sa vedere dietro le apparenze, non ha paura e vuole rimanerle accanto. Pur di sorprenderla, di vedere i suoi occhi brillare per l'emozione, organizza un piano per farle vivere un'ultima estate perfetta. Un viaggio in Italia a bordo della sua Volvo sgangherata per ammirare i tesori di Firenze, sedersi sulla scalinata di Piazza di Spagna, mangiare una pizza a Napoli. Un'ultima estate in cui il tempo non ha importanza e ciò che conta sono solo i sentimenti.






RECENSIONE

Scrivere questa recensione non é facile, ho ancora il cuore in pezzi e carico di emozione: La mia ultima estate mi ha tolto il fiato e si é rivelato essere diverso dai soliti Young Adult.
In poche pagine il lettore scopre la triste realtà di Tessa, nulla viene celato e senza mezzi termini e senza indorare la pillola gli viene detto che per lei non c'é speranza e che la sua vita é ormai arrivata al capolinea.
Il libro é una sorta di diario di Tessa, che mette nero su bianco ció che prova, come vive la sua situazione e come gli altri la trattano e sono cambiati da quando la sua malattia ha avuto la meglio e proprio quando oramai tutto intorno a Tessa sembra diventare grigio ecco che nella sua vita entra Oskar, che con il suo sorriso un po' sbilenco la fa sentire di nuovo viva, le fa tornare il sorriso e alla fine le regala l'estate perfetta.
Pagina dopo pagina impariamo a conoscere Tessa e Oskar, un mondo fatto di emozioni contrastanti, di amore, di perdita, ma nello stesso per assurdo é un mondo pieno di vita, un mondo che ci ricorda che non dobbiamo mai smettere di vivere intensamente, che non dobbiamo trascurare nulla e che non dobbiamo mai dimenticare che non siamo immortali e che proprio per questo dobbiamo dare e prendere il massimo.
Non vi nascondo che le lacrime hanno iniziato a scendere fin dall'inizio, perché é davvero impossibile non farsi coinvolgere dalla storia di Tessa e il modo in cui in prima persona racconta di se, come descrive non solo la sua vita, ma le sue speranze, la consapevolezza di non avere piú nulla su cui fantasticare ed anche il dolore fisico che la tormenta arriva tutto dritto al cuore del lettore, che viene travolto e coinvolto prima da lei e poi da Oskar.
In maniera semplice e senza censure la Freytag mostra al lettore uno degli aspetti piú crudeli della vita e lo fa con grande maestria, usando parole forti, senza soffermarsi troppo sulle ambientazioni o sulla descrizione dei personaggi, perché tutta l'attenzione deve andare a Tessa, alla sua malattia, alla sua forza e alla sua capacità di riuscire a sorridere e ad essere di nuovo felice.
 I due protagonisti sono terribilmente veri e realistici, potrebbero essere i ragazzi della porta accanto: due giovani vite che soffrono, che hanno sofferto e che hanno finalmente trovato l'amore tanto atteso ed anche se sarà breve decidono di viverlo senza negarsi nulla e cosí Tessa avrà la sua perfetta ultima estate, mentre Oskar l'estate piú bella dei suoi 19 anni.
La mia ultima estate non é un libro facile da digerire, lo si legge in pochissime ore, lo si divora, lo si vive e arrivati alla fine ci si sente svuotati, doloranti, sconfitti, ma nello stesso tempo soddisfatti.
Un libro straziante che ha molto da insegnare, che parla di vita e di amore e lo fa senza risparmiare nulla al lettore, un libro fatto di sentimenti, che incatena il lettore e lo colpisce dritto allo stomaco e al cuore, lasciandolo senza fiato e senza parole, facendolo innamorare e soffrire.
Sono molti i motivi per cui dovreste leggere questo libro, che tra l'altro é scritto benissimo e pur affrontando un tema difficile e non essendo assolutamente una lettura leggera riesce comunque a sedurre il lettore. La Freytag per me é stata una vera e propria scoperta, mi sono innamorata del suo stile semplice ma vero, del suo linguaggio moderno ed ho apprezzato il modo in cui ha deciso di raccontare la storia di Tessa e Oskar, quest'ultimo verso la fine del libro alterna la sua narrazione a quella di Tessa e sono proprio i suoi capitoli ad accompagnare il lettore verso la fine...
La mia ultima estate é uno di quei libri che vanno letti con una scatola di fazzoletti a portata di mano, con la consapevolezza che si piangerà molto, ma che alla fine ne sarà davvero valsa la pena.
















2 commenti:

  1. Bellissima recensione Roberta! Grazie per aver partecipato a questo BlogTour!

    RispondiElimina
  2. Bellissima recensione Roberta! Grazie per aver partecipato a questo BlogTour!

    RispondiElimina